Se non visualizzi bene questa mail premi qui.
Se vuoi visualizzare l'archivio newsletter premi qui.
Your Company
Staff Macondo

RESOCONTO DEL FESTIVAL HAIKU IN GENT (Belgio) - settembre 2015
Sul sito di Cascina Macondo il... continua.

RESOCONTO DELLA PREMIAZIONE HAIKU DOMENICA 15 NOVEMBRE 2015
Sul sito di Cascina Macondo il... continua.

FORMAZIONE HAIKU - INCONTRI “TAIKAI HAIKÙ” A CASCINA MACONDO
INCONTRI “TAIKAI HAIKÙ”: Ca... continua.

LA STRETTA DI MANO E IL CIOCCOLATINO - di Pietro Tartamella
"LA STRETTA DI MANO E IL CIOCC... continua.

LA VOCE E LA LETTURA GIORNATA DI RINFORZO A CASCINA MACONDO
LA VOCE E LA LETTURA STAGE ... continua.

“GOODMORNING POESIA ORE 7” quindicinale a cura di Pietro Tartamella - IL RUMORE DEGLI ANNI, di Franco Olmeo
IL RUMORE DEGLI ANNI: Nien... continua.

“ERBA MANENT” quindicinale di erbe, frutti e piante a cura di Antonella Filippi - SALE E CULTURA (quarta parte)
SALE E CULTURA(quarta parte): ... continua.

“LESSICO INGLESE goccia a goccia – ENGLISH LEXICON drop by drop” - settimanale a cura di Pietro Tartamella - TO CLASP, TO SOOTHE
TO CLASP /klɑ:sp/ --- ... continua.

OrtolìneaCM - Accentazione Ortoèpica Lineare a cura di Fiorènza Alineri: “L'acqua della vita”(seconda parte), una fiaba dei fratèlli Grimm
Dato che neanche il secondo fi... continua.


Utenti Frécciolenews

NATALE E’ ALLE PORTE. REGALA E REGALATI UN LIBRO.
“La Chiave” un piccolo prezzo... continua.

Spettacolo 'La locanda del migrante' - Teatro Palco 19 - ASTI -
Nell’ambito delle celebrazioni... continua.

Presentazione del Progetto”DIRITTO2016″ per una Torino accessibile a Tutti
Il 3 dicembre 2015, in occasi... continua.

PAOLO MIELI: L'ARMA DELLA MEMORIA - CONTRO LA REINVENZIONE DEL PASSATO - ED. RIZZOLI
PAOLO MIELI: L’arma della memo... continua.

Questa settimana a Radio Fahrenheit.
Mercoledì. Il libro del giorn... continua.

Un Brindisi al NATALE - Torino
Martedì 22 dicembre dalle ore ... continua.

Un Natale di Libri - BOLZANO
Arrivando al venticinquesimo c... continua.

Recensione di un ergastolano al libro “A modo mio” di Francesco Coccia
Ho pensato alla visita che ci ... continua.


RESOCONTO DEL FESTIVAL HAIKU IN GENT (Belgio) - settembre 2015
Sul sito di Cascina Macondo il resoconto di Antonella Filippi sull'interessante Festival Internazionale Haiku svoltosi a Gent a metà settembre 2015. Cascina Macondo ha partecipato con Pietro Tartamella, Annamaria Verrastro, Antonella Filippi. COPIA E INCOLLA IL SEGUENTE LINK SUL TUO BROWSER: http://www.cascinamacondo.com/index.php?option=com_content&view=article&id=1371:rct-resoconto-festival-haiku-in-gent-settembre-2015&catid=102:news&Itemid=90
torna su




RESOCONTO DELLA PREMIAZIONE HAIKU DOMENICA 15 NOVEMBRE 2015
Sul sito di Cascina Macondo il resocondo della splendida giornata di domenica 15 novembre 2015, giorno della Cerimonia della Premiazione del Concorso Internazionale Haiku 13 edizione 2015, edito da Cascina Macondo. Foto di Domenico Benedetto; resoconto di Antonella Filippi. COPIA E INCOLLA IL SEGUENTE LINK SUL TUO BROWSER: http://www.cascinamacondo.com/index.php?option=com_content&view=article&id=1369:rct-resoconto-premiazione-haiku-2015&catid=102:news&Itemid=90
torna su




FORMAZIONE HAIKU - INCONTRI “TAIKAI HAIKÙ” A CASCINA MACONDO
INCONTRI “TAIKAI HAIKÙ”: Cascina Macondo partécipa da molti anni a importanti Congrèssi, Convegni, Festival Internazionali di poesìa haikù con analisi, studi, contributi originali. Molti concètti contenuti nel “Manifèsto della Poesìa Haikù in Lingua Italiana” (documento che è frutto di quìndici anni di esperiènze, approfondimenti, confronti) sono stati esposti al Congrèsso Internazionale di Vadstena - Svèzia (2007), al Convegno di Torino - Italia (2007 e 2009), al Festival di poesìa haikù in Vìlnius - Lituania (2009), al Convegno di Gènt - Bèlgio (2010), al Festival Haikù Peace di Gènt - Bèlgio (2015). Cascina Macondo, pur nel rispètto della tradizione, propone a livèllo internazionale una “VÌA ITALIANA ALLA POÈTICA HAIKÙ”. Per raggiùngere questo obiettivo e rènderne più incisivi i principi e le idèe, intendiamo potenziare a Cascina Macondo il gruppo di scrittori appassionati di haikù. Un gruppo attivo di haijin. Proponiamo periòdici appuntamenti di formazione denominati “TAIKAI HAIKÙ” (incontrare l’haikù). In questi appuntamenti si approfondìscono le idèe contenute nel nòstro Manifèsto, si scrìvono haikù, si analìzzano, si comméntano, si confróntano. Gli autori che partécipano agli incontri sono soggètti attivi di una formazione approfondita. Cascina Macondo vuòle continuare a portare il sùo contributo nel dibàttito internazionale sulla poètica haikù ed èssere con le sùe delegazioni una presènza autorévole nei congrèssi che si organìzzano ogni anno in ogni parte del mondo ---------------------------------------------------------------------- 1° APPUNTAMENTO “TAIKAI HAIKÙ” CASCINA MACONDO DOMÉNICA 24 GENNAIO 2016 - ORE 9.30 / 18.00 ----------------------------- ARGOMENTI DI APPROFONDIMENTO: * varie definizioni dell’haikù * definizioni poètiche dell’haikù * definizioni socio-polìtiche dell’haikù * perché 5-7-5 sìllabe * il Sekaisàn (o Sekài, o Haisàn) ******** pausa pranzo ********* che còsa è haikù * che còsa non è haikù * scriviamo alcuni haikù * anàlisi collettiva e commenti sugli haikù proposti dai partecipanti * interventi liberi dei partecipanti su argomenti specifici (durata massima 20 minuti) * distribuzione dispènse ----------------------------------- CONTRIBUTO DI PARTECIPAZIONE ALL’ INCONTRO: èuro 10 indispensàbile la prenotazione all’indirizzo: info@cascinamacondo.com ---------------------------------- PRANZO CONDIVISO: CIASCUNO PORTA CIBO E BEVANDE -------------------------- PER CHI VIENE DA LONTANO possibilità di pernottamento a còsti di Bed&Breakfast prèsso la foresterìa “Tiziano Terzani” di Cascina Macondo ------------------- COPIA E INCOLLA IL SEGUENTE LINK SUL TUO BROWSER PER SAPERNE DI PIU':http://www.cascinamacondo.com/index.php?option=com_content&view=article&id=1363:incontri-taikai-haiku-a-cascina-macondo&catid=102:news&Itemid=90 --------------------- Cascina Macondo APS Cèntro Nazionale per la promozione della lettura creativa ad alta voce e poètica haikù Borgata Madònna della Róvere, 4 – 10020 Riva Prèsso Chièri (TO)
torna su




LA STRETTA DI MANO E IL CIOCCOLATINO - di Pietro Tartamella
"LA STRETTA DI MANO E IL CIOCCOLATINO - I DETENUTI RACCONTANO" di Pietro Tartamella ------ Racconta l'esperienza di due anni di lavoro in carcere con il progetto Parol, e raccoglie gli scritti,poesie, racconti, riflessioni, haiku, cut-up dei detenuti che hanno partecipato al progetto ---------------------------------------------------------- Dalla prefazione: << LA STRETTA DI MANO E IL CIOCCOLATINO: un libro-diario affinché non vadano perduti i dettagli di due anni di vita e di lavoro nelle carceri. Un diario che racconta come è andato avanti Parol, cosa è successo, quali progressi, quali sconfitte, quali entusiasmi, quali delusioni, quali alleanze… Un diario che diventa anche una fotografia. Una fotografia della nostra Italia >> ------ LA STRETTA DI MANO E IL CIOCCOLATINO: edizioni: Gióvane Holden Edizioni ---- collana: Cascina Macondo --- pagg: 614 --- formato: cm 14,5 x 21 --- autore: Piètro Tartamèlla, Anna Maria Verrastro, Nagi Tartamella, Florian Lasne, Antonella Filippi e i detenuti del carcere Rodolfo Morandi (Saluzzo) e del carcere Lorusso-Cutugno (TO) --- ISBN: 978-88-97773-26-9 --- còsto: offèrta mìnima 16 èuro + spese di spedizione (che, come al sòlito, sono a sostegno delle attività istituzionali di Cascina Macondo) ---- avvertènza 1: prenòta le tùe còpie, è un bellìssimo regalo che puoi fare! TIRATURA LIMITATA ---- avvertènza 2: se prenòti 10 còpie, una còpia in omaggio ------------- se alla cerchia dei tuòi amici vuòi far conóscere un pòco il mondo della detenzione prenòta le tùe còpie di “LA STRETTA DI MANO E IL CIOCCOLATINO”: info@cascinamacondo.com
torna su




LA VOCE E LA LETTURA GIORNATA DI RINFORZO A CASCINA MACONDO
LA VOCE E LA LETTURA STAGE DI APPROFONDIMENTO 2° LIVÈLLO condotto da Piètro Tartamèlla --------- giornata intensiva di aggiornamento sulla lettura ad alta voce a Cascina Macondo DOMÉNICA 17 GENNAIO 2016 dalle ore 9.00 / alle ore 18.00 ------- laboratòrio professionale rivòlto a chi già conosce la dizione, a chi ha già frequentato i laboratòri di Lettura Creativa di Cascina Macondo, a chi ha seguito percorsi sìmili prèsso altri cèntri di formazione, a chi per curiosità, passione, interèsse profondo vuòle esplorare la voce ------- PROGRAMMA: le pliche vocali - la muta vocale - i suòni introplicati - il ritmo giàmbico, trochèo, dàttilo, molòsso, anapèsto - scioglilingua e sciogliritmi - tip-tap òrtosillàbico - cut-up vocale - il punto interrogativo - le variazioni di sequènza ------------------- OGNI PARTECIPANTE PÒRTA UN TÈSTO DA LÈGGERE (durata màssima 4 minuti) --------------- contributo di partecipazione èuro 70 (comprensivo delle dispènse) - iva esclusa da versare il giorno stesso dello stage - ISCRIZIONI ENTRO il 10 GENNAIO 2016 ----- a tutti i partecipanti verrà rilasciato un attestato di frequènza ----- PER LA PAUSA-PRANZO ognuno pòrta cibo e bevande da condivìdere. Cascina Macondo prepara un primo piatto e il caffè ------------- Poiché il programma è molto intènso, serrato, dinàmico, si invìtano i partecipanti ad arrivare puntuali! Non sono contemplati recùperi ------------- il nùmero màssimo di partecipanti ammessi ad ogni sìngolo stage, per nòstra buòna e consuèta abitùdine, tènde a non superare la consistènza uòvo (una dozzina) ----------------- PER CHI VIÈNE DA LONTANO POSSIBILITÀ DI PERNOTTAMENTO A CÒSTI DI BED AND BREAKFAST PRÈSSO LA FORESTERÌA “TIZIANO TERZANI” DI CASCINA MACONDO -------------- COPIA E INCOLLA IL SEGUENTE LINK SUL TUO BROWSER PER SAPERNE DI PIU': http://www.cascinamacondo.com/index.php?option=com_content&view=article&id=1364:la-voce-e-la-lettura-una-giornata-di-rinforzo-a-cascina-macondo&catid=102:news&Itemid=90 ------------------- Cascina Macondo Cèntro Nazionale per la Promozione della Lettura Creativa ad Alta Voce e Poètica Haikù Borgata Madònna della Róvere 4 - 10020 Riva Prèsso Chièri (TO) tel / fax 011 / 9468397 - cell. 328 4262517 - E.Mail: info@cascinamacondo.com - www.cascinamacondo.com
torna su




“GOODMORNING POESIA ORE 7” quindicinale a cura di Pietro Tartamella - IL RUMORE DEGLI ANNI, di Franco Olmeo
IL RUMORE DEGLI ANNI: Niente ti porta indietro / Quanto una / Nota musicale / Niente ricorda / Un volto / Quanto una / Nota musicale / Niente risveglia / Una emozione / Quanto una / Nota musicale / E allora / Mi accuccio / Chiudo / Gli occhi / E ascolto / Il rumore sereno / Degli anni / Che passano // (Franco Olmeo) ------ pietro.tartamella@cascinamacondo.com
torna su




“ERBA MANENT” quindicinale di erbe, frutti e piante a cura di Antonella Filippi - SALE E CULTURA (quarta parte)
SALE E CULTURA(quarta parte): Il sapore e le proprietà del sale comune (NaCl o cloruro di sodio) sono legate principalmente al sodio (Na), un elemento indispensabile per l'organismo, ma per il quale, a differenza di altri nutrienti, difficilmente si presentano problemi di carenza. Le principali fonti di sodio sono: 1) il sodio contenuto naturalmente negli alimenti (frutta, verdura, acqua, carne, ecc.), che rappresenta il 10% dell’apporto totale; 2) il sodio aggiunto durante la cottura dei cibi o a tavola, che rappresenta in media il 35% dell’apporto totale; 3) il sodio contenuto nei prodotti trasformati sia artigianali che industriali e nei cibi consumati fuori casa, pari al 55% del totale. Un grammo di sale corrisponde a 0,4 grammi di sodio. Tra gli alimenti ricchi di potassio, così come indicato da parte dell'OMS, è possibile trovare i legumi, in particolare i piselli, che presentano un contenuto di potassio approssimativo di 1300 mg ogni 100 grammi; frutta secca (circa 600 mg ogni 100 grammi); verdure e ortaggi come spinaci, cavoli e prezzemolo (circa 550 mg ogni 100 grammi); frutta come banane, papaia e datteri (circa 300 mg ogni 100 grammi). I procedimenti di lavorazione industriale riducono il contenuto di potassio presente in diversi prodotti, ricorda l'OMS. Per quanto riguarda il sodio, l'OMS ricorda i quantitativi della sua presenza in alcuni alimenti di consumo comune: latte e panna contengono circa 50 mg di sodio ogni 100 grammi; le uova ne contengono circa 80 mg ogni 100 grammi; il pane prodotto industrialmente può contenere fino a 250 mg di sodio ogni 100 grammi; le carni conservate possono contenerne fino a 1500 mg ogni 100 grammi, il medesimo contenuto presente in snack salati, patatine e pop-corn; il dado può contenere anche 20000 mg (cioè 20 grammi!!) di sodio ogni 100 grammi di prodotto. Attualmente, a parere dell'OMS, le persone consumerebbero molto più sodio, rispetto al potassio, portando a una situazione di squilibrio in grado di causare pressione alta, che può condurre a patologie gravi a livello del cuore e ad aumentare il rischio di ictus. Le linee guida devono essere rispettate anche nel caso dei bambini, sulla base di peso, altezza ed energia consumata, in quanto un bambino con la pressione alta sarà molto probabilmente un adulto con il medesimo problema. La riduzione progressiva del consumo di sale ha un effetto positivo sulla salute: 1) riduce la pressione arteriosa; 2) migliora la funzionalità di cuore, vasi sanguigni e rene; 3) aumenta la resistenza delle ossa. La guerra alla saliera si combatte ogni giorno anche a casa. Ecco come: 1) leggere il contenuto di sale in etichetta quando si comprano cibi già preparati o conservati; 2) togliere dalla tavola saliere e bottiglie di salse salate; 3) limitare la quantità di sale aggiunto cucinando; 4) limitare il consumo di prodotti ad alto contenuto di sale (per es. dadi da brodo, maionese, salse, snack salati, patatine in sacchetto, cibi in scatola, alcuni salumi e formaggi); 5) educare i gusti dei bambini (già dallo svezzamento) abituandoli a una dieta composta in maggioranza da cibi non processati e senza l’aggiunta di sale; 6) evitare l’aggiunta di sale nelle pappe dei bambini, almeno per il primo anno di vita; 7) preferire spezie, erbe aromatiche, succo di limone o aceto per insaporire ed esaltare il sapore dei cibi; 8) usare sale integrale, che contiene tutti i minerali e gli oligoelementi utili, sostituendolo al sale bianco, composto solo da cloro e sodio. Non è difficile ridurre l’apporto giornaliero di sale, soprattutto se la riduzione avviene lentamente, facendo sì che il nostro palato si adatti in modo graduale. Attenzione: il pane è una delle principali fonti di sale. Rispetto ad altri prodotti con più alto contenuto di sale, come i formaggi e gli insaccati, il pane, infatti, è presente tutti i giorni sulla nostra tavola ed è consumato dagli adulti e dai bambini!(fine della quarta parte)----antonella.filippi@cascinamacondo.com
torna su




“LESSICO INGLESE goccia a goccia – ENGLISH LEXICON drop by drop” - settimanale a cura di Pietro Tartamella - TO CLASP, TO SOOTHE
TO CLASP /klɑ:sp/ --- v. t. 1) affibbiare; agganciare --- 2) stringere; afferrare; tenere stretto: He clasped my arm = mi strinse il braccio); (to clasp sb.'s hand = stringere la mano a q.); (to clasp one's hands = giungere le mani (intrecciando le dita)--- 3) stringere; abbracciare: (I clasped her in my arms = la strinsi fra le braccia); (to clasp each other = abbracciarsi) -------------------------------------------------------------------------------- TO SOOTHE /su:ð/ -- v. t. 1) calmare; lenire; consolare; mitigare; placare; attenuare: (to soothe a frightened child = calmare un bambino spaventato); (to soothe a pain = lenire un dolore) --- 2) blandire; lusingare: (to soothe sb.'s vanity = lusingare la vanità di q.) --- pietro.tartamella@cascinamacondo.com --- (i vocaboli sono tratti dal Dizionario inglese/italiano – italiano/inglese “Ragazzini” - Zanichelli editore. Il dizionario Ragazzini contiene anche la fonetica delle parole inglesi e, nel cd-rom, la pronuncia sonora di tutti i lemmi inglesi: http://dizionari.zanichelli.it/dizionariOnline)
torna su




OrtolìneaCM - Accentazione Ortoèpica Lineare a cura di Fiorènza Alineri: “L'acqua della vita”(seconda parte), una fiaba dei fratèlli Grimm
Dato che neanche il secondo figlio tornava, il più gióvane vòlle andare anche lùi a cercare l'acqua, e il re dovètte lasciarlo andare. Quando incontrò il nano, e questi gli domandò: - Dove vai così di fretta? - egli rispose: - Cerco l'acqua della vita, perché mìo padre è ammalato e sta per morire - - Sai dove trovarla? - - Nò - rispose il prìncipe. - Allora te lo dirò ìo, poiché ti sèi comportato bène con me. Zampilla da una fonte che si tròva in un castèllo incantato; per potervi entrare, ti dò una verga di fèrro e dùe pagnottine. Con la verga batti tre vòlte al portone di fèrro del castèllo, e si spalancherà. All'intèrno ci sono dùe leoni con le fauci apèrte, ma se tu gètti loro il pane si placheranno. Allora corri a prèndere l'acqua della vita prima che scòcchino le dódici, altrimenti il portone si richiude e tu rèsti imprigionato.- Il prìncipe lo ringraziò, prese la verga e il pane, andò e trovò tutto quanto pròprio come aveva detto il nano. Il portone si spalancò al tèrzo colpo di verga; dopo avere ammansito i leoni, egli entrò nel castèllo e giunse in una bèlla sala: là c'èrano dei prìncipi stregati, ed egli tòlse loro gli anèlli dal dito; pòi c'èrano anche un pane e una spada ed egli li prese e li portò vìa. Più avanti trovò una stanza dove c'èra una bèlla fanciulla, che si rallegrò vedèndolo, lo baciò e disse che egli l'aveva liberata e doveva avere tutto il sùo regno e se fosse tornato entro un anno, avrèbbero celebrato le nòzze. Pòi gli disse dove si trovava la fonte con l'acqua della vita; ma doveva sbrigarsi ad attìngerla prima che scoccàssero le dódici. Proseguì finché giunse in una stanza dove si trovava un bèl lètto appena fatto e, siccome èra stanco, vòlle prima riposarsi un pò'. Si distese e si addormentò; e quando si svegliò stàvano suonando le ùndici e tre quarti. Allora si alzò in pièdi tutto spaventato, corse alla fonte, riempì d'acqua un bicchière che èra lì vicino e si affrettò ad andàrsene. Stava uscèndo dal portone di fèrro che suonàvano le dódici; e il portone si chiuse con tanta violènza, che gli portò vìa un pèzzo di calcagno. Ma egli èra contènto di èssere riuscito a prèndere l'acqua della vita; si mise in cammino vèrso casa e passò nuòvaménte accanto al nano. Questi, vedèndo la spada e il pane, disse: - Hai guadagnato un bèl tesòro! Con la spada puòi sconfìggere interi esèrciti, e il pane non finisce mai -. Ma il prìncipe non voleva tornare a casa dal padre sènza i suòi fratèlli, e domandò: - Caro nano, puòi dirmi dove sono i mièi dùe fratèlli? Sono andati alla ricerca dell'acqua della vita prima di me, e non hanno più fatto ritorno -. - Sono prigionièri fra dùe monti - rispose il nano. - Li hò stregati in questo mòdo a causa della loro supèrbia.- Allora il prìncipe lo supplicò tanto, finché il nano finì col liberarli, ma disse ancora: - Guàrdati da loro: hanno il cuòre malvagio -. (fratèlli Grimm) ----- fiorenza.alineri@cascinamacondo.com
torna su




NATALE E’ ALLE PORTE. REGALA E REGALATI UN LIBRO.
“La Chiave” un piccolo prezzo per un libro interessante che narra la storia di Maruzzella cameriera della regina Giovanna II. Una narrazione che risulta subito piacevole, scorrevole e interessante. La giovane s’ imbatterà in feroci intrighi, vergognosi tradimenti e sarà testimone dei fatti gravissimi che accaddero a corte all’epoca nel turbolento Regno di Napoli . Acquistalo sulla libreria on line “Neapolis” o su E Bay. Solo euro 7,50 ------------------------------------------------------------------------------ “I racconti di Mamma Orsa” un libro per i più piccini, interamente illustrato da due giovani della scuola d’arte Comix. Allegro e dolcissimo. In tutte le librerie. Edito dalla Milena Edizioni.
torna su




Spettacolo 'La locanda del migrante' - Teatro Palco 19 - ASTI -
Nell’ambito delle celebrazioni della Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità 2015, Giovedì 10 dicembre 2015 - ore 21.00 torna in scena la Compagnia delle Frottole con lo spettaloco: “LA LOCANDA DEL MIGRANTE” - Teatro Palco 19 - Via Ospedale 19 – Asti ---- Siamo ad Acquanegra Cremonese, nel cuore della Padania. Nel ristorante, gestito da stravaganti personaggi e frequentato da altrettanto eccentrici avventori, si susseguono numerose ed esilaranti vicende, in grado di rapire completamente l’attenzione del pubblico. È questa, in breve, la storia avvincente e divertente presentata dall’Associazione culturale I Buffoni di Corte ONLUS e rappresentata dalla sua compagnia teatrale La Compagnia delle Frottole con la regia di Luca Nicolino ------------ Protagonisti 26 attori, 13 ragazzi con la sindrome di Down e 13 volontari che, con passione e dedizione, hanno già saputo suscitare grandi emozioni ed ilarità nel pubblico presente lo scorso anno a Torino, sia al Teatro Alfieri, sia alla Casa del Teatro Ragazzi e Giovani. ****** “La Locanda del Migrante, che affronta tematiche di grande rilevanza come il razzismo, l’omosessualità e la libertà - spiega il regista Luca Nicolino - è un'occasione per mostrare come le persone con la sindrome di Down, se inserite in un contesto favorevole, siano in grado di mostrare le proprie abilità, esibendosi come attori e artisti al pari di chiunque altro. Le nostre pièces teatrali sono la sintesi e il frutto di un’esperienza pluridecennale maturata dall’Associazione I Buffoni di Corte nel campo della formazione in ambito teatrale e drammaturgico di ragazzi disabili, volta a favorirne l’integrazione e l’inserimento nel tessuto sociale”. ****** Ingresso a offerta libera fino ad esaurimento biglietti. ----- Il ricavato della serata verrà destinato al sostegno di progetti promossi dalla Cpd - Consulta per le Persone in Difficoltà onlus. Per ulteriori informazioni: uffstampa@cpdconsulta.it - 011.3198145 – www.cpdconsulta.it
torna su




Presentazione del Progetto”DIRITTO2016″ per una Torino accessibile a Tutti
Il 3 dicembre 2015, in occasione della Giornata Internazionale delle persone con disabilità, alle ore 15 presso la sala delle colonne del Comune di Torino (Via Palazzo di Città n. 1) si terrà la presentazione del progetto 'DIRITTO2016, per una Torino accessibile a tutti'. --- L’iniziativa, organizzata dall’Associazione Italiana Paralisi Spastica e dal SEA Italia (Servizio Emergenza Anziani), ha lo scopo di creare un percorso per candidare Torino, nei prossimi anni, a concorrere al premio “ACCESS CITY AWARD”, riconoscimento dato dalla Commissione Europea insieme all’European Disability Forum alle città con più di 50.000 abitanti che hanno abbattuto le barriere architettoniche e culturali per rendersi davvero accessibili a tutti, a prescindere dallo stato limitante della persona (che si tratti di anziani, persone con disabilità, genitori con passeggini o persone con ridotte capacità motorie). Tra le Città vincitrici del premio oltre a Gotheborg troviamo Berlino, già legata alla nostra Città grazie alla manifestazione “Torino incontra Berlino”. La Città tedesca ha dato avvio a diversi programmi come l’ufficio di coordinamento “edificio senza barriere”, che dal 2000 opera come centro di consulenza e partner di riferimento per costruttori pubblici e privati. La complessità della città è stata gestita a livello di sistema e l’accessibilità è inserita nei settori più importanti. Dal 2011 ad oggi nell’ ACCESS CITY AWARD, tra vincitori, finalisti, e Città con menzione speciale compaiono 32 località europee e tra queste nessuna italiana. Torino, una delle prime Città ad istituire la figura del Disability Manager, ha provato a concorrere al premio nel 2013 senza ottenere nessun riconoscimento; noi crediamo ora che fattore critico di successo sia l’apporto delle Associazioni di Volontariato di diversi ambiti per creare un gruppo di lavoro diffuso sul territorio cittadino che operi in modo sinergico con l’amministrazione. ------ Ore 15.00 presentazione gruppo di lavoro DIRITTO2016 ----- ore 18.00 festeggiamo la nascita di DIRITTO2016 al Club OTTANTAQUATTRO - Corso Massimo D’Azeglio 9, Torino. ENTRATA GRATUITA --- Angelo Catanzaro 011/8138726 mobile 389/9988939, www.aipsonlus.org
torna su




PAOLO MIELI: L'ARMA DELLA MEMORIA - CONTRO LA REINVENZIONE DEL PASSATO - ED. RIZZOLI
PAOLO MIELI: L’arma della memoria - Contro la reinvenzione del passato (Edizioni Rizzoli) ----- Paolo Mieli racconta storie grandi e piccole, vicine o apparentemente lontanissime, per riflettere sul passato come arma nelle dispute d’oggi. «Non bisogna cadere nella tentazione di usare la storia per rafforzare le nostre convinzioni sul presente». L’onesto uso della memoria è il più valido antidoto all’imbarbarimento. E lo è in ogni stagione politica, in ogni momento del dibattito culturale, in ogni epoca della storia. Un uso onesto che, in quanto tale, presuppone non ci si rivolga al passato in cerca di una legittimazione per le scelte di oggi. Anzi, semmai, per individuare in tempi lontani contraddizioni che ci aiutino a modificare o a mettere a registro quel che pensiamo adesso. Ben diverso (e diffuso, purtroppo) è il ricorso a forzature della memoria come arma per farci tornare i conti nel presente. Un’arma usata con infinite modalità di manipolazione, che producono danni quasi irreparabili alla coscienza storica, deformano il passato, intossicano il ricordo collettivo anche dei fatti più prossimi. E che, come tale, merita di essere combattuta. Paolo Mieli ce lo dimostra attraversando secoli di storia con la consueta competenza e passione, ricostruendo storie grandi e piccole, facendoci guardare a fatti apparentemente noti con un occhio diverso e disincantato, perché «infinite sono le leggi che regolano lo studio del tradimento nella storia. Ma due sono superiori alle altre. La prima: chi vince non verrà mai considerato un traditore. La seconda: il tradimento è questione di date, ciò che oggi è considerato un tradimento, domani potrà essere tenuto nel conto di un atto coraggioso» -------------- SAGGISTICA, 13,5 x 21 cm, pp. 431, Cartonato con sovraccoperta, Euro 20,00 - Ottobre 2015 ------------ PAOLO MIELI, giornalista e storico, negli anni Settanta allievo di Renzo De Felice e Rosario Romeo, è stato giornalista all’“Espresso”, poi a “Repubblica” e alla “Stampa”, di cui è stato anche direttore. Dal 1992 al 1997 e dal 2004 al 2009 ha diretto il “Corriere della Sera”. Tra i suoi libri per Rizzoli, Le storie, la storia (1999), Storia e politica (2001), La goccia cinese (2002) e I conti con la storia (2013), vincitore del premio Città delle rose e del premio Pavese ----------- Per info: DANIELA LOMBARDI PRESS OFFICE 339-4590927 0574-32853
torna su




