Se non visualizzi bene questa mail premi qui.
Se vuoi visualizzare l'archivio newsletter premi qui.
Your Company
Staff Macondo

INVITO - CARMELO MUSUMECI scrittore ergastolano ospite di Cascina Macondo con il suo nuovo libro 'Angelo SenzaDio'
I N V I T O: in collaborazi... continua.

LETTURA CREATIVA AD ALTA VOCE IN UN WEEK-END- sabato e domenica 4 e 5 novembre
LETTURA CREATIVA AD ALTA VOCE ... continua.

LA FORESTERIA DI CASCINA MACONDO 'Tiziano Terzani' a costi di Bed&Breakfast
La Foresteria 'Tiziano Terzani... continua.

risultati del concorso internazionale haiku cascina macondo- anno 2017, 15° edizione
Sul sito di Cascina Macondo: w... continua.

“5-7-5 UNIVERSO HAIKU “ quindicinale a cura di Fabrizio Virgili - La campana del tempio tace, di Matsuo Bashò
La campana del tempio tace, / ... continua.

“UKA SHA SHA ASCOLTANDO I NATIVI AMERICANI” quindicinale a cura di Pietro Tartamella - SPECCHIETTO, SPERONI
SPECCHIETTO: Le segnalazion... continua.

“LESSICO INGLESE goccia a goccia – ENGLISH LEXICON drop by drop” - settimanale a cura di Pietro Tartamella - TO BRISTLE, BRISTLING
TO BRISTLE /ˈbrɪsl/ ... continua.


Utenti Frécciolenews

Il decalogo di tortura al carcere duro del 41 bis - di Carmelo Musumeci
Un nuovo provvedimento emanato... continua.

Premio Persona e Comunità per i migliori Progetti NO Profit
È previsto per il 26 ottobre 2... continua.

E' in uscita il CALENDHAIKU!!!
Il uscito il libro CALENDHAIKU... continua.

Agli amici di ALFA TEATRO – Torino
L’ALFA TEATRO comunica che nel... continua.

In uscita il 141° numero di Direfarescrivere e gli aggiornamenti di Bottegascriptamanent (numero 121°).
IN QUESTO NUMERO di DIREFARESC... continua.

16 ottobre: due eventi per l'Afasia -Torino
Lunedì 16 ottobre dalle ore 15... continua.

DESIGN FOR ALL – Torino
Venerdì 13 ottobre alle ore 18... continua.

Lutum: Caerano ricorda il Vajont - Biblioteca di Caerano
12 ottobre - Biblioteca Comuna... continua.

Progetto HABITAZIONI - Torino
Riprende nel mese di Ottobre, ... continua.

Questa settimana a Radio Fahrenheit
MERCOLEDÌ. Per moltissime ragi... continua.

CHI E' E COSA DICE FRIEDRICH NIETZSCHE? Seminario di introduzione alla lettura dell'opera - Firenze
Sabato 28 ottobre/domenica 29 ... continua.


INVITO - CARMELO MUSUMECI scrittore ergastolano ospite di Cascina Macondo con il suo nuovo libro 'Angelo SenzaDio'
I N V I T O: in collaborazione con il Garante Regionale dei diritti delle persone private della libertà On. Bruno Mellano e la Garante della Città di Torino Dott.sa Monica Cristina Gallo,Cascina Macondo ospita SABATO 21 OTTOBRE 2017 - ORE 17.00 Carmelo Musumeci scrittore ergastolano e Pietro Tartamella poeta gestazionale, che presentano i loro libri: ANGELO SENZA DIO e LA STRETTA DI MANO E IL CIOCCOLATINO -------- cittadini liberi prestano la loro voce ai detenuti - letture a cura dei Narratori di Macondo: Bruna Parodi, Carlotta Bava, Florian Lasne, Gaia Napoli, Giusy Amitrano, Pietro Tartamella, Silvia Restagno ---------- INGRESSO GRATUITO (È INDISPENSABILE LA PRENOTAZIONE) - parcheggiare intorno alla chiesetta Madonna della Rovere ------------ PER DETTAGLI COPIA E INCOLLA IL SEGUENTE LINK SUL TUO BROWSER: http://www.cascinamacondo.com/index.php?option=com_content&view=article&id=1482:carmelo-musumeci-ergastolano-ospite-di-cascina-macondo-con-il-suo-libro-qangelo-senzadioq-sabato-21-ottobre-2017-ore-1700&catid=102:news&Itemid=90
torna su




LETTURA CREATIVA AD ALTA VOCE IN UN WEEK-END- sabato e domenica 4 e 5 novembre
LETTURA CREATIVA AD ALTA VOCE IN UN WEEK-END - PROSSIMO APPUNTAMENTO: SABATO 03 E DOMENICA 04 NOVEMBRE 2018 con Pietro Tartamella ----------------- IL SAGGIO FINALE DEGLI ALLIEVI PRESSO UN CENTRO PER ANZIANI, PER DISABILI, O IN UNA SCUOLA ---------- Gli allievi apprendono le tecniche di lettura in due giornate intense di lavoro per metterle subito in pratica intrattenendo, da lì a qualche giorno, con le loro storie, un pubblico di ragazzi disabili, o di anziani, o di bambini di scuola elementare, regalando loro un momento di magia e divertimento ------- riscoprire il puro suono della parola, stimolare il piacere di parlare e leggere ad alta voce, eliminare paure e inibizioni nell’espressione ad alta voce del proprio pensiero, stimolare un abbellimento della personalità, correggere, o almeno sdrammatizzare, piccoli difetti logopedici, riscoprire la lingua che parliamo, rendere affascinante e coinvolgente la lettura di un racconto, una poesia, una favola, una relazione, scoprire la propria voce e le sue potenzialità ----------- Il numero massimo di partecipanti ammessi ad ogni singolo corso - per nostra buona e consueta abitudine - tende a non superare la consistenza uovo (una dozzina)” ----- E se qualcuno venisse da lontano, nessun problema, c’è la possibilità di pernottare presso la Foresteria “Tiziano Terzani” di Cascina Macondo, a fronte di un contributo della consistenza di un Bed and Breakfast ---------------- Per informazioni dettagliate copia e incolla il seguente link sul tuo browser: http://www.cascinamacondo.com/index.php?option=com_content&view=article&id=1475:lettura-creativa-ad-alta-voce-in-un-week-end&catid=102:news&Itemid=90 –----- cell. 328 42 62 517.
torna su




LA FORESTERIA DI CASCINA MACONDO 'Tiziano Terzani' a costi di Bed&Breakfast
La Foresteria 'Tiziano Terzani' di Cascina Macondo è un appartamento ricevuto in comodato composto di una cucina, tre camere, un bagno. Possono pernottarvi, o soggiornarvi, a costi di Bed and Breakfast, i Soci dell’Associazione e coloro che (FAMIGLIE,SINGOLI O PRIVATI) intendono diventarlo, i Soci di Associazioni con finalità affini a quelle di Cascina Macondo, i Soci di Associazioni di promozione sociale e artistiche, coloro che aderiscono ad iniziative e attività promosse da Enti Pubblici e Privati. Il ricavato è a sostegno delle attività istituzionali di Cascina Macondo. Copia e incolla il seguente link sul tuo browser per vederne le immagini: http://www.cascinamacondo.com/index.php?option=com_content&view=article&id=331:la-foresteria-di-cascina-macondo&catid=102:news&Itemid=90
torna su




risultati del concorso internazionale haiku cascina macondo- anno 2017, 15° edizione
Sul sito di Cascina Macondo: www.cascinamacondo.com sono pubblicati i risultati del Concorso Internazionale Haiku 16° edizione 2018. La cerimonia di premiazione avverrà a Cascina Macondo domenica 18 novembre 2018. PER I DETTEGLI COPIA E INCOLLA IL SEGUENTE LINK SUL TUO BROWSER: http://www.cascinamacondo.com/index.php?option=com_content&view=article&id=1638:risultati-concorso-internazionale-haiku-2018-16d-edizione&catid=102:news&Itemid=90
torna su




“5-7-5 UNIVERSO HAIKU “ quindicinale a cura di Fabrizio Virgili - La campana del tempio tace, di Matsuo Bashò
La campana del tempio tace, / ma il suono continua / a uscire dai fiori. // (Matsuo Bashò) ---------------------------- Da tanto non ci occupavamo di componimenti dei padri dell’Haiku. Ne preleviamo uno dal fondatore della struttura del 5 – 7 – 5, il grande Matsuo Bashò (1644 – 1694). Si chiamava in effetti Matsuo Munefusa, ma preferì farsi chiamare Bashò dalla pianta di banano che i suoi allievi gli regalarono e che mise a dimora davanti alla porta della sua casa. Banano in giapponese si dice appunto bashò. Il banano crebbe rigoglioso e rappresentò il suo segno distintivo. Era l’anno in cui il nostro Matsuo iniziò il viaggio descritto in Oku no hosomichi (Lo stretto sentiero verso il profondo Nord), il 1689. La primavera è rappresentata in maniera straordinaria, con il suono della campana del tempio, ieratico e lento, solenne. Profumi e colori li lascia immaginare al lettore che si accosterà al suo componimento, senza precisare quali siano i tipi di fiori a cui fa riferimento. Questo acuisce la forza dell’indeterminato, uno dei quattro “sentimenti” che rendono “perfetto” un haiku. I giardini intorno al tempio sono ricchi di fiori che sembrano reiterare il rintocco della campana, che si perde nello spazio circostante. Il suono che “esce” dai fiori è immagine di rilevante efficacia e particolarmente bella. In un passo dell’Eneide, Virgilio descrisse una scena molto somigliante a questa del Maestro. È evidente che la traduzione non possa rimare ”costretta” nei canoni del 5-7-5, ma nella versione originale era rispettata la quantità, peraltro stabilita dal Maestro stesso. Cogliamo l’occasione della news per ricordare che il 19 Novembre avrà luogo la Cerimonia di premiazione del Concorso internazionale, ormai giunto alla quindicesima edizione. Appuntamento a Cascina Macondo, Riva Presso Chieri (TO). --- fabrizio.virgili@cascinamacondo.com --- cos’è un Haiku? / un attimo di vita / che si fa verso.
torna su




“UKA SHA SHA ASCOLTANDO I NATIVI AMERICANI” quindicinale a cura di Pietro Tartamella - SPECCHIETTO, SPERONI
SPECCHIETTO: Le segnalazioni con gli specchietti, usati dai Sioux nei combattimenti, potevano essere visti sino a 17 chilometri. Lo specchietto veniva anche usato dai viaggiatori i quali, scorgendo in lontananza un accampamento, facevano una serie di segnalazioni in codice (una sorta di parole d'ordine) per verificare se si trattava di amici o di nemici. ------------------------------------------------------------------------------ SPERONI: I Cheyenne usavano speroni di ferro, di pietra o di osso, spesso decorati e guarniti di penne d'aquila. I Comanche avevano robusti speroni che affondavano nei fianchi dei loro Mustang. Provenivano dai bottini sottratti ai messicani e agli spagnoli. Gli indiani delle praterie non usarono mai gli speroni. ---- pietro.tartamella@cascinamacondo.com
torna su




“LESSICO INGLESE goccia a goccia – ENGLISH LEXICON drop by drop” - settimanale a cura di Pietro Tartamella - TO BRISTLE, BRISTLING
TO BRISTLE /ˈbrɪsl/ v. i. 1) (di capelli) rizzarsi; (di pelo) drizzarsi, arruffarsi --- 2) (di animale) rizzare il pelo --- 3) (fig., di persona) reagire con irritazione; impermalirsi; inalberarsi; arrabbiarsi; (to bristle with indignation = reagire con indignazione; indignarsi) --- 4) – reggenza: to bristle with, essere irto di; essere pieno di; pullulare di; brulicare di: (The city walls bristled with cannons = le mura della città pullulavano di cannoni); (His speeches bristled with quotations = i suoi discorsi erano pieni di citazioni) -------------------------------------------------------------------- BRISTLING a. 1) ispido; irsuto: (a bristling beard = una barba ispida) --- 2) (fig.) energico; vivace; aggressivo. ---------- pietro.tartamella@cascinamacondo.com -------- (i vocaboli sono tratti dal Dizionario inglese/italiano – italiano/inglese “Ragazzini” - Zanichelli editore. Il dizionario Ragazzini contiene anche la fonetica delle parole inglesi e, nel cd-rom, la pronuncia sonora di tutti i lemmi inglesi: http://dizionari.zanichelli.it/dizionariOnline)
torna su




Il decalogo di tortura al carcere duro del 41 bis - di Carmelo Musumeci
Un nuovo provvedimento emanato dal DAP (Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria) del Ministero della Giustizia regolamenterà, e torturerà democraticamente, i detenuti sottoposti al regime di tortura del 41 bis. Quando ho letto questa Circolare ho pensato che difficilmente, per non dire mai, il carcere riesce a educare il prigioniero, ma alcune volte, per fortuna, riesce a far riflettere. Queste parole di Gherardo Colombo, ex Procuratore di Mani Pulite, che di gente in carcere ne ha sbattuta parecchia, lo confermano: “Se vogliamo educare al bene, per farlo dobbiamo utilizzare il bene. La vendetta non può bastare". -- Anch’io la penso in questo modo. Ma in realtà, in Italia, il carcere serve a farti diventare più cattivo o più mafioso di quando sei entrato. Per paura di essere frainteso, scrivo subito che la mafia mi fa schifo e in carcere mi sono sempre scontrato con la cultura mafiosa. Mi fa, però, schifo anche la mafia dei poteri forti, che finge di combattere i mafiosi ma in realtà vuole prendere il loro posto. -- Ecco alcuni brani di questa circolare: “Il regime detentivo speciale di cui all’art. 41 bis dell’ordinamento penitenziario è una misura di prevenzione che ha come scopo quello di evitare contatti e comunicazioni tra esponenti della criminalità organizzata.” Bene! Credo che su questo dovremmo essere tutti d’accordo, ma io non sono d’accordo su alcune di queste restrizioni che non hanno questo obiettivo, ma tendono esclusivamente a complicare la vita dei prigionieri: “È vietato lo scambio di oggetti tra tutti i detenuti/internati, anche appartenenti allo stesso gruppo di socialità.” A parte che la solidarietà è un valore, e se uno rimane senza sigarette, sciampo, dentifricio? “Vietato affiggere alle pareti foto.” Perché? Non credo che questo divieto consenta di prevenire contatti del detenuto con l’organizzazione criminale di provenienza. Un prigioniero vive di piccole cose e avere attaccato alle pareti della propria cella le foto dei familiari è importante. “Gli effetti personali relativi all'igiene personale, per loro natura pericolosi e potenzialmente offensivi, verranno consegnati ai detenuti/internati all'apertura della porta blindata della camera, e poi ritirati al termine della giornata.” Perché? A mio parere questi oggetti sono più “pericolosi” di giorno che di notte, quando il prigioniero è solo e murato da un cancello blindato. “È fatto divieto al detenuto/internato di ricevere libri e riviste dall’esterno, dai familiari o da altri soggetti tramite colloqui o pacco postale.” Perché? Credo che la lettura potrebbe aiutare molto a sconfiggere l’anti-cultura mafiosa. “Può detenere all’interno della camera un numero massimo di quattro volumi per volta.” Perché solo quattro libri? Penso piuttosto che ci dovrebbe essere una buona legge per “condannare” i detenuti a tenere più libri in cella e, forse, anche una norma per obbligare chi ha scritto questa circolare a leggere di più. “I detenuti/internati 41 bis possono permanere all'aperto per non più di due ore al giorno.” Perché? L’aria è criminogena? “È consentito tenere nella propria camera immagini e simboli delle proprie confessioni religiose, nonché fotografie in numero non superiore a 30 e di dimensione non superiore a 20x30.” Perché troppe foto dei familiari e figurine dei santi fanno male alla sicurezza?” Mi fermo qui, non elenco tutte le numerose restrizioni di questo decalogo che disciplina questo girone infernale. Non credo che proibire ai detenuti di abbracciare figli, padri, nipoti e madri per decenni serva a sconfiggere la mafia, come non serve a questo neppure proibire di attaccare le loro foto alle pareti della cella. Credo che lo Stato abbia già sconfitto militarmente la mafia, ma forse continua a fare di tutto per alimentare la cultura mafiosa, perché anche questo decalogo porterà odio verso lo Stato e le sue istituzioni. -- Carmelo Musumeci, Ottobre 2017, www.carmelomusumeci.com -
torna su




Premio Persona e Comunità per i migliori Progetti NO Profit
È previsto per il 26 ottobre 2017 il termine per la presentazione delle Candidature dei Progetti per la V edizione del Premio Nazionale Persona e Comunità. ---- Il Premio, a partecipazione gratuita, si propone di premiare, valorizzare e diffondere i migliori Progetti a contenuto sociale, realizzati dalle Organizzazioni NO Profit e di Volontariato e dalla Pubblica Amministrazione. ---- Il Premio rappresenta oggi il più importante (se non l’unico) riconoscimento che valorizza le Buone Pratiche in ambito sociale realizzate da PA e Volontariato. ---- La qualità dei Progetti e l’importanza delle Pubbliche Amministrazioni e delle Organizzazioni di Volontariato che hanno partecipato alla I Edizione, rappresentano la testimonianza di quanto sia importante riconoscere i buoni esempi e del valore che tale riconoscimento assume per la motivazione delle persone che vi operano. ---- Il Premio Persona e Comunità è strutturato in tre sezioni: A) Progetti inerenti Apprendimento e Formazione; B) Progetti relativi a Cultura, Socialità e Tempo Libero; C) Progetti in materia di Solidarietà e Servizi Socio-Sanitari ----- Regolamento e Modello di Candidatura (in formato excel), possono essere scaricati dal sito http://culturaesocieta.gsvision.it/ nella sezione Regolamenti. Per chi vuole approfondire, nella sezione Pubblicazioni/2017 è disponibile la Ricerca realizzata sulla base dei progetti che hanno partecipato alla IV Edizione. ----- Info Cultura e Società: cultsoc@fastwebnet.it – 347 8105522
torna su




E' in uscita il CALENDHAIKU!!!
Il uscito il libro CALENDHAIKU a cura di Antonio Fiorenero Contoli, il primo libro che raccoglie 365 haiku, uno per ciascun giorno dell'anno, seguendo il corso delle stagioni. La Ruota Edizioni. Il prezzo di copertina è di 15 euro. Se sei interessato, manda una mail a ordini@laruotaedizioni.it
torna su




Agli amici di ALFA TEATRO – Torino
L’ALFA TEATRO comunica che nella prossima stagione non sarà più in grado di produrre spettacoli di operetta e di prosa: i tempi sono cambiati, il pubblico è diminuito moltissimo e, non avendo alcun tipo di aiuto dagli Enti pubblici, non è più possibile con gli incassi poter sostenere i costi della Siae, della Compagnia e del Teatro. --- Continua invece la stagione per i ragazzi e, a questo proposito, si ricorda che domenica 15 dicembre alle ore 16,30 verrà presentato lo spettacolo GIANDUJA MEDICO DI MATRIMONI commedia tradizionale per burattini di e con MARCO GRILLI. Ingresso unico Euro 8,00 ---- Giovedì 12 alle ore 21,00 sarà ospite Riccardo Scwartz, pianista, che si esibirà in 4 sonate di Beethoven, prima di 8 serate al giovedì nelle quali esaurirà l'intero complesso delle 32 sonate di Beethoven. Ingresso unico Euro 15,00 ----- Info: TEATRO, Via Casalborgone 16/i, 10132 Torino ----- Cell 334-2617947 info@alfateatro.it
torna su




In uscita il 141° numero di Direfarescrivere e gli aggiornamenti di Bottegascriptamanent (numero 121°).
IN QUESTO NUMERO di DIREFARESCRIVERE. In primo piano: Da Kimerik, un libro dalla natura investigativa arricchito dal particolare connubio di immagini, colori, parole e saturazioni, di Gilda Pucci --- Questioni di editoria: Esistono molti editori free che alimentano le speranze degli autori: se fosse così, chi andrebbe da quelli a pagamento? di Fulvio Mazza e Sabrina Spina --- La cultura, probabilmente: Da Sovera Edizioni, una precisa inchiesta sul cold case di Antonella di Veroli: “il caso della donna dell’armadio”, di Elisa Barchetta --- La recensione libraria: Una biografia di Giorgio La Pira. Da Ferrari Editore, un politico onesto considerato il “sindaco santo” di Firenze, di Maria Chiara Paone --- Un editore al mese: Ferrari Editore è una casa editrice che valorizza il territorio regionale con un occhio verso la new technology degli ebook, di Gilda Pucci --------- IN QUESTO NUMERO DI BOTTEGA SCRIPTAMANENT. Da Narrativa e Poesia: un prezioso saggio che testimonia come la scultura del gigante Atlante sia attribuibile al genio del Rinascimento italiano (di Stefania Ciavattini) --- Da Laruffa Editore: un romanzo composto da cinque racconti noir ambientati nelle isole Eolie propone un’indagine tutta al femminile, (di Elisa Barchetta) ---------- Per informazioni info@bottegaeditoriale.it www.bottegaeditoriale.it
torna su




16 ottobre: due eventi per l'Afasia -Torino
Lunedì 16 ottobre dalle ore 15.00: una Giornata per l’Afasia - La Fondazione Carlo Molo onlus e il Centro Afasia CIRP ha curato due eventi speciali in occasione della Giornata Nazionale dell’Afasia. ---- Ore 15.00 Film Commission - Sala Movie - Via Cagliari 42, Torino - anteprima del docufilm 'PAROLE DENTRO – UN’ESPERIENZA DI TEATRO BABEL' -- Ingresso gratuito su prenotazione fino ad esaurimento posti. Il lavoro di Teatro Babel, oltre che una produzione artistica di qualità, rappresenta anche una metafora ed una testimonianza della possibilità di tornare ad essere attori della propria vita. Il più ampio approccio clinico, artistico e sociale, rappresenta l’humus su cui poter progettare e costruire interventi efficaci sia nel potenziare le abilità residue della persona afasica che nel raggiungere gli obbiettivi della maggior autonomia e inclusione sociale possibili. ******** Ore 21.00 Circolo dei Lettori Sala Gioco - Via Bogino 9. Torino - 'LO SCHERZO DEL DESTINO CHE CI HA RESO PIÙ FORTI' -- Ingresso gratuito su prenotazione fino ad esaurimento posti. Prendendo spunto dal sottotitolo del libro di Cesare Bocci e Daniela Spada “Pesce d’Aprile” (Sperling & Kupfler) un reading dei brani più salienti del libro e una conversazione con il pubblico e alcuni professionisti che lavorano sulle problematiche dell’Afasia e delle conseguenze di un ictus. Un reading “aperto” che dalle pagine del libro su sposterà sul pubblico e sui relatori. Curiosità, problemi, e proposte aiuto a chi viene colpito improvvisamente da accidenti che cambiano vita e relazioni. ------ Segreteria RSVP - Fondazione Carlo Molo onlus – Ufficio Stampa Daniela Trunfio – 339.6116688 – daniela.trunfio@fastwebnet.it
torna su




DESIGN FOR ALL – Torino
Venerdì 13 ottobre alle ore 18:00, a Torino, presso il CIRCOLO DEL DESIGN, in via Giovanni Giolitti n. 26/A, Easyreading Multimedia è lieta di invitarvi all’evento “DESIGN FOR ALL – EasyReading Font” --- La serata è inserita nella settimana dedicata a Torino Design of the City che si svolgerà in concomitanza con l’assemblea generale della World Design Organization. ---- Nella cornice del Circolo del Design, in si discuterà con gli ospiti sul tema dominante della manifestazione: comprendere come il design possa lavorare su un prodotto complesso come la Città per soluzioni innovative e sostenibili. ---- Info. asyReading Multimedia srl, Via Principi d'Acaja 7 - 10143 Torino, Tel +39 011 4730775
torna su




Lutum: Caerano ricorda il Vajont - Biblioteca di Caerano
12 ottobre - Biblioteca Comunale di Caerano - Lutum: Caerano ricorda il Vajont ***** LUTUM raccoglie sessantatré poesie dedicate alla strage del Vajont. Lutum in latino significa fango, melma. In senso figurato, vuol dire uomo abbietto, essere miserabile. L’enorme distesa di fango che occupa la piana di Longarone è una delle immagini più ricorrenti della strage. E proprio da quel fango sembrano essere spuntate come per mistero le bestie umane che si accaniscono come belve sui superstiti e sopravvissuti annientati dal dolore. Il sottotitolo memoriae allude ai ricordi terribili dei momenti successivi all’ecatombe ma anche a quelli dei soprusi e delle angherie a noi temporalmente più vicini. Prefazione di Aldo Colonnello. --------- Villa Benzi Zecchini [mailto:info@villabenzizecchini.it]
torna su




Progetto HABITAZIONI - Torino
Riprende nel mese di Ottobre, a TORINO, il progetto HABITAZIONI, itinerari abitabili che sarà realizzato grazie al contributo della Compagnia di San Paolo nell’ambito di ORA! Linguaggi Contemporanei Produzioni Innovative. Da un’idea condivisa da Cantiere, Una Teatro e Sumisura con il sostegno di Piemonte dal Vivo, Lavanderia a Vapore e con la collaborazione di Superbudda Creative Collective e Shared Training Torino ------- L’attraversamento può essere considerato un luogo da abitare? come può dar casa, senso di appartenenza e identità, pur essendo mobile, dinamico, in movimento? Come può modificare la percezione dello spazio e dei rapporti che vi intercorrono tra i suoi abitanti-passanti? ------ Proveremo a trovare risposte attraverso parole, movimento e relazione con il suono con tutti coloro che vorranno partecipare ai prossimi workshops gratuiti con iscrizione obbligatoria che si svolgeranno presso Via Baltea 3 / Laboratori di Barriera: Sabato 14 ottobre 2017, WORKSHOP TEATRALE di Una Teatro, Irene Salza e Anna Carla Bosco dalle 14.00 alle 20.00; Info: 347 0442240, unateatro@gmail.com ------ Seguiranno a Novembre: domenica 19 WORKSHOP CORPO SPAZIO RELAZIONE di Cantiere, Sara Marasso e Stefano Risso -- sabato 25 WORKSHOP TEATRALE di Una Teatro, Irene Salza e Annacarla Bosco ----- Più dettagli sui workshop e sul progetto su: Sito internet habitazioni o Pagina Facebook www.facebook.com/habitazioni e sulla pagina del sito dedicata al progetto: www.ilcantiere.net/habitazioni
torna su




Questa settimana a Radio Fahrenheit
MERCOLEDÌ. Per moltissime ragioni, nel corso della storia, scrittori e poeti hanno cambiato i loro nomi scegliendo di firmarsi con gli pseudonimi con i quali sono poi passati alla storia. Da Carlo Collodi (all'anagrafe Lorenzini) ad Alberto Moravia (nato Pincherle), da Joseph Conrad a Pablo Neruda, da Teofilo Folengo a Voltaire, da Umberto Saba a Pessoa, fino a Elena Ferrante, Mario Baudino ci trascina in un'avventurosa ricognizione delle cause e delle conseguenze umane e letterarie della scelta di uno pseudonimo. Mario Baudino “Lei non sa chi sono io” (Bompiani) -- Francia, 1940. La guerra è ormai alle porte. Il padre della piccola Charlotte Wins vuole evitare che la famiglia subisca la deportazione, così si procura dei documenti falsi per raggiungere Parigi. Ma si rende conto che la capitale non è più sicura e trasferisce tutti a Lione, sotto il governo collaborazionista di Vichy. Charlotte a volte esce di casa, e davanti ai binari guarda passare i treni carichi di ebrei deportati. Ben presto suo padre realizza che nemmeno Lione è il posto giusto per sfuggire alle persecuzioni e paga degli uomini affinché li aiutino a raggiungere la Svizzera. Un viaggio molto pericoloso, una fuga senza sosta per scampare al pericolo. Ruperto Long “La bambina che guardava i treni partire” (Newton Compton) ---- GIOVEDÌ. Le false libertà è un’antropologia del presente. Analizza la realtà attuale, approfondisce e indaga la ricaduta che la globalizzazione, con le sue credenze illusorie, ha sulla vita delle persone. Sì, perché è soprattutto di persone che si parla qui, anzi di storie: i bengalesi a New York, i pachistani a Londra, fino alla straordinaria storia di un emigrato o alla folle dichiarazione d’amore a una città mai vista. Ma c’è anche chi mangia cani morti e chi utilizza la cucina etnica per sedare i conflitti, e poi padri senza figli e figli senza padre. Storie vere, nate dalla ricerca sul campo. Stefano De Matteis “Le false libertà” (Meltemi). -- Libro del giorno. Sudabeh è una ragazza benestante dell'Iran post Rivoluzione. Vive in una famiglia altolocata che sogna per lei un matrimonio all'altezza del suo status sociale. La ragazza però si batte per un amore impossibile, quello che la lega a un uomo culturalmente e socialmente inferiore. Mentre Sudabeh insiste nella sua passione, la madre interpella la zia, che racconta di aver vissuto una storia d'amore simile a quella della nipote. Inizia dunque una seconda narrativa, parallela, che ci riporta nell'atmosfera dell'Iran prima della Rivoluzione, all'epoca dello Shah. La storia che la zia racconta suona come monito ed è fatta di tragiche conquiste: lei combatte per i propri sentimenti, ma il prezzo che dovrà pagare sarà alto. Fattaneh Haj Seyed Javadi “La scelta di Sudabeh” (Brioschi). ---- VENERDÌ. Libro del giorno. Eugenia, adolescente romana con la sua famiglia 'che non fa mai le cose come si deve', è catapultata in una zona decisamente ruvida di Los Angeles, agli inizi degli anni Novanta. Attraverso i suoi occhi stupefatti vediamo accumularsi l'amore, la droga e gli eccessi, le amicizie travolgenti e delicate, l'affiorare di una coscienza politica. E poi c’è Los Angeles con una natura selvaggia che affiora dai marciapiedi, dalla terra che trema, dispersa e fluttuante in un disordine alieno di strade e persone. E come un rombo di un aereo intercontinentale lontano nel cielo, la coscienza di Eugenia, con il suo linguaggio emotivo e psichico, agisce e sgretola impietosamente il falso mito di un'America idealizzata, dove tutto è in vendita. Chiara Barzini “Terremoto” (Mondadori). ---- Ad alta voce. Elia Shilton legge “La morte di Ivan Ilich” di Tolstoj in una nuova traduzione per Radio3 di Chiara Natalucci, dal 2 al 10 ottobre alle 17.00; Massimo Popolizio legge “Il naso” di Nicolaj Gogol, dall'11 al 13 ottobre alle 17.00 ---- fahre@rai.it
torna su




CHI E' E COSA DICE FRIEDRICH NIETZSCHE? Seminario di introduzione alla lettura dell'opera - Firenze
Sabato 28 ottobre/domenica 29 ottobre 2017, a Firenze, presso l'Associazione Radici Quadrate, Piazzale Donatello 29, ore 9:30–13:00 e 15:00– 18:00, seminario dal titolo “CHI E' E COSA DICE FRIEDRICH NIETZSCHE?”, con Susanna Mati ------- Chi è esattamente colui che si presenta come Friedrich Nietzsche? Dove si nasconde il filosofo fatale per tutto il pensiero contemporaneo? E che cosa significano le opzioni teoriche, apparentemente impercorribili, che Nietzsche ci propone? Idee enigmatiche come quelle di eterno ritorno, superuomo, volontà di potenza, più volte fraintese e distorte, rimangono infatti ancora tutte da chiarire. Il percorso labirintico di questo seminario costituirà un tentativo di “leggere bene” Nietzsche (come lui stesso esigeva e raccomandava), mettendo in luce innanzitutto il tratto estetico del suo pensiero. Proprio seguendo il grande, incessante confronto nietzschiano tra il pensiero e l’arte, anche attraverso la loro inevitabile contaminazione, arriveremo a domandarci se quella di Nietzsche possa ancora essere considerata un’altra filosofia (nel senso tradizionale del termine); oppure se la rinuncia all’idea di una verità ultima a favore di un pensiero sperimentale e “artistico” non abbia cambiato per sempre il volto della riflessione occidentale. La filosofia agisce ormai come l’arte? E dunque: la filosofia è finita? Certo è che questo naufragio lascia in eredità una attualissima opposizione a ogni forma di dogmatismo e di fanatismo, e la più grande apertura possibile per il pensiero futuro. ------- Susanna Mati, filosofa e scrittrice, ha insegnato per molti anni Estetica all’università di Venezia. Tra i suoi libri: Friedrich Nietzsche. Tentativo di labirinto (Feltrinelli 2017); Filosofia della sensibilità. Per un’estetica come pensiero mitologico (Moretti & Vitali 2014); Sex and the City: favola della donna single (Moretti & Vitali 2011); La decisione di Platone. Sulla “condanna dell’arte” (il melangolo 2010); La mela d’oro. Mito e destino (Moretti & Vitali 2009); Ninfa in labirinto (Moretti & Vitali 2006). Con Franco Rella ha pubblicato per Mimesis le ricerche su Nietzsche: arte e verità (2008) e Georges Bataille, filosofo (2007). Ha curato opere di G. Bataille, W. F. Otto, Novalis, K. Reinhardt. Per i Classici Feltrinelli ha tradotto e curato: F. Hölderlin, Poesie scelte (2010); Novalis, Inni alla Notte e Canti spirituali (2012); Platone, Fedro(2013); F. Nietzsche, La nascita della tragedia(2015) e Così parlò Zarathustra (2017). ---- Iscrizione: 130,00 Euro + 10,00 Euro quota sociale Associazione STart. Posti limitati. Novità! L'iscrizione si riduce a 110,00 Euro (+ 10,00 Euro quota sociale Start per chi porta un amico) ------ Info. STart - Associazione di promozione sociale, Via Poggio Ugolino 12,50023 Impruneta (FI) – Italy, info@associazionestart.org www.associazionestart.org, tel. 055 2301096 - 328 6852950
torna su

*Ricevi questa mail in quanto sei iscritto alla lista "FRECCIOLENEWS" *

Se vuoi cancellarti dalla lista invia una email a info@cascinamacondo.com


Copyright (C) 2018 *|www.cascinamacondo.com|* All rights reserved.