Se non visualizzi bene questa mail premi qui.
Se vuoi visualizzare l'archivio newsletter premi qui.
Your Company
Staff Macondo

ISTITUTO AVOGADRO DI TORINO - PRESENTAZIONE DEL LIBRO "LA STRETTA DI MANO E IL CIOCCOLATINO"
VENERDI 26 FEBBRAIO 2016, ... continua.

UNA PAGINA PER VELA E VIA COL VENTO - PROGRAMMAZIONE 2016 CASCINA MACONDO
Un anno ricco di eventi, inizi... continua.

CENTO VOCI PER CENTO NOVELLE - A CASCINA MACONDO IL DECAMERON AD ALTA VOCE IN DUE WEEK-END - aprile 2016
------ ultimi giorni per iscri... continua.

14° EDIZIONE CONCORSO INTERNAZIONALE HAIKU CASCINA MACONDO - puoi inviare i tuoi haiku!
14° Edizione Concorso Internaz... continua.

LA FORESTERIA DI CASCINA MACONDO 'Tiziano Terzani' a costi di Bed&Breakfast
La Foresteria 'Tiziano Terzani... continua.

OMNIA FABULA ET ARTI intramuros/extramuros - nuovo progetto di Cascina Macondo per il carcere Rodolfo Morandi di Saluzzo
Cascina Macondo ritiene che l’... continua.

LEGGI IL MANIFESTO DELLA POESIA HAIKU IN LINGUA ITALIANA e se lo condividi SOTTOSCRIVILO
ti invitiamo a leggere il 'MAN... continua.

“GOODMORNING POESIA ORE 7” quindicinale a cura di Pietro Tartamella - COMUNIONE, di Giovanni Marini
COMUNIONE: E allora lei pre... continua.

“ERBA MANENT” quindicinale di erbe, frutti e piante a cura di Antonella Filippi - L’ARTIGLIO DEL DIAVOLO (prima parte)
In inverno si acuiscono molte ... continua.

OrtolìneaCM - Accentazione Ortoèpica Lineare a cura di Fiorènza Alineri: “L'acqua della vita”(quarta e ùltima parte), una fiaba dei fratèlli Grimm
Un giorno il prìncipe partì pe... continua.

“LESSICO INGLESE goccia a goccia – ENGLISH LEXICON drop by drop” - settimanale a cura di Pietro Tartamella - TO LITTER
TO LITTER /ˈlɪtə... continua.


Utenti Frécciolenews

Gli ergastolani senza scampo - Edizioni Scientifica - Napoli
“GLI ERGASTOLANI SENZA SCAMPO.... continua.

Riqualificare gli spazi del carcere con iniziative culturali e aree verdi - Torino
Approvata dal Consiglio Comuna... continua.

GALLARATE PER VOI: Cineforum 'Il bambino con il pigiama a righe'
Venerdì 29 gennaio alle ore 15... continua.

L’adolescente in difficoltà: comportamenti antisociali ed agiti auto/eterolesivi - Torino
Sabato 30 gennaio | ore 09.00 ... continua.

Una Tata per Amica - Corso gratuito per BABY SITTER - Torino
Sono on line il bando e la dom... continua.


ISTITUTO AVOGADRO DI TORINO - PRESENTAZIONE DEL LIBRO "LA STRETTA DI MANO E IL CIOCCOLATINO"
VENERDI 26 FEBBRAIO 2016, ORE 20.30 - la disabilità e cittadini liberi prestano la loro voce ai detenuti ----- AULA MAGNA ISTITUTO AVOGADRO Corso SAN MAURIZIO,8 - Torino ---- insegnanti referenti: Francesca Beria, Diego Giachetti, Paola Porta - dirigente scolastico: Tommaso De Luca ------ letture a cura dei Narratori di Macondo, del gruppo integrato Verbavox, del gruppo LAAV TORINO (referenti: Alessio Sandalo, Irene Angela Bianchi) ----- PER DETTAGLI COPIA E INCOLLA IL SEGUENTE LINK SUL TUO BROWSER: http://www.cascinamacondo.com/index.php?option=com_content&view=article&id=1378:la-stretta-di-mano-e-il-cioccolatino-allistituto-avogadro-venerdi-26-febbraio-2016-&catid=102:news&Itemid=90
torna su




UNA PAGINA PER VELA E VIA COL VENTO - PROGRAMMAZIONE 2016 CASCINA MACONDO
Un anno ricco di eventi, iniziative, appuntamenti, idee, incontri, proposte, passioni, per la promozione del libro, della lettura ad alta voce, della poetica haiku... ANCHE TU POTRESTI FARNE PARTE!!!!! COPIA E INCOLLA IL SEGUENTE LINK PER ACCEDERE AL PROGRAMMA: http://www.cascinamacondo.com/index.php?option=com_content&view=article&id=1357:una-pagina-per-vela-e-via-col-vento-programma-2016-cascina-macondo&catid=102:news&Itemid=90
torna su




CENTO VOCI PER CENTO NOVELLE - A CASCINA MACONDO IL DECAMERON AD ALTA VOCE IN DUE WEEK-END - aprile 2016
------ ultimi giorni per iscriversi come lettori ----- A CASCINA MACONDO 'CENTO VOCI PER CENTO NOVELLE' IL DECAMERON AD ALTA VOCE - EDIZIONE 2016 - due week-end intensivi PER UNA LETTURA INTEGRALE AD ALTA VOCE DEL DECAMERON di Giovanni Boccaccio --------- con i Narratori di Macondo e altri lettori appassionati ---------- INGRESSO GRATUITO - PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA sia per i lettori volontari, sia per il pubblico ascoltatore ------------------- 1° WEEK-END (le prime 5 giornate del Decamerone) sabato 23 APRILE 2016 (inizio alle ore 9.00 - sino alle 3 di notte - 18 ore) -------- domenica 24 APRILE 2016 (inizio alle ore 9.00 - sino alle ore 20.00 - 11 ore) -------------------------- 2° WEEK-END (le ultime 5 giornate del Decamerone) sabato 30 APRILE 2016 (inizio alle ore 9.00 - sino alle ore 23.00 - 14 ore)--------- domenica 1 MAGGIO 2016 (inizio alle ore 9.00 - sino alle ore 19.00 - 10 ore) --------------------------- SARÀ UN PIACERE AVERTI CON NOI! ------------- per tutti i dettagli della manifestazione COPIA E INCOLLA IL SEGUENTE LINK SUL TUO BROWSER: http://www.cascinamacondo.com/index.php?option=com_content&view=article&id=1376:cento-voci-per-cento-novelle-a-cascina-macondo-il-decameron-ad-alta-voce-in-due-weekend&catid=102:news&Itemid=90 ------------ CASCINA MACONDO-ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE - Centro Nazionale per la Promozione della Lettura Creativa ad Alta Voce e Poetica Haiku - Borgata Madonna della Rovere, 4 - 10020 Riva Presso Chieri (TO) - Italia ---- info@cascinamacondo.com - www.cascinamacondo.com - COMODO PARCHEGGIO INTORNO ALLA CHIESETTA MADONNA DELLA ROVERE -
torna su




14° EDIZIONE CONCORSO INTERNAZIONALE HAIKU CASCINA MACONDO - puoi inviare i tuoi haiku!
14° Edizione Concorso Internazionale Haiku in lingua italiana di Cascina Macondo. C'è tempo sino al 31 maggio per postare i tuoi haiku (MA NON ASPETTARE L'ULTIMO MOMENTO!) ----- Partecipazionbe gratuita ------ sezione INDIVIDUALE - sezione COLLETTIVA (scuole, area handicap, comunità...) ------ SI PARTRECIPA SOLO ATTRAVERSO IL FORMAT SUL SITO DI CASCINA MACONDO ------ Per informazioni dettagliate (bando, premi, premiazione...) COPIA E INCOLLA IL SEGUENTE LINK SUL TUO BROWSER: http://www.cascinamacondo.com/index.php?option=com_content&view=article&id=1375:2016-14d-concorso-internazionale-haiku-cascina-macondo&catid=102:news&Itemid=90
torna su




LA FORESTERIA DI CASCINA MACONDO 'Tiziano Terzani' a costi di Bed&Breakfast
La Foresteria 'Tiziano Terzani' di Cascina Macondo è un appartamento ricevuto in comodato composto di una cucina, tre camere, un bagno. Possono pernottarvi, o soggiornarvi, a costi di Bed and Breakfast, i Soci dell’Associazione e coloro che (FAMIGLIE,SINGOLI O PRIVATI) intendono diventarlo, i Soci di Associazioni con finalità affini a quelle di Cascina Macondo, i Soci di Associazioni di promozione sociale e artistiche, coloro che aderiscono ad iniziative e attività promosse da Enti Pubblici e Privati. Il ricavato è a sostegno delle attività istituzionali di Cascina Macondo. Copia e incolla il seguente link sul tuo browser per vederne le immagini: http://www.cascinamacondo.com/index.php?option=com_content&view=article&id=331:la-foresteria-di-cascina-macondo&catid=102:news&Itemid=90
torna su




OMNIA FABULA ET ARTI intramuros/extramuros - nuovo progetto di Cascina Macondo per il carcere Rodolfo Morandi di Saluzzo
Cascina Macondo ritiene che l’incontro tra detenzione / cittadinanza / infanzia / disabilità possa produrre momenti di riflessione importanti sulla tematica del carcere e stimolare in tutti gli attori coinvolti un ascolto attento e costruttivo. Riteniamo fondamentale investire sulle “relazioni costanti e continuative con la società civile” che possono infondere nel detenuto (non sentendosi abbandonato dalla comunità) un senso di appartenenza positivo volto ad alimentare il desiderio di miglioramento e la speranza ---- OMNIA FABULA ET ARTI nuovo progetto di Cascina Macondo per il carcere Rodolfo Morandi di Saluzzo - COPIA E INCOLLA IL SEGUENTE LINK SUL TUO BROWSER PER ACCEDERE AI DETTAGLI: http://www.cascinamacondo.com/index.php?option=com_content&view=article&id=1366:omnia-fabula-et-arti-intra-extra-muros&catid=102:news&Itemid=90
torna su




LEGGI IL MANIFESTO DELLA POESIA HAIKU IN LINGUA ITALIANA e se lo condividi SOTTOSCRIVILO
ti invitiamo a leggere il 'MANIFESTO DELLA POESIA HAIKU IN LINGUA ITALIANA' di Cascina Macondo. Se ne condividi la linea, i principi, la filosofia, le regole, mandaci per favore una semplice e-mail di adesione. Il tuo nome verrà inserito tra i sottoscrittori. Molti principi contenuti nel Manifesto si stanno diffondendo in molti paesi,dalla lettura in Stile Zikan, al concetto di Piccolo Kigo, Kigo Temporis, Kigo Misuralis... UN MANIFESTO PERCHE' DIVENTI IMPORTANTE OCCORRE CHE SIA CONDIVISO DA MOLTI... ------------ (copia e incolla sul tuo browser il seguente link: http://www.cascinamacondo.com/index.php?option=com_content&view=article&id=1023:manifesto-della-poesia-haiku-in-lingua-italiana&catid=102:news&Itemid=90 -------------------------------------------------------- ------- Grazie, dalla Redazione, dalla Giuria del Concorso Internazionale Haiku, dallo Staff di Cascina Macondo ----- info@cascinamacondo.com
torna su




“GOODMORNING POESIA ORE 7” quindicinale a cura di Pietro Tartamella - COMUNIONE, di Giovanni Marini
COMUNIONE: E allora lei prese / un matto per la mano / e gli svelò / e il sole, e la luna, e l'amore / e lo condusse nel chioschetto / ove stettero a sedere. / La sua vecchia giacca a strisce / fu luce / ed egli vomitò il suo male / arrendendosi alla vita / ed all'amore. / Quando camminavano per la strada / lei fu matta come quel matto, / cui si era donata. / E tutti tacquero / e versarono sorrisi su di loro. / E allora lei compì il miracolo da sola, / unendosi alla vita e all'amore. / Unendosi a quest'uomo / che prima aveva imprecato / offeso / e sputato / su di lei / che gli voleva dare solo l'amore. / Questo è l'unico segno / di vita con la vita, / perché i miracoli non li compirono i soli, / né i cieli, né i mulini, / né il suo vero padre che fu appunto il mare. / E lei gli vide le mani martoriate / ma gli occhi visionari e innocenti. / E quando essi passano, tutti tacciono / o versano su di loro / solamente un sorriso, / il più bravo sorriso. // (Giovanni Marini) ---- pietro.tartamella@cascinamacondo.com
torna su




“ERBA MANENT” quindicinale di erbe, frutti e piante a cura di Antonella Filippi - L’ARTIGLIO DEL DIAVOLO (prima parte)
In inverno si acuiscono molte patologie, tra cui quelle reumatiche. Una delle piante usate per il trattamento è l’Artiglio del Diavolo (Harpagophytum procumbens). Pianta originaria del deserto del Kalahari, la vasta distesa sabbiosa che copre il 70% del territorio del Botswana e parti dello Zimbabwe, della Namibia e del Sudafrica. Pare che il nome derivi dal fatto che, affiorando in superficie, gli animali, che incautamente vi passano sopra e si feriscono, iniziano a saltellare e ad agitarsi furiosamente per il dolore tanto da sembrare indiavolati. I frutti, lunghi 10-20 cm, legnosi e frastagliati, sono aderenti alla terra e muniti di particolari uncini a forma di artiglio, tramite i quali si attaccano alle zampe degli animali che passano, venendo così distribuiti nel territorio. La pianta è provvista di una radice primaria, che raggiunge una profondità di 80-90 cm, e di radici secondarie, dotate di protuberanze, che sono veri e propri organi di deposito: possono raggiungere un diametro di 6 cm, una lunghezza di 20 cm e un peso di 600 g allo stato fresco. Queste radici si diffondono a raggio intorno alla pianta fino a 1,5 m, per cui la raccolta risulta difficoltosa. Vengono tagliate a rondelle e fatte essiccare in luoghi aerati. Boscimani, Bantù e Ottentotti lo utilizzavano per curare febbri e disturbi digestivi. Usavano il decotto delle radici essiccate per curare disturbi gastrici e intestinali e per facilitare il parto: la polvere, alla dose di 250 mg tre volte al giorno veniva somministrata alle partorienti per alleviare i dolori; il trattamento, a dosi minori, proseguiva anche dopo il parto. Una pomata preparata con la radice fresca veniva inoltre applicata sull’addome in caso di parto difficile. Appartenente alla famiglia delle Pedaliacee, questa pianta arrivò in Europa all’inizio del XX secolo grazie a un colono tedesco, tale Menhered, e ben presto le indicazioni originarie vennero tralasciate a beneficio delle sue particolari attività antinfiammatorie e antidolorifiche. Nella farmacopea si usano le radici secondarie, più ricche di principi attivi, rappresentati da quattro glicosidi iridoidi: arpagoside, arpagide, procumboside e procumbide. L’arpagoside costituisce circa l’80% degli iridoidi totali contenuti nell’Artiglio del Diavolo. La farmacopea ufficiale richiede almeno l’1,8% di iridoidi totali, di cui l’80% di arpagoside. Questi principi attivi presentano, in aggiunta all’attività antinfiammatoria e antireumatica, anche importanti effetti digestivi, ipotensivi e antiaritmici. La costanza della concentrazione di principi attivi ne condiziona il risultato terapeutico: purtroppo, non tutti i preparati che si trovano in commercio hanno queste caratteristiche. La sua efficacia e diffusione nelle preparazioni ha portato a una raccolta indiscriminata della pianta, per cui alcune partite contengono la radice principale, in cui la concentrazione degli iridoidi è la metà, e non le radici secondarie. Gli iridoidi inibiscono la sintesi delle prostaglandine (mediatori dei processi infiammatori), determinando un’azione antidolorifica, antinfiammatoria e antipiretica. Hanno un’azione simile a quella dei farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS). Indicazioni: affezioni reumatologiche croniche (dolori ossei e muscolari, mal di schiena, contusioni, dolori cervicali, dolori reumatici, periartriti, tendiniti); dispepsie da ipocloridria, spasmi intestinali. L’uso dell’Hapagophytum è indicato soprattutto nelle affezioni reumatiche croniche; la sua radice è di grande interesse farmacologico e molto indicata per chi soffre di dolori artrosici. Gli sportivi lo utilizzano con successo per evitare le tendiniti e i dolori articolari dovuti agli sforzi. Non va trascurata l’azione amaro-tonica e di miglioramento della circolazione enteroepatica e nei disturbi digestivi, come dispepsia, meteorismo, e nei disturbi di tipo epatobiliare. (fine della prima parte) -- antonella.filippi@cascinamacondo.com
torna su




OrtolìneaCM - Accentazione Ortoèpica Lineare a cura di Fiorènza Alineri: “L'acqua della vita”(quarta e ùltima parte), una fiaba dei fratèlli Grimm
Un giorno il prìncipe partì per la caccia sènza sospettare nulla, e il cacciatore del re dovètte accompagnarlo. Quando fùrono soli nel bòsco, il cacciatore aveva un'aria così triste che il prìncipe gli disse: - Che hai, mìo caro? -. Il cacciatore rispose: - Non pòsso dirlo, ma dèvo farlo -. Disse il prìncipe: - Orsù, dimmi còsa c'è; ti perdonerò -. - Ah! - disse il cacciatore. - Dèvo uccìdervi: me l'ha ordinato il re! -. Allora il prìncipe si spaventò e disse: - Caro cacciatore, làsciami vìvere, io ti dò le mìe vèsti in regalo, tu, in cambio, dammi il tùo brutto vestito -. Il cacciatore disse: - Lo farò volentièri, non avrèi potuto sparare contro di voi-. Allora il cacciatore prese i vestiti del prìncipe, il prìncipe quelli del cacciatore, e si addentrò nel bòsco. Dopo qualche tèmpo, giùnsero al vècchio re tre carri càrichi d'òro e di piètre preziose per il figlio minore: li mandàvano i tre re ai quali il prìncipe aveva prestato il pane per sfamare il pòpolo e la spada per sconfìggere i nemici. Il re ne fu addolorato e pensò che sùo figlio poteva forse èsser stato innocènte, e disse ai suòi: - Ah, se fosse ancora vivo! Come mi dispiace di averlo fatto uccìdere!-. - Allora ho fatto bène!- disse il cacciatore. - Mi è mancato il coraggio di uccìderlo - e raccontò al re com'èrano andate le còse. Il re si rallegrò e fece bandire in tutti i regni che sùo figlio poteva tornare e che sarèbbe stato il bènvenùto. La principessa intanto aveva fatto costruìre davanti al sùo castèllo una strada tutta splendènte d'òro e aveva detto ai suòi domèstici: il cavalière che l'avesse percorsa tutta diritta vèrso di lèi èra il vero spòso, e dovévano lasciarlo entrare; chi invece avesse cavalcato a lato della strada non èra quello vero, e non dovévano lasciarlo entrare. Quando il tèmpo fu quasi trascorso, il maggiore pensò di affrettarsi e di andare dalla principessa presentàndosi come il sùo liberatore; così l'avrèbbe avuta in moglie e ne avrèbbe ottenuto il regno. Partì dunque a cavallo, ma quando giunse davanti al castèllo e vide la bèlla strada dorata, pensò: 'Sarèbbe un peccato passarci sopra a cavallo!.' Così deviò verso dèstra e cavalcò a lato della strada. Ma quando arrivò davanti al portone, gli dìssero che egli non èra il vero spòso e che doveva andàrsene. Pòco dopo si mise in viaggio il secondo prìncipe, e quando arrivò alla strada d'òro, e il cavallo ci aveva già messo un piede, pensò: 'Sarèbbe un peccato, potrèbbe rovinarsi!.' Così deviò vèrso sinistra e cavalcò a lato della strada. Ma quando giunse davanti al portone, gli dìssero che egli non èra il vero spòso e che doveva andàrsene. Quando l'anno fu trascorso, il tèrzo principe, pensò di lasciare il bòsco e di recarsi dall'amata, per dimenticare il sùo dolore prèsso di lèi. Perciò si mise in cammino e pensò sèmpre a lèi, e avrèbbe già voluto èsserci; e la strada d'òro non la vide neanche. Il sùo cavallo ci passò pròprio in mèzzo; e quando egli arrivò al portone gli aprìrono, e la principessa lo accòlse con giòia e lo chiamò sùo liberatore e signore del regno. Così si celebràrono le nòzze con gran giòia. Dopo le nòzze, ella gli raccontò che sùo padre lo invitava a recarsi presso di lùi e che lo aveva perdonato. Allora egli andò e gli raccontò tutto: che i fratèlli lo avévano ingannato e che egli aveva taciuto. Il vècchio re voleva punirli, ma essi si èrano messi in mare e avévano preso il largo; e non tornàrono mai più. (fratèlli Grimm) --- fiorenza.alineri@cascinamacondo.com
torna su




“LESSICO INGLESE goccia a goccia – ENGLISH LEXICON drop by drop” - settimanale a cura di Pietro Tartamella - TO LITTER
TO LITTER /ˈlɪtər/ A) v. t. 1) (di solito to litter down) fare la lettiera, un letto di strame a(un cavallo, ecc.); preparare la lettiera in (una stalla); spargere strame su --- 2) (spesso to litter up) imbrattare, ingombrare; mettere in disordine: (to litter the streets with rubbish = imbrattare le strade di rifiuti); (to litter a room with newspapers = ingombrare una stanza con i giornali); (to litter up one's bedroom = mettere in disordine la camera da letto) --- 3) spargere; sparpagliare: (He littered peanut shells over the floor = ha sparpagliato gusci di noccioline sul pavimento) --- 4) (arc.) generare; partorire ------------------------- B) v. i. 1) (d'animali, spec. di cagne e scrofe) figliare --- 2) buttare rifiuti (nelle strade, ecc.) ● (di uno scritto) (to be littered with mistakes = essere pieno zeppo di errori). --- pietro.tartamella@cascinamacondo.com --- (i vocaboli sono tratti dal Dizionario inglese/italiano – italiano/inglese “Ragazzini” - Zanichelli editore. Il dizionario Ragazzini contiene anche la fonetica delle parole inglesi e, nel cd-rom, la pronuncia sonora di tutti i lemmi inglesi: http://dizionari.zanichelli.it/dizionariOnline)
torna su




Gli ergastolani senza scampo - Edizioni Scientifica - Napoli
“GLI ERGASTOLANI SENZA SCAMPO. Fenomenologia e criticità costituzionali dell’ergastolo ostativo” è il nuovo libro scritto da Carmelo MUSUMECI, Andrea PUGIOTTO, prefazione di Gaetano SILVESTRI e appendice di Davide GALLIANI (Editoriale Scientifica, Napoli, 2016 -pp. XIII-216, euro 16,50) ---- Nel discorso pubblico si ripete, monotona, la convinzione che in Italia l’ergastolo non esiste e che i condannati al carcere a vita, prima o poi, escono tutti di galera. La realtà rivela, invece, un dato esattamente capovolto: attualmente sono 1.619 i condannati alla pena perpetua e, di questi, 1.174 (pari al 72,5% del totale) sono ergastolani ostativi, ai sensi dell’art. 4-bis dell’ordinamento penitenziario. --- Sconosciuto ai più, l’ergastolo ostativo è una pena destinata a coincidere, nella sua durata, con l’intera vita del condannato e, nelle sue modalità, con una detenzione integralmente intramuraria. Una pena perpetua e immutabile cui è possibile sottrarsi solo collaborando utilmente con la giustizia. --- Il presente volume, nella sua Parte I (scritta da Carmelo Musumeci) narra con autenticità la giornata sempre uguale di un ergastolano senza scampo, scandita nei suoi ritmi esteriori e interiori – alba, mattino, pomeriggio, sera, notte – costringendo il lettore a immaginare l’inimmaginabile. Nella sua Parte II (scritta da Andrea Pugiotto), ripercorre criticamente la trama normativa dell’ergastolo ostativo, argomentandone i tanti profili di illegittimità costituzionale e convenzionale, in serrata dialettica con la giurisprudenza delle Corti, costituzionale e di Cassazione, ad oggi persuase del contrario. --- Il volume è impreziosito dall’eloquente Prefazione del Presidente Emerito della Corte costituzionale Gaetano Silvestri, che rilegge il regime dell’art. 4-bis o.p. alla luce del principio supremo di dignità della persona. L’Appendice (curata da Davide Galliani) illustra i risultati di un’inedita ricerca empirica condotta tra circa 250 ergastolani, finalizzata a rilevare le materiali condizioni di salute, fisica e psichica, derivanti da un regime detentivo perpetuo, esclusivamente intramurario, frequentemente declinato nelle forme del c.d. carcere duro (ex art. 41-bis o.p.). --- Il volume (quarto della collana Diritto penitenziario e Costituzione, nata dall’esperienza dell’omonimo Master promosso da Dipartimento di Giurisprudenza dell’ateneo di Roma Tre) è il risultato del primo progetto di ricerca UE dedicato al regime dell’ergastolo nel contesto europeo (www.lifeimprisonment.eu). Il libro può essere richiesto in libreria, alla casa editrice, o all'indirizzo ergastolani@gmail.com
torna su




Riqualificare gli spazi del carcere con iniziative culturali e aree verdi - Torino
Approvata dal Consiglio Comunale di Torino all’unanimità (25 voti favorevoli su 25 consiglieri presenti) una mozione – prime firmatarie le consigliere Lucia Centillo e Laura Onofri – per riqualificare gli spazi della Casa circondariale di Torino. --- Il documento, in particolare, impegna Sindaco e Giunta a sviluppare, in accordo con la direzione del carcere e la garante dei detenuti, esperienze di riqualificazione degli spazi, estendendo all'interno del carcere l'organizzazione e la fruibilità di eventi culturali e di arte urbana come avviene in diversi territori della città con l'allestimento e la diffusione di iniziative decentrate, come per esempio eventi del Salone Internazionale del Libro o installazioni di “Luci d’Artista”. --- A supporto degli interventi di riqualificazione interna, si chiede inoltre la disponibilità dei vari settori dell’Amministrazione comunale, ad esempio del Verde Pubblico, per creare aree verdi dove i detenuti possano incontrare i propri figli, valorizzando le esperienze di auto-costruzione degli spazi già avviate da detenuti e personale di sorveglianza, insieme al Politecnico di Torino. --- Massimiliano Quirico, Ufficio Stampa, Comune di Torino, Consiglio Comunale, Piazza Palazzo di Città 1 - 10122 Torino, Tel. Ufficio: 011/011.23.672, Cellulare: 346/65.000.11, massimiliano.quirico@comune.torino.it, www.cittagora.it
torna su




GALLARATE PER VOI: Cineforum 'Il bambino con il pigiama a righe'
Venerdì 29 gennaio alle ore 15.00 presso l’Università del Melo, via Magenta 3, Gallarate (VA), con il film “Il bambino con il pigiama a righe”, di Mark Herman, del 2008, gli appuntamenti del Cineforum STAGIONI, all’interno del grande progetto GALLARATE PER VOI, rendono omaggio alle vittime dell’Olocausto, a pochi giorni dalla Giornata della Memoria, che il 27 gennaio di ogni anno ricorda la liberazione dei prigionieri del campo di sterminio di Auschwitz. ***** “Berlino, anni Quaranta. Bruno è un bambino di otto anni con larghi occhi chiari e una passione sconfinata per l’avventura, che divora nei suoi romanzi e condivide coi compagni di scuola. Il padre di Bruno, ufficiale nazista, viene promosso e trasferito con la famiglia in campagna. La nuova residenza è ubicata a poca distanza da un campo di concentramento in cui si pratica l’eliminazione sistematica degli ebrei. Bruno, costretto ad una noiosa e solitaria cattività dentro il giardino della villa, trova una via di fuga per esplorare il territorio. Oltre il bosco e al di là di una barriera di filo spinato elettrificato incontra Shmuel, un bambino ebreo affamato di cibo e di affetto. Sfidando l’autorità materna e l’odio insensato indotto dal padre e dal suo tutore, Bruno intenderà (soltanto) il suo cuore e supererà le recinzioni razziali”. ***** INGRESSO LIBERO E GRATUITO, in collaborazione con il Comune di Gallarate Assessorati alla Cultura e ai Servizi Sociali. Per informazioni rivolgersi al numero 0331 708224.
torna su




L’adolescente in difficoltà: comportamenti antisociali ed agiti auto/eterolesivi - Torino
Sabato 30 gennaio | ore 09.00 presso Centro Studi Studi - sala Poli, via Garibaldi, 13 Torino, Seminario con Tito Baldini ed Eugenia Pelanda ''L’adolescente in difficoltà: comportamenti antisociali ed agiti auto/eterolesivi'' *****Seminario nasce dall’intento di approfondire gli aspetti di conoscenza e di cura di cui necessitano i giovani. Giovani che esprimono il proprio disagio emotivo attraverso l’azione. -- Quali giovani? Gli adolescenti che manifestano comportamenti antisociali e/o che utilizzano il corpo come “teatro” per esternare la propria sofferenza. --- Perché? Perché talora gli adolescenti agiscono masslcclamente passioni ed impulsi. anziché mentalizzarli? --- Cosa fare? Come organizzare interventi idonei? E’ possibile coniugare psicoanalisi e “aiuti altri” (sociali e/o educativi)? **** Ingresso gratuito. Prenotazione online: areagpiemonte@libero.it Si rilascia attestato di partecipazione.
torna su




Una Tata per Amica - Corso gratuito per BABY SITTER - Torino
Sono on line il bando e la domanda di ammissione alla sesta edizione del progetto gratuito Una Tata per Amica dell'Associazione ULAOP Onlus. L’obiettivo del progetto è quello di fornire un’adeguata preparazione alle aspiranti figure di baby-sitter, in grado di rafforzare le competenze professionali di base per la cura e il benessere del bambino in età compresa tra 0/6 anni. ---- Il percorso è formulato in una parte teorica (circa 50 ore) con incluse 8 ore dedicate alla sicurezza dei bambini, approfondimenti sulla disabilità e sulle competenze di una baby sitter, psicologia dello sviluppo infantile, puericultura, aspetti sociologici della famiglia, spunti sul diritto del lavoro e famiglia, il gioco come strumento e tanto altro; e 150 ore di tirocinio nei nidi e nelle scuole dell'infanzia del Comune di Torino. Accesso all'albo delle baby sitter gestito dalla Cooperativa educazione progetto. ---- Il bando e la domanda di ammissione sono scaricabili alla pagina www.associazioneulaop.it/una-tata-per-amica.html. Scadenza candidature: scadenza 29 gennaio 2016.
torna su

*Ricevi questa mail in quanto sei iscritto alla lista "FRECCIOLENEWS" *

Se vuoi cancellarti dalla lista invia una email a info@cascinamacondo.com


Copyright (C) 2018 *|www.cascinamacondo.com|* All rights reserved.