Questa settimana a Radio Fahrenheit.
Mercoledì. Il libro del giorno. Un ragazzo ama una ragazza. Tutte le storie, anche quelle più complicate, nascono da questa semplice, universale premessa. Chi se non Orhan Pamuk poteva raccontare passioni, tormenti, energie degli uomini? 'La stranezza che ho nella testa'. ---- Giovedì. Il 19 ottobre del 1944 si consumò a Palermo uno degli eventi più drammatici dell'immediato dopoguerra: truppe dell'esercito italiano aprirono il fuoco su centinaia di cittadini che, al grido di pane, pasta e lavoro!, sfilavano per il centro della città in una pacifica protesta contro il carovita. 24 tra i manifestanti, e tra di loro bambini e ragazzi, rimasero uccisi; 156 furono feriti. Su questa vicenda l'ex magistrato Rino Messina ha scritto 'La strage negata', ripercorrendo tutte le tappe dell'iter giudiziario dell'eccidio del 19 ottobre. Il libro del giorno. Il 27 febbraio 1854, in piena crisi artistica ed esistenziale, Robert Schumann esce dalla propria abitazione di Du?sseldorf e si butta nelle fredde, nere acque del Reno. Salvo per miracolo, viene affidato alle cure del dottor Richarz e internato nel manicomio di Endenich, dove rimarrà fino alla morte. 'Memoriali sul caso Schumann', Filippo Tuena. ---- Venerdì. La democrazia come problema dalla Grecia antica in poi: come intenderla? Come attuarla? Quali i suoi lati positivi o negativi, il suo essere soprattutto un mito o anche una realtà? E ancora: democrazia diretta o rappresentativa? Ne parliamo con Massimo L. Salvadori, partendo dal suo saggio 'Democrazia'. Il libro del giorno. 'Se io sono la tua principessa, tu allora sei una regina?' chiede Noga alla sua mamma. Ed è così che le viene svelato un segreto: una volta all'anno, per un solo giorno, lei è la regina del sole e, guarda caso, lo sarà proprio l'indomani. 'La principessa del sole' di David Grossman. ---- Ad Alta Voce: da lunedì 16 novembre a venerdì 18 dicembre, dal lunedì al venerdì ore 17.00, Manuela Mandracchia legge “Il Buio oltre la siepe” di Harper Lee. ---- fahre@rai.it
torna su




Un Brindisi al NATALE - Torino
Martedì 22 dicembre dalle ore 15.00 alle ore 22.00 il Sindaco della Città di Torino Piero FASSINO, l’Assessore alla Famiglia, Salute e Politiche Abitative Elide TISI con le Associazioni di “Motore di Ricerca: comunità attiva” invitano allo scambio degli auguri natalizi 'Un Brindisi al NATALE' che si terrà al Pala Alpitour del Parco Olimpico, nel foyer d'ingresso di C.so Sebastopoli 123 – Torino. ---- In occasione del NATALE, un incontro per lo scambio di auguri, una festa per divertirci insieme! ----- Ingresso Pullmini e parcheggio auto con contrassegno disabili (fino ad esaurimento posti) da via Filadelfia 82. Per il posteggio interno è obbligatorio dare, all'atto della prenotazione, il numero di targa automezzo. È gradita la prenotazione entro venerdì 18 dicembre 2015 e-mail: motorediricerca@comune.torino.it oppure tel. 011.011.25333 dalle ore 09.00/12.30
torna su




Un Natale di Libri - BOLZANO
Arrivando al venticinquesimo compleanno il “Mercatino di Natale” di Bolzano, il primo per anzianità e afflusso, offre ai suoi visitatori una nuova attrattiva: “Un Natale di Libri”, una grande festa di scrittori e di libri, una parata di autori di successo e dei loro best seller. Con tanto di libreria la cui vetrina si affaccerà in quella piazza Walther che, per tutto il periodo del Mercatino di Natale, è pitturata dalle tradizionali casette nelle quali si vende tutto ciò che fa parte dell'atmosfera natalizia. Ideata dal giornalista Guido Vigna, la formula di “Un Natale di Libri” è molto semplice. Nelle quattro settimane dell'Avvento, da giovedì 26 novembre al 23 dicembre, saranno invitati a Bolzano quattordici scrittori, sia italiani sia d’oltralpe: presenteranno le loro ultime fatiche, fiancheggiati, perlopiù, dai direttori dei tre quotidiani locali. Gli incontri avverranno il giovedì, il venerdì, il sabato e la domenica di ognuna delle quattro settimane. A Natale non può mancare il volontariato, qui proposto attraverso un confronto con chi ha deciso di dedicare la propria vita alla risoluzione e alla divulgazione delle problematiche che affliggono i paesi del terzo mondo. Tra gli ospiti infatti anche lo scrittore e critico gastronomico Edoardo Raspelli che presenterà il libro della figlia Simona, volontaria in Africa, dal titolo “Anche la luna è capovolta”. Ci saranno anche Vittorio Feltri, Marcello Simoni, Mario Giordano, Silvia Zucca, Micaela Jary, il So kocht Südtirol Team, Repubblica (con uno speciale sull'Alto Adige), Kurt Lanthaler, Susanna Tamaro, Eva Rossmann, Gian Antonio Stella, Elisabetta Gnone, Claudio Magris, Inga Marie Ramcke, Tonia Wiatrowski e Mauro Corona. info@danielalombardi.it
torna su




Recensione di un ergastolano al libro “A modo mio” di Francesco Coccia
Ho pensato alla visita che ci ha fatto ieri l’onorevole Laura Coccia del partito democratico. Sono rimasto colpito dalla sua giovane età e dai suoi problemi di disabilità. E soprattutto della sua sensibilità. Mi ha ascoltato con grande attenzione e a tratti il suo silenzio mi ha trasmesso tanto amore sociale. Ed era da tanto tempo che non sentivo più questa energia affettiva, che mi ha riscaldato il cuore e la cella per tutto il giorno. (Diario di un ergastolano www.carmelomusumeci.com) -------- Vivere in pochi metri quadri, con delle sbarre dietro e un cancello, davanti non è facile. Per fortuna leggo molto. E leggere per me è come vivere perché dentro i libri trovo ancora tutto quello che mi serve per continuare a esistere. A volte alcuni miei compagni mi prendono in giro perché ho sempre un libro in mano, anche durante l’ora d’aria. In questi giorni ho appena finito di leggere un bellissimo libro dal titolo: “A modo mio”. Sottotitolo: “Laura non cammina, corre” (Editore Sempre). L’autore è Francesco Coccia e scrive di sua figlia, affetta da tetraparesi spastica per una infezione contratta dopo la nascita. È un libro da divorare con gli occhi e mangiare col cuore. Nella copertina c’è una bellissima foto di Laura con un’espressione determinata sul viso, che emana un’ energia che ti penetra dentro. Dietro la copertina del libro ci sono scritte queste parole: Te lo aveva detto una volta mamma Luci, mentre aspettavamo che cominciasse lo spettacolo del circo. Vedendo gli altri bambini che correvano lungo le corsie tra le panche, avevi chiesto: “Mamma, correrò pure io come loro?” Recuperando il cuore dall’abisso in cui era sprofondato, mamma Luci ti aveva risposto: “Certo! A modo tuo”. E Laura ha corso. Ha corso così veloce e tanto che è arrivata più lontano di quello che in pochi avrebbero immaginato “Alle elementari le mie maestre erano spaventate dal mio essere così diversa dagli altri. Il mio equilibrio precario era un pericolo: avrei potuto farmi male quindi dovevo state ferma, immobile, ad osservare la vita dei miei compagni di classe che correva via su un binario parallelo alla mia. Sognavo di correre, di volare per guardare il mondo dall’alto, per cambiare prospettiva e uscire dalla prigione. Non avevo amici perché ero quella diversa e quindi da evitare”. ----- Laura, alle elezioni politiche del 2013, viene eletta deputata della Camera dei Deputati. L’ho conosciuta, durante una sua visita da parlamentare, dentro l’Assassino dei Sogni (il carcere come lo chiamo io) di Padova. Consiglio a tutti di leggere questo bellissimo libro (soprattutto gli avanzi di galera e della società come me) perché è pieno di sentimenti e lascia un’impronta nel cuore, che farà amare di più l’umanità. Carmelo Musumeci, Carcere di Padova, dicembre 2015 www.carmelomusumeci.com
torna su

*Ricevi questa mail in quanto sei iscritto alla lista "FRECCIOLENEWS" *

Se vuoi cancellarti dalla lista invia una email a info@cascinamacondo.com


Copyright (C) 2018 *|www.cascinamacondo.com|* All rights reserved.