Se non visualizzi bene questa mail premi qui.
Se vuoi visualizzare l'archivio newsletter premi qui.
Your Company
Staff Macondo

INDIANI D'AMERICA, FU GENOCIDIO? Serata con Naila Clerici di Soconas Incomindios - Riva Presso Chieri
L’ ASSOCIAZIONE “QUELLI CHE…CE... continua.

MACONDO DANZA TEATRO - IL SABATO - programmazione stages anno 2017-2018
MACONDO TEATRO E DANZA, I ... continua.

CERIMONIA DI PREMIAZIONE DELLA 15° EDIZIONE CONCORSO INTERNAZIONALE HAIKU IN LINGUA ITALIANA
CERIMONIA DI PREMIAZIONE DOMÉN... continua.

LETTURA CREATIVA AD ALTA VOCE IN UN WEEK-END- sabato e domenica 4 e 5 novembre
LETTURA CREATIVA AD ALTA VOCE ... continua.

“5-7-5 UNIVERSO HAIKU “ quindicinale a cura di Fabrizio Virgili - LA LUNA IN CIELO di Anna Maria D’Angeli
La Luna in cielo / ne manca ... continua.

“UKA SHA SHA ASCOLTANDO I NATIVI AMERICANI” quindicinale a cura di Pietro Tartamella - SPORT DAL TRENO
SPORT DAL TRENO: Il personal... continua.

“LESSICO INGLESE goccia a goccia – ENGLISH LEXICON drop by drop” - settimanale a cura di Pietro Tartamella - SLOP
SLOP /slɒp/ n. 1) [U... continua.


Utenti Frécciolenews

Play Active, Play Different - Torino
INCONTRO PER DOCENTI, FORMATOR... continua.

Un giorno di digiuno nazionale per l'abolizione del carcere a vita
L’Associazione Liberarsi onlus... continua.

Addio Alberto
Alberto L'Abate, i cui studi e... continua.

CENA DANSOIRA di HALLOWEEN con i CONTROCANTO
Venerdì 27 ottobre ore 19.30-2... continua.

La Partita con papà- 3° Edizione
Il 5 dicembre 2017, per il ter... continua.

NEL NOME DEL PADRE, spettacolo teatrale – Fossano (CN)
A Fossano, presso il Teatro Ba... continua.

Questa settimana a Radio Fahrenheit
Mercoledì. Da cent’anni la dis... continua.

VINO e OLIO IN FESTA 2017, 3° EDIZIONE - Roma
VINO e OLIO in FESTA 3° edizio... continua.


INDIANI D'AMERICA, FU GENOCIDIO? Serata con Naila Clerici di Soconas Incomindios - Riva Presso Chieri
L’ ASSOCIAZIONE “QUELLI CHE…CESARE LOMBROSO” in collaborazione con SOCONAS INCOMINDIOS e CASCINA MACONDO: 'INDIANI D’AMERICA, FU GENOCIDIO? I diritti delle popolazioni indigene d’America prospettiva storica e realtà attuale' ---- relatrice Naila Clerici --- intervento di Biagio Fabrizio Carillo ------ SABATO 11 NOVEMBRE 2017, ORE 21.00 a CASCINA MACONDO ----- PER DETTAGLI COPIA E INCOLLA SUL TUO BROWSER IL SEGUENTE LINK: http://www.cascinamacondo.com/index.php?option=com_content&view=article&id=1485:indiani-damerica-fu-genocidio-serata-con-naila-clerici-sabato-11-novembre-2017&catid=102:news&Itemid=90
torna su




MACONDO DANZA TEATRO - IL SABATO - programmazione stages anno 2017-2018
MACONDO TEATRO E DANZA, I L S A B A T O, 1 4 H 0 0 - 1 9 H 0 0 -------- TEATRO: INCONTRI A TEMA DEDICATI A TUTTI COLORO CHE VOGLIONO FARE UN'ESPERIENZA CREATIVA E DI GRUPPO. UNO SPAZIO ED UN TEMPO DEDICATI AL BENESSERE, ALL'INCONTRO CON L'ALTRO, ALL'APPRENDIMENTO LUDICO --------- DANZA: INCONTRI RIVOLTI A CHI PRATICA LA DANZA E VOGLIA FARE UN'ESPERIENZA CREATIVA --------- PER TUTTE LE PROPOSTE ETÀ MINIMA DEI PARTECIPANTI 16 ANNI -------- Conduce Nagi Tartamella ----- PROSSIMO APPUNTAMENTO SABATO 10 MARZO 2018 I N F O E I S C R I Z I O N I: 347 76 89 592 - nagi.t@libero.it -------- PER DETTAGLI COPIA E INCOLLA IL SEGUENTE LINK SUL TUO BROWSER: http://www.cascinamacondo.com/index.php?option=com_content&view=article&id=1484:macondo-teatro-e-danza-il-sabato&catid=102:news&Itemid=90
torna su




CERIMONIA DI PREMIAZIONE DELLA 15° EDIZIONE CONCORSO INTERNAZIONALE HAIKU IN LINGUA ITALIANA
CERIMONIA DI PREMIAZIONE DOMÉNICA 19 NOVÈMBRE 2017 a Cascina Macondo - Borgata Madònna della Róvere, 4 10020 Riva Prèsso Chièri - Torino - Italia ------ Presènti i Giurati, la Redazione di Cascina Macondo, gli Spònsor, gli Autori premiati, la Stampa, il pùbblico interessato ---- La manifestazione è apèrta al pùbblico, prèvia indispensàbile prenotazione a causa dei posti limitati ---- POSSIBILITÀ DI PERNOTTAMENTO prèsso la Foresterìa “Tiziano Terzani” di Cascina Macondo a còsti di Bed & Breakfast ----- PROGRAMMA: * inizio 14,30 puntuali * lettura ad alta voce intorno al fuòco degli Haikù classificati, a cura del Gruppo I NARRATORI DI MACONDO e del gruppo VÈRBAVÒX * dimostrazione e performance di TAIKO - tamburo giapponese. (Il TAIKO, strumento tradizionale, valorizza la bellezza e l’importanza dei silènzi del còrpo tanto quanto il suòno e il ritmo). * cottura Raku dal vivo dei manufatti prèmio * consegna dei prèmi e dell’antologìa BIANCO SU BIANCO * thè, caffè, spicchio di torta per un momento conviviale * tèrmine della manifestazione ore 18,30 circa * durante la manifestazione esposizione della COLLEZIONE DEI LIBRI HAIKÙ della Bibliotèca di Cascina Macondo. Nello spazio Sherasad esposizione dei MANUFATTI RAKU di Cascina Macondo (di Anna Marìa Verrastro e Clèlia Vaudano). Nel cortile Alce Nero esposizione di MANUFATTI ARTÌSTICI IN CARTONE dell’artista Àngelo Lussiana -------------------------------------------------------------- PRIMO CLASSIFICATO sezione individuale: voci di guèrra / davanti al convòglio / sciame di farfalle // (rumours of war / before the convoy / a swarm of butterflies //) (Ciobîcă Cezar-Florin Romanìa) ---------- PRIMO CLASSIFICATO sezione collettiva: Cièlo azzurro, / gli uccèlli càntano – / il banco vuòto // (blue sky, / birds are singing – / the empty desk //) (Santariga Elisa scuòla di Recanati, ins. Piccini Catia)--------------------------- ------------------------ ringraziamenti alla giurìa: Alessandra Gallo, Annètte Seimer, Antonèlla Filippi, Arianna Sacerdòti, Doménico Benedetto, Fabia Binci, Fabrizio Virgili, Fanny Casali Sanna, Òscar Luparia, Piètro Tartamèlla, Tèrry Olivi ---------------------------- ringraziamenti alla giurìa onoraria Ban’ya Natsuishi (Giappone), Danilo Manèra (Italia), David Còbb (Inghiltèrra), Jim Kacian (USA), Max Verhart (Olanda), Visnja Mcmaster (Croazia), Zinovy Vayman (Russia) ringraziamenti agli spònsor e ai patrocini Villaggio La Francesca www.villaggilafrancesca.it --- Tonga Soa Beach Resort http://www.tongasoabeach.com/Article-Tonga-Soa-Beach-Resort-2,2853.html --- Residènza Piancasale www.piancasale.com --- Fondazione Italia-Giappone www.italiagiappone.it --- Cìrcolo dei Lettori www.circololettori.it ---------------- PER I DETTAGLI COPIA E INCOLLA IL SEGUENTE LINK SUL TUO BROWSER: http://www.cascinamacondo.com/index.php?option=com_content&view=article&id=1477:risultati-concorso-internazionale-haiku-2017-15d-edizione&catid=102:news&Itemid=90
torna su




LETTURA CREATIVA AD ALTA VOCE IN UN WEEK-END- sabato e domenica 4 e 5 novembre
LETTURA CREATIVA AD ALTA VOCE IN UN WEEK-END - PROSSIMO APPUNTAMENTO: SABATO 15 E DOMENICA 16 SETTEMBRE 2018 con Pietro Tartamella ----------------- IL SAGGIO FINALE DEGLI ALLIEVI PRESSO UN CENTRO PER ANZIANI, PER DISABILI, O IN UNA SCUOLA ---------- Gli allievi apprendono le tecniche di lettura in due giornate intense di lavoro per metterle subito in pratica intrattenendo, da lì a qualche giorno, con le loro storie, un pubblico di ragazzi disabili, o di anziani, o di bambini di scuola elementare, regalando loro un momento di magia e divertimento ------- riscoprire il puro suono della parola, stimolare il piacere di parlare e leggere ad alta voce, eliminare paure e inibizioni nell’espressione ad alta voce del proprio pensiero, stimolare un abbellimento della personalità, correggere, o almeno sdrammatizzare, piccoli difetti logopedici, riscoprire la lingua che parliamo, rendere affascinante e coinvolgente la lettura di un racconto, una poesia, una favola, una relazione, scoprire la propria voce e le sue potenzialità ----------- Il numero massimo di partecipanti ammessi ad ogni singolo corso - per nostra buona e consueta abitudine - tende a non superare la consistenza uovo (una dozzina)” ----- E se qualcuno venisse da lontano, nessun problema, c’è la possibilità di pernottare presso la Foresteria “Tiziano Terzani” di Cascina Macondo, a fronte di un contributo della consistenza di un Bed and Breakfast ---------------- Per informazioni dettagliate copia e incolla il seguente link sul tuo browser: http://www.cascinamacondo.com/index.php?option=com_content&view=article&id=1475:lettura-creativa-ad-alta-voce-in-un-week-end&catid=102:news&Itemid=90 –----- cell. 328 42 62 517.
torna su




“5-7-5 UNIVERSO HAIKU “ quindicinale a cura di Fabrizio Virgili - LA LUNA IN CIELO di Anna Maria D’Angeli
La Luna in cielo / ne manca una parte / il tuo sorriso. // (Anna Maria D’Angeli) --------------- I Giapponesi avrebbero classificato questo componimento tra quelli autunnali. A meno che non esista un riferimento specifico alla stagione, come ghiaccio, calura ecc., essi tendono a collocare nella terza stagione dell’anno il satellite della Terra. Ciò vale per gli haiku di noi occidentali. Loro sono più precisi, dato che attribuiscono ad essa un nome diverso a seconda del periodo dell’anno. Cinque stagioni? Cinque nomi diversi. Non dimenticate che per i Giapponesi esiste anche la “Tarda estate”, oltre alle quattro canoniche. E’ quella parte dell’anno che precede l’autunno e che risulta particolarmente afosa e umida. La malinconia domina completamente la scena e l’animo della nostra haijin, quella che nel Paese del Sol Levante è detta Aware. Sta a significare il rimpianto, la transitorietà, la nostalgia. Non ha importanza che l’assenza della persona lontana sia lunga o di breve durata, Anna Maria ha colto nella Luna la mancanza, la non presenza fisica. E si sente a disagio, imperfetta, così come è imperfetta la Luna, mancante di una parte. Ma l’assenza materiale si traduce in una presenza costante, tanto che anche un semplice sguardo in cielo è in grado di riportare nella sua mente la persona amata. Non si può fare a meno di sottolineare l’elegante semplicità dell’haiku; non ricerca di parole difficili, né ricorso ad effetti eclatanti, né tantomeno il compiacimento del proprio “sapere”. Questo è il vero haiku. ---- fabrizio.virgili@cascinamacondo.com --- cos’è un Haiku? / un attimo di vita / che si fa verso.
torna su




“UKA SHA SHA ASCOLTANDO I NATIVI AMERICANI” quindicinale a cura di Pietro Tartamella - SPORT DAL TRENO
SPORT DAL TRENO: Il personale delle ferrovie si era inventato lo sport di sparare dai finestrini del treno contro le mandrie di bisonti lasciandone le carcasse, a centinaia, ad imputridire nella prateria. Evidentemente avevano fatto propria l'idea e la strategia del generale Sheridan che aveva suggerito: "Uccidete i bisonti, e avrete annientato gli indiani". La caccia al bisonte divenne presto uno sport di lusso per i figli dei ricchi delle città dell'Est. In una sola spedizione di caccia nel 1878 furono abbattuti più di 100.000 capi. ---- pietro.tartamella@cascinamacondo.com
torna su




“LESSICO INGLESE goccia a goccia – ENGLISH LEXICON drop by drop” - settimanale a cura di Pietro Tartamella - SLOP
SLOP /slɒp/ n. 1) [U] acqua sporca; risciacquatura di piatti --- 2) [U] liquido poco sostanzioso; brodaglia; sbobba (pop.) --- 3) [U] avanzi (o fondi) di tè --- 4) (di solito al pl.) beverone, pastone, broda (per maiali)--- 5) [U] fanghiglia; neve sporca --- 6) [U] (fig.) sdolcinatezza; svenevolezza; moine; smancerie --- 7) [U] (fig.) balle; fesserie; cavolate (pop.) ------------------ ● slop basin (USA: slop bowl), recipiente per gli avanzi del tè o del caffè <><> slop bucket (o slop pail), secchio per l'acqua sporca; bugliolo. ---------- pietro.tartamella@cascinamacondo.com -------- (i vocaboli sono tratti dal Dizionario inglese/italiano – italiano/inglese “Ragazzini” - Zanichelli editore. Il dizionario Ragazzini contiene anche la fonetica delle parole inglesi e, nel cd-rom, la pronuncia sonora di tutti i lemmi inglesi: http://dizionari.zanichelli.it/dizionariOnline)
torna su




Play Active, Play Different - Torino
INCONTRO PER DOCENTI, FORMATORI ED EDUCATORI su nuova metodologia per PARLARE DI E GIOCARE CON CITTADINANZA, LOTTA ALLA DISCRIMINAZIONE E DIVERSITA' CULTURALE ---- martedì 7 novembre 2017, via Agostino Montefeltro 2 -TORINO, dalle ore 14.00 alle 18.00 ---- L'incontro è evento di disseminazione del progetto net net, un progetto Erasmus +- Giovani di cui siamo partner con Svezia, Spagna e Turchia, dedicato a coloro che si occupano dell'educazione e della formazione dei giovani. Topic di progetto: cittadinanza europea, discriminazione e diversità ---------- L'incontro vuole essere momento di confronto sui temi EU in un modo unconventional: attraverso un gioco in scatola elaborato all'interno del paternariato; da cornice uno spazio anch'esso alternativo, Toolbox di via Agostino Montefeltro 2 ------- Ci sarà un apericena offerto per cui è necessaria ISCRIZIONE via mail a: noemi.marchionatti@gmail.com --- Dettagli e informazioni al 3496606427
torna su




Un giorno di digiuno nazionale per l'abolizione del carcere a vita
L’Associazione Liberarsi onlus, che ha sempre sostenuto la campagna contro il carcere a vita, sta organizzando un giorno di digiuno nazionale per domenica 10 dicembre 2017 (Anniversario della Dichiarazione dei Diritti Umani) contro la pena dell’ergastolo. Per l’occasione l’Associazione ha pensato di coinvolgere, come organizzatori o aderenti, anche parlamentari che si facciano promotori di un disegno di legge e che si attivino per farlo calendarizzare, uomini e donne di tutte le chiese e fedi religiose, istