Se non visualizzi bene questa mail premi qui.
Se vuoi visualizzare l'archivio newsletter premi qui.
Your Company
Staff Macondo

LA STRETTA DI MANO E IL CIOCCOLATINO A PALAZZO BAROLO - mercoledì 9 novembre 2016, ore 18.00
IL GARANTE DEI DETENUTI DELLA ... continua.

SUL TAVOLO UN CAPPELLO - antologia haiku
Prenota in tempo (tiratura lim... continua.

CERIMONIA DI PREMIAZIONE CONCORSO HAIKU: DOMENICA 20 NOVEMBRE A CASCINA MACONDO
Organizza i tuoi impegni per e... continua.

DANZINFAVOLA, MANIPOLANDO, ORTO CONDIVISO - progetto DOMENICHE IN CASCINA - appuntamento domenica 30 OTTOBRE 2016
DOMENICHE IN CASCINA DANZINFA... continua.

SCRITTURALIA - speciale appuntamento domenica 4 dicembre 2016 - NON PUOI MANCARE!
appuntamento per scrittori e p... continua.

OMNIA FABULA ET ARTI intramuros/extramuros - progetto di Cascina Macondo per il carcere Rodolfo Morandi di Saluzzo
Cascina Macondo ritiene che l’... continua.

CERCASI WEB MASTER E PROGRAMMATORE
Ciao, stiamo bussando alla por... continua.

MACONDOSCUOLA - gite didattiche a Cascina Macondo primavera 2017
GITE DIDATTICHE A CASCINA MACO... continua.

PROGETTO REDICA - I LIBRI NELLE CASE
Cascina Macondo propone RÈDICA... continua.

“UKA SHA SHA ASCOLTANDO I NATIVI AMERICANI” quindicinale a cura di Pietro Tartamella - RINNOVARE IL POTERE
RINNOVARE IL POTERE: Ogni Pe... continua.

“LESSICO INGLESE goccia a goccia – ENGLISH LEXICON drop by drop” - settimanale a cura di Pietro Tartamella - HUMDRUM, BELATED, BELATEDLY, BELATEDNESS
HUMDRUM /ˈhʌmdrʌ... continua.


Utenti Frécciolenews

“No al serpente nero” e altre problematiche ambientali in Indian Country
Venerdì 21 0ttobre, ore 20-22,... continua.

La città che cambia: Zoom, il progetto al Parco Michelotti va avanti - Torino
Illustrata il 14 ottobre a Pal... continua.

La tua classe non può fare a meno di te – Roma
Senza di loro non vogliamo sta... continua.

DONNE UNITE CONTRO L’ISLAMOFOBIA, Seminario di riflessione – PARMA
Sabato 22 Ottobre 2016, dalle ... continua.

Presentazione del libro “Le tre Agricolture, contadina, industriale, ecologica” - Torino
Martedì 18 ottobre, ore 17.30... continua.

Questa settimana a Radio Fahrenheit
Mercoledì. Ogni scrittore mira... continua.

La Fondazione Ferrero presenta: FUTURBALLA - Alba (CN)
La Fondazione Ferrero di Alba ... continua.

A cosa servono le carceri minorili?
“Con la carcerazione che ho fa... continua.


LA STRETTA DI MANO E IL CIOCCOLATINO A PALAZZO BAROLO - mercoledì 9 novembre 2016, ore 18.00
IL GARANTE DEI DETENUTI DELLA CITTÀ DI TORINO E CASCINA MACONDO, CON IL PATROCINIO DELLA CITTA' DI TORINO, PRESENTANO IL LIBRO: 'LA STRETTA DI MANO E IL CIOCCOLATINO - I DETENUTI RACCONTANO -' a cura di Pietro Tartamella ----- antologia di diari, riflessioni, racconti, poesie, haiku, cut-up dei detenuti che hanno frequentato i laboratori del progetto europeo PAROL nella casa di reclusione di alta sicurezza “Rodolfo Morandi” di Saluzzo e nella casa circondariale “Lorusso-Cutugno” di Torino ----------- Giovane Holden Edizioni - Collana Cascina Macondo --------- MERCOLEDÌ 9 NOVEMBRE 2016, ORE 18.00 - PALAZZO BAROLO Via Delle Orfane, 7 - TORINO --- letture a cura dei Narratori di Macondo, Volcaedi, Verbavox, alunni della Scuola Primaria Lessona -- INGRESSO GRATUITO - LA CITTADINANZA E' INVITATA --
torna su




SUL TAVOLO UN CAPPELLO - antologia haiku
Prenota in tempo (tiratura limitata) la tua copia di SUL TAVOLO UN CAPPELLO antologia di 114 haiku selezionati al Concorso Internazionale Haiku di Cascina Macondo, edizione 2016. La cerimonia di premiazione è fissata per domenica 20 novembre 2016. COPIA E INCOLLA IL SEGUENTE LINK SUL TUO BROWSER: http://www.cascinamacondo.com/index.php?option=com_content&view=article&id=1415:risultati-del-concorso-internazionale-haiku-di-cascina-macondo-anno-2016&catid=102:news&Itemid=90
torna su




CERIMONIA DI PREMIAZIONE CONCORSO HAIKU: DOMENICA 20 NOVEMBRE A CASCINA MACONDO
Organizza i tuoi impegni per essere presente alla cerimonia di premiazione del concorso haiku domenica 20 novembre 2016 a Cascina Macondo. Prenota in tempo l'antologia (tiratura limitata)SUL TAVOLO UN CAPPELLO ----------------------- PROGRAMMA: * inizio 14,30 puntuali * lettura ad alta voce intorno al fuòco degli Haikù classificati, a cura del Gruppo I NARRATORI DI MACONDO e del gruppo VÈRBAVÒX * dimostrazione e performance di TAIKO - tamburo giapponese. (Il TAIKO, strumento tradizionale, valorizza la bellezza e l’importanza dei silènzi del còrpo tanto quanto il suòno e il ritmo). * cottura Raku dal vivo dei manufatti prèmio * consegna dei prèmi e dell’antologìa SUL TÀVOLO UN CAPPÈLLO * thè, caffè, spicchio di torta per un momento conviviale * tèrmine della manifestazione ore 18,30 circa
torna su




DANZINFAVOLA, MANIPOLANDO, ORTO CONDIVISO - progetto DOMENICHE IN CASCINA - appuntamento domenica 30 OTTOBRE 2016
DOMENICHE IN CASCINA DANZINFAVOLA, MANIPOLANDO, ORTO CONDIVISO progetto di integrazione --- DOMENICA 30 OTTOBRE 2016 dalle ore 10.00 alle ore 18.00 LABORATORIO DI DANZE POPOLARI, AFFABULAZIONE, CERAMICA, ORTO CONDIVISO con Maria Baffert, Pietro Tartamella, Anna Maria Verrastro, Clelia Vaudano, i Narratori di Macondo e Volcaedi --- Un percorso di Danze Popolari Internazionali con momenti di affabulazione e storie rivolto ai curiosi, agli appassionati, agli uomini e alle donne di buona compagnia, ai disabili lievi con le loro famiglie e accompagnatori, ---------------------------------------- PROGRAMMA DELLA GIORNATA Danze e Racconti d'amore, d'avventura, di uomini e di animali, di ieri, di oggi, di domani, storie e danze della tradizione italiana e del mondo ------------------------------- IN CONTEMPORANEA 'MANIPOLANDO' LABORATORIO DI MANIPOLAZIONE DELL'ARGILLA e 'ORTO CONDIVISO' condotti da Anna Maria Verrastro e Clelia Vaudano ---------------------------------- FINALITÀ: L’integrazione che nasce dal raccontare, danzare, ascoltare, è l’obiettivo principale di questo progetto di Cascina Macondo in collaborazione con il Motore di Ricerca della città di Torino e con il contributo della Fondazione CRT, Fondazione SOCIAL, Comune di Torino, VI Circoscrizione di Torino, e con la collaborazione di Deedfactory ---------- Si potenziano la capacità di ascolto (della parola, del ritmo, del gesto, del silenzio), l’espressione, il movimento, l’incontro, la riscoperta delle tradizioni popolari, la conoscenza di molteplici e diverse culture. Danzando si riconosce il proprio corpo, l’equilibrio, il ritmo, il coordinamento. Si riconosce e si interagisce con il corpo degli altri, con il gruppo. Ognuno, a partire dalla propria situazione, agirà in un clima di libera espressione, senza giudizio o timore di esclusione, interagendo con la creatività e il ritmo degli altri ------------ PARTECIPAZIONE GRATUITA: Ogni partecipante porta buon cibo da condividere nell’ora del pranzo - gradito il contributo di piatti, bicchieri, posate, zucchero caffè….. ----- posti limitati ----- annamaria.verrastro@cascinamacondo.com - 011 94 68 397 ---------------------------------- MOTORE DI RICERCA, COMUNITÀ ATTIVA - CITTÀ DI TORINO: Progetto del Comune di Torino - Assessorato alla Famiglia e ai Servizi Sociali - in collaborazione con vari enti, associazioni, cooperative presenti sul territorio. Mira a creare opportunità di incontro, socializzazione, integrazione rivolte alle persone con disabilità, al fine di raggiungere una spontanea e disinvolta partecipazione attiva alle diverse attività ---
torna su




SCRITTURALIA - speciale appuntamento domenica 4 dicembre 2016 - NON PUOI MANCARE!
appuntamento per scrittori e poeti - INSIEME A CASCINA MACONDO DOMENICA 4 DICEMBRE 2016 dalle ore 9.30 (arrivo puntuali) sino alle ore 20.30, con spaghettata finale per cena. Per mezzogiorno, invece, ognuno porta il suo pranzo al sacco, e le sue bevande. Il tutto verrà condiviso con gli amici intervenuti --------------- Munirsi di computer portatile, o macchina per scrivere, o biro o stilografica, o penna d’oca, inchiostro, fogli, e quant'altro si ritiene opportuno per scrivere un giorno intero IMMERSI NELLA PRODUZIONE DI FAVOLE ESOPICHE. --------------- PER I DETTAGLI COPIA E INCOLLA IL SEGUENTE LINK SUL TUO BROWSER: http://www.cascinamacondo.com/index.php?option=com_content&view=article&id=1426:scritturalia-extramuros-appuntamento-domenica-4-dicembre-2016&catid=102:news&Itemid=90
torna su




OMNIA FABULA ET ARTI intramuros/extramuros - progetto di Cascina Macondo per il carcere Rodolfo Morandi di Saluzzo
Cascina Macondo ritiene che l’incontro tra detenzione / cittadinanza / infanzia / disabilità possa produrre momenti di riflessione importanti sulla tematica del carcere e stimolare in tutti gli attori coinvolti un ascolto attento e costruttivo. Riteniamo fondamentale investire sulle “relazioni costanti e continuative con la società civile” che possono infondere nel detenuto (non sentendosi abbandonato dalla comunità) un senso di appartenenza positivo volto ad alimentare il desiderio di miglioramento e la speranza ---- OMNIA FABULA ET ARTI nuovo progetto di Cascina Macondo per il carcere Rodolfo Morandi di Saluzzo - COPIA E INCOLLA IL SEGUENTE LINK SUL TUO BROWSER PER ACCEDERE AI DETTAGLI: http://www.cascinamacondo.com/index.php?option=com_content&view=article&id=1366:omnia-fabula-et-arti-intra-extra-muros&catid=102:news&Itemid=90
torna su




CERCASI WEB MASTER E PROGRAMMATORE
Ciao, stiamo bussando alla porta. Cerchiamo un esperto web master e un esperto programmatore, possibilmente residente nella zona di Torino-Asti-Cuneo, che a titolo di volontariato abbia voglia e piacere di darci una mano occupandosi del sito di Cascina Macondo. Possiamo offrire solo una buona visibilità. C'è qualcuno? Contattare Pietro: cell. 328 42 62 517 - info@cascinamacondo.com
torna su




MACONDOSCUOLA - gite didattiche a Cascina Macondo primavera 2017
GITE DIDATTICHE A CASCINA MACONDO ANNO 2018 da marzo a fine maggio: percorso di SCRITTURA CREATIVA e percorso di POETICA HAIKU per Scuole Elementari (classi 3° - 4° - 5°), Scuole Medie, Medie Superiori, Licei ------------ LETTURA CREATIVA AD ALTA VOCE per Scuole Elementari (classi 3° - 4° - 5°), Scuole Medie, Medie Superiori, Licei -------------- UN VIAGGIO TRA STORIE E ARGILLA per Scuole Elementari e Scuole Materne ------------------- WAKAN TANKA INDIANI DELLE PIANURE per Scuole Elementari e Scuole Materne ------------------------------ TUTTI I PERCORSI DIDATTICI SI SVOLGONO dalle ore 9.30 alle 15.30 ------- Costo invariato da quindici anni -------- gli stessi percorsi possono svolgersi, con opportune modifiche, anche presso la scuola -------------- SI CONSIGLIA DI PRENOTARE CON MESI DI ANTICIPO (settembre-ottobre)- Cascina Macondo sorge tra campi di grano e mais lungo la strada vecchia che da Riva porta a Poirino. D'inverno ancora vi si raccontano storie intorno al fuoco ------------- per informazioni dettagliate copia e incolla il seguente link sul tuo browser: http://www.cascinamacondo.com/index.php?option=com_content&view=article&id=56&Itemid=60
torna su




PROGETTO REDICA - I LIBRI NELLE CASE
Cascina Macondo propone RÈDICA (Rete Distributiva Case) per la diffusione e il sostegno ai progetti OMNIA FABULA ET ARTI e ACCENTAZIONE ORTOEPICA LINEARE ----------------- la tua azione, un’azione concreta ------------------ Puoi acquistare a fondo perduto un ASSORTIMENTO di libri di Cascina Macondo PER UN VALORE MINIMO DI 50 EURO (6 EURO PER CONTRIBUTO SPEDIZIONE) I LIBRI SONO SCONTATI DEL 35% ! ------- Puoi rivendere i libri di Cascina Macondo a prezzo intero nella tua casa, nella sede della tua associazione, nel tuo teatro, nel tuo progetto di regali per Natale, quando organizzi cene, feste, eventi, o incontri, o visite, o letture, potendo così recuperare quello che hai speso ------- La tua casa diventa un luogo promotore del progetto OMNIA FABULA ET ARTI e tu un pioniere, una cellula, un sostenitore, un diffusore dell'ACCENTAZIONE ORTOEPICA LINEARE ------- ------- entra a far parte della RETE DISTRIBUTIVA CASE di Cascina Macondo ------------------------------------------------------------- PER SAPERNE DI PIù COPIA E INCOLLA IL SEGUENTE LINK SUL TUO BROWSER: http://www.cascinamacondo.com/index.php?option=com_content&view=article&id=1368:progetto-redica-i-libri-nelle-case&catid=102:news&Itemid=90
torna su




“UKA SHA SHA ASCOLTANDO I NATIVI AMERICANI” quindicinale a cura di Pietro Tartamella - RINNOVARE IL POTERE
RINNOVARE IL POTERE: Ogni Persona Sacra e Uomo di Medicina era tenuto periodicamente a rinnovare il proprio potere ricercando nuove visioni, facendo digiuno, visitando luoghi sacri, pregando. I Lakota pensavano che il potere dell'Uomo Medicina sarebbe andato perduto se non veniva rigenerato e rinnovato. Credevano infatti che i Sicunpi degli Uomini Medicina venivano trasmessi ai loro pazienti durante la cura delle malattie ----- pietro.tartamella@cascinamacondo.com
torna su




“LESSICO INGLESE goccia a goccia – ENGLISH LEXICON drop by drop” - settimanale a cura di Pietro Tartamella - HUMDRUM, BELATED, BELATEDLY, BELATEDNESS
HUMDRUM /ˈhʌmdrʌm/ A) a. monotono; noioso; banale; trito: (a humdrum life = una vita monotona) -------------------- B) n. 1) individuo noioso --- 2) [U] banalità; monotonia --------------------------------------------------------------------------- BELATED /bɪˈleɪtɪd/ a. 1) tardo; tardivo: (His belated repentance isn't any good = il suo tardo pentimento non serve a nulla) --- 2) (arc.) sorpreso dalle tenebre; colto dal calar della notte: (belated travellers = viaggiatori sorpresi dalle tenebre) ---------------- BELATEDLY avv. tardivamente; in ritardo --------------- BELATEDNESS n. [U] ritardo; tardività. ----- ---------- pietro.tartamella@cascinamacondo.com -------- (i vocaboli sono tratti dal Dizionario inglese/italiano – italiano/inglese “Ragazzini” - Zanichelli editore. Il dizionario Ragazzini contiene anche la fonetica delle parole inglesi e, nel cd-rom, la pronuncia sonora di tutti i lemmi inglesi: http://dizionari.zanichelli.it/dizionariOnline)
torna su




“No al serpente nero” e altre problematiche ambientali in Indian Country
Venerdì 21 0ttobre, ore 20-22, a Torino, presso il VolTo, via Giolitti 21, parliamo delle problematiche ambientali in Indian Country “No al serpente nero” --- Cosa succede a Standing Rock? - Come va avanti la protesta Sioux contro l’oleodotto (Dakota Access Pipeline / DAPL)? - Che risposta c’è stata da parte delle altre nazioni indiane, dei media, e dei non-indiani? - Conosci altri casi di sfruttamento delle risorse e di attentato all’equilibrio dell’ecosistema nell’America indigena? -- Porta le testimonianze di chi è stato sul posto (noi ne abbiamo) o che hai trovato nei media e costruiamo insieme un percorso di riflessione su cosa sta succedendo alle culture indigene americane e al nostro pianeta. Se ci saranno abbastanza richieste possiamo programmare un secondo incontro a Torino venerdì 28/10 ore 18-20. Mandami una mail o, meglio, apri questo link http://doodle.com/poll/6ry722rdfv9c4uwv e rispondi al sondaggio. Se vuoi proporre un incontro in un’altra città fammi sapere. Dr. Naila Clerici, Docente di Storia delle Popolazioni Indigene d'America, Università di Genova Redazione di TEPEE, Direttrice responsabile ed editoriale cell. 3478207381, soconasincomindios.it, tepee.ideasolidale.org, facebook.com/pages/Soconas-Incomindios/
torna su




La città che cambia: Zoom, il progetto al Parco Michelotti va avanti - Torino
Illustrata il 14 ottobre a Palazzo Civico, nella seduta congiunta delle Commissioni Sesta (presieduta da Federico Mensio) e Seconda (presieduta da Damiano Carretto), la proposta progettuale di riqualificazione del Parco Michelelotti da parte dei vertici della società Zoom Torino SpA, aggiudicataria di un bando della Città di Torino per la concessione trentennale dell’area, che in passato ospitava uno zoo (chiuso nel 1987). Il progetto si sviluppa su tre aree: una di libero accesso (che rimarrà fruibile gratuitamente e verrà riqualificata da Zoom) e due invece accessibili tramite biglietto al Parco ambientale che verrà realizzato e gestito da Zoom (lo spazio “outdoor” con una “Children Farm” con animali delle fattorie di tutto il mondo; lo spazio “indoor” con la “Biosfera” che riprodurrà un ecosistema del Rio delle Amazzoni, ovvero una foresta pluviale con piante, uccelli, rettili, anfibi, pesci e invertebrati). ----- Secondo la proposta progettuale illustrata, al Parco sono previste circa250mila/300mila visite all’anno, con un aumento dell’indotto turistico cittadino di circa € 5 milioni annui (€ 150 milioni in 30 anni di gestione), con il 15% di visitatori (circa 40mila persone) costituito da nuove visite in città, principalmente famiglie con bambini. Il biglietto dovrebbe costare tra i 4 e i 16 euro. Secondo il documento presentato, si prevedono la creazione di circa 100 posti di lavoro, un aumento del 35% del commercio locale e una rivalutazione del patrimonio immobiliare della zona. Verrà inoltre riqualificato il percorso ciclopedonale dell’area e saranno creati un’area giochi bimbi da 1.500 mq e un’area attrezzata per ginnastica senior, integrata con anelli di riscaldamento, percorso orienteering e running di circa 1,4 km. --- Massimiliano Quirico, Comune di Torino, Tel. 011/011.23.672, massimiliano.quirico@comune.torino.it, www.cittagora.it
torna su




La tua classe non può fare a meno di te – Roma
Senza di loro non vogliamo stare: se esce uno di noi, usciamo tutti. ---- I bambini della scuola Montessori del quartiere romano di Montesacro indossano le magliette di una straordinaria protesta verso una discriminazione che non capiscono e non possono accettare. La mancanza degli insegnanti di sostegno, determinata dalla riduzione dei fondi destinati dal ministero dell’istruzione e dal Comune, aveva spinto la scuola a chiedere ai bambini con disabilità di uscire due ore prima ogni giorno. Una lezione esemplare sul tempo da vivere insieme e sull’educazione come antidoto all’indifferenza. --- Per l’articolo completo, cliccare sul seguente link http://comune-info.net/2016/10/la-tua-classe-non-puo-meno/
torna su




DONNE UNITE CONTRO L’ISLAMOFOBIA, Seminario di riflessione – PARMA
Sabato 22 Ottobre 2016, dalle ore 10 alle 17:30, a Parma, presso CIAC, Via Bandini n.6 (primo piano) Giolli Cooperativa Sociale, in collaborazione con CIAC (Centro Immigrazione Asilo Cooperazione Internazionale di Parma e provincia), ACAV (Centro Antiviolenza di Parma), Centro Interculturale di Parma, presenta “DONNE UNITE CONTRO L’ISLAMOFOBIA - Seminario di riflessione” ---- Sono invitati/e uomini e donne, italiani/e e stranieri/e, che sono interessati/e al tema, senza che sia necessaria una preparazione o competenza specifica. Conducono Elisa Rapetti (Centro per la Formazione alla Solidarietà Internazionale, Trento) e Roberto Mazzini (Giolli Cooperativa Sociale, Parma) ---- Il progetto (Women united against Islamophobia) è finanziato da ENAR fa parte del loro progetto europeo 'Forgotten women”: http://www.enar-eu.org/ ---- Il seminario è gratuito. ---- Ognuno porti cibo da condividere ----- Per informazioni ed iscrizioni: Giolli Cooperativa Sociale stage@giollicoop.it - tel. 0521 686385 - www.giollicoop.it
torna su




Presentazione del libro “Le tre Agricolture, contadina, industriale, ecologica” - Torino
Martedì 18 ottobre, ore 17.30 presso la Biblioteca civica Natalia Ginzburg - via Cesare Lombroso 16 – Torino presentazione del libro “Le tre Agricolture, contadina, industriale, ecologica” , volume a cura di Pier Paolo Poggio, pubblicato da Jaca Book, Fondazione Luigi Micheletti e Slow Food Italia, Prefazione di Carlo Petrini. - Dialogano Enzo Ferrara, ricercatore presso l’Istituto nazionale di ricerca metrologica (INRIM) di Torino e Giorgio Cingolani, economista agrario e produttore agricolo. Ambedue hanno contribuito al libro. Letture a cura di Vesna Scepanovic. Nel libro si discute fra le altre cose del “lascito” dell’EXPO 2015 di Milano. Si riprende un discorso sempre più attuale in una situazione dove fenomeni migratori legati alle guerre e al cambiamento climatico creano quesiti inquietanti. I contributi di questo volume danno una risposta che solo pochi anni fa sarebbe apparsa assurda, più che provocatoria. In termini incalzanti, il volume dimostra la rinnovata centralità dell’agricoltura, del concreto rapporto degli esseri umani con la terra. E ciò non solo dove si lotta per la sopravvivenza , ma dappertutto, in Italia e nel mondo. L’importanza dell’agricoltura e della produzione di cibo che sia buono, sano e giusto per tutti è stata sottolineata anche dall’evento “Terra Madre-Salone del Gusto” tenutosi recentemente a Torino. Questo incontro è anche una occasione per commentare sul lascito di questo evento. Ingresso libero - Biblioteca civica Natalia Ginzburg. 01101137671/72
torna su




Questa settimana a Radio Fahrenheit
Mercoledì. Ogni scrittore mira a diventare, per usare le parole di Ortega y Gasset, «romanziere di se stesso, originale o plagiario». E, come dimostra l'affascinante indagine di Francisco Rico, Petrarca non sfugge alla regola: anzi, la incarna in sommo grado. Il che significa non solo che l'autoritratto che egli va componendo nel tempo è ispirato a exempla illustri, ma che nulla di quanto ci dice è letterale e innocente. Francisco Rico,”I venerdì del Petrarca” (ed. Adelphi) - LIBRO DEL GIORNO. Da Trieste a Torino, viaggiando in auto, in treno o a piedi, non cambia nulla, è tutta una vasta, unica, interminabile distesa d'asfalto e cemento, un grigio che nasce ai bordi del mare Adriatico, allaga la Pianura Padana e sale alle Alpi. Un universo abitato da venti milioni di persone, donne, uomini, bambini, e ancora animali, paesaggi, fabbriche, centinaia di città, a formare l'immane landa chiamata Padania. Massimiliano Santarossa, “Padania” (ed. Biblioteca dell'immagine) ----- Giovedì. Confessando con schiettezza e autoironia il modo con cui ha narrato i principali fatti di cronaca nera degli ultimi anni, l'autrice svela i meccanismi che regolano l'universo dell'informazione giudiziaria e scandalistica. Un delitto non è mai un delitto ma una novel fiction che si sviluppa nell'arco del tempo, come una soap opera o un serial televisivo. Selene Pascarella, “Tabloid inferno” (Edizioni Alegre) - LIBRO DEL GIORNO. Anna ha quindici anni, vive a Milano e vorrebbe fare la giornalista. Adora il ticchettio della tastiera e sogna luoghi lontani da visitare e storie da raccontare. Nel suo piccolo, incontra dilemmi pratici e morali: contano di più le notizie o le persone? Lucia Tilde Ingrosso, “Il sogno di Anna” (ed. Feltrinelli) ---- Venerdì. Che posto ha il lavoro nel quotidiano? Chi investe nel lavoro come nuovo stile di vita da cosa è mosso? Il lavoro può essere una pratica politica di libertà? Lucia Bertell, “Lavoro ecoautonomo” (Ed. Eleuthera) - LIBRO DEL GIORNO. Un po' soldato Svejk, un po' il protagonista di Shame, un po' Fantozzi, nella danza del vizio, Martino si ritrova a guardare e non toccare, è un bambino che guarda gli altri giocare a pallone senza riuscire a buttarsi nella mischia. Mario Desiati ha scritto un romanzo pudico e divertente, a tratti commovente, sulla fascinazione del proibito, sull'industria del desiderio e sulle debolezze di tutti gli uomini. Mario Desiati, “Candore” (ed. Einaudi) ------- Sul nuovo sito di “Ad alta voce” http://www.radio3.rai.it/dl/portali/site/page/Page-42c5f18e-3d53-458d-9a73-6332f2d3e1fc.html?refresh_ce , un'intera biblioteca da ascoltare, dal computer e dallo smartphone: più di duecento romanzi e racconti letti dalle grandi voci del teatro italiano. ----------- fahre@rai.it
torna su




La Fondazione Ferrero presenta: FUTURBALLA - Alba (CN)
La Fondazione Ferrero di Alba si prepara a rendere omaggio a Giacomo Balla (Torino 1871 – Roma 1958), figura straordinaria di pittore e fondamentale raccordo tra l’arte italiana e le avanguardie storiche, con una mostra di risonanza internazionale, a cura di Ester Coen, la cui inaugurazione avrà luogo venerdì 28 ottobre alle ore 12, presso la sede della Fondazione Ferrero. In linea con la storia ventennale delle proprie esposizioni d’arte, legate allo sviluppo della cultura del territorio, la Fondazione Ferrero si avvale della collaborazione scientifica della GAM di Torino e della Soprintendenza Belle Arti del Piemonte per la realizzazione della mostra e delle attività educative ad essa collegate. Il progetto dedicato a Giacomo Balla prevede un’esposizione articolata in sezioni tematiche: il realismo sociale e la tecnica divisionista; le compenetrazioni iridescenti e gli studi sulla percezione della luce; l’analisi del movimento e il futurismo. Nelle opere che seguono il primo apprendistato torinese, lo sguardo penetra la realtà dolorosa e crudele delle classi ai bordi della società. Un ampio numero di opere documenterà questa fase – tra fine ottocento e primi novecento – durante la quale, in parallelo a temi tra sofferenza e alienazione, l’artista svilupperà un’altissima sensibilità tecnica, le cui origini affondano nel divisionismo piemontese. La pennellata ricca di filamenti luminosi, il forte contrasto tra chiari e scuri, la scelta di tagli prospettici audaci ed estremi rappresenterà per i futuri aderenti al Manifesto del Futurismo un modello unico e straordinario da seguire. La mostra di Alba evidenzierà poi l’adesione alla poetica del Futurismo. Dal realismo dei primi dipinti si assisterà alla trasposizione dei precedenti principi compositivi nella materia dinamica e astratta delle Compenetrazioni iridescenti a larghi tasselli cromatici, alla ricomposizione della nuova realtà in movimento nelle Linee di velocità. In un progressivo avvicinamento ai segni matematici puri: verticale, diagonale, spirale, il linguaggio di Balla scopre nuove categorie della rappresentazione nei suoi parametri primari, nell’amplificazione del fenomeno fisico, isolato, sezionato e inquadrato in tutta la sua verità di materia vibratile. Una visione capace di attingere alle massime profondità, ma di sfondare anche i limiti della cornice, in un gioco di rilancio verso la vita. Le opere del percorso appartengono a prestigiose collezioni pubbliche e private, italiane ed estere e sarà possibile ammirare capolavori straordinari, difficilmente concessi in prestito: il Polittico dei viventi, nella sua completezza, dalla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma e dall’Accademia di San Luca di Roma, La mano del violinista dalla Estorick Collection di Londra, la Bambina che corre sul balcone dal Museo del Novecento di Milano, il Dinamismo di un cane al guinzaglio dalla Albright-Knox Art Gallery di Buffalo, il Volo di rondini del Museum of Modern Art di New York, la Velocità astratta + rumore in prestito dalla Peggy Guggenheim Collection di Venezia, che sarà accostata alla Velocità astratta. L’auto è passata della Tate Modern di Londra, e ancora un’Automobile in corsa proveniente da The Israel Museum of Gerusalemme. Solo per accennarne alcuni. ----- La mostra sarà aperta dal 29 ottobre 2016 al 27 febbraio 2017 con i seguenti orari: lunedì, mercoledì, giovedì, venerdì ore 15-19; sabato, domenica e festivi ore 10–19, martedì chiuso; giorni di chiusura: 24, 25, 31 dicembre 2016, 1° gennaio 2017 -------- Info: Fondazione Ferrero, ufficio stampa 346 3325466; 0173 295094 ufficiostampa@fondazioneferrero.it www.fondazioneferrero.it --- in collaborazione con: Studio ESSECI, Sergio Campagnolo tel. 049 663499; Referente Stefania Bertelli gestione1@studioesseci.net www.studioesseci.net
torna su




A cosa servono le carceri minorili?
“Con la carcerazione che ho fatto da minorenne e da giovane adulto ho espiato quasi 35 anni, su 61 anni che ho compiuto quest’anno. Si può dire che sono una creatura del carcere. Forse per questo sono così cattivo.” (Diario di un ergastolano: www.carmelomusumeci.com) ------------- Qualche settimana fa, dopo la protesta di alcuni giovani detenuti in un carcere minorile del sud Italia, chiamata (con molta fantasia) “rivolta”, mi hanno colpito le dichiarazioni di alcuni addetti ai lavori, che non condivido. E, dati alla mano, innanzitutto desidero informare che la popolazione detenuta è prevalentemente giovane. Infatti, secondo i dati riportati nel XII Rapporto Nazionale sulle condizioni di detenzione, fornito dall’Associazione Antigone, aggiornato al 31 marzo 2016, 4.100 detenuti hanno meno di 25 anni, la maggioranza della popolazione detenuta ha meno di 44 anni (66,4%) e quasi la metà si colloca nella fascia compresa tra i 30 e i 44 anni (45,78%). La percentuale si alza ancor di più se si parla di stranieri. ------ I detenuti presenti negli Istituti Penali per Minorenni, al 28 febbraio 2015, erano 407, dei quali 168 stranieri (41,3%). Di questi giovani, il 43% non aveva ancora ricevuto una sentenza definitiva. Negli ultimi due anni, gli ingressi di questi Istituti sono diminuiti dai 1.252 del 2012 ai 992 del 2014. A parità di reato, i minori immigrati ricevono più frequentemente misure cautelari detentive, restando in carcere per un tempo maggiore rispetto agli italiani e, con meno frequenza, sono destinati a misure alternative, come il trasferimento in comunità. La maggior parte degli adolescenti entra in carcere per reati contro il patrimonio. ------- Personalmente, ho conosciuto i carceri minorili all’età di quindici anni e adesso che ne ho sessanta quando vedo giovani detenuti in prigione non posso fare a meno di pensare che una società che li punisce con il carcere farà di loro dei criminali ancora più incalliti. Proprio l’altro giorno è rientrato in galera un giovane che era uscito da circa un mese. Appena l’ho visto di nuovo nel cortile a fare avanti ed indietro ho pensato che non c’è nulla da fare: attraverso il carcere, l’Italia non lotta contro la criminalità, ma la produce. E questo probabilmente perché quando vivi intorno al male, non puoi che farne parte. E in parte questo vale anche per le guardie carcerarie, che non sono nate “cattive”, ma molto spesso lo diventano a furia di vivere in un ambiente di “cattività”. -------- Penso che spesso non siano i reati commessi a far diventare una persona criminale, bensì i luoghi in cui è detenuto e gli anni di carcere che vengono inflitti. Oggi, nelle scale per andare in infermeria, ho trovato un giovane detenuto seduto su uno scalino, con lo sguardo fisso nel nulla. Sembrava che le sbarre di fronte a lui catturassero tutta la sua attenzione. E mi ha fatto pena perché ho visto nei suoi occhi la disperazione dei giovani detenuti tossicodipendenti. Ho pensato: “Ma questo che cazzo ci sta a fare in carcere?”. Infatti, credo che si dovrebbe stare molto attenti a mettere dei giovani in carcere, perché quando usciranno, molto probabilmente, saranno diventati più devianti e criminali di quando sono entrati. E odieranno la società e le istituzioni ancora di più, per averli fatti diventare dei “mostri”. Almeno a me è accaduto questo… ------- Carmelo Musumeci, Ottobre 2016, www.carmelomusumeci.com
torna su

*Ricevi questa mail in quanto sei iscritto alla lista "FRECCIOLENEWS" *

Se vuoi cancellarti dalla lista invia una email a info@cascinamacondo.com


Copyright (C) 2018 *|www.cascinamacondo.com|* All rights reserved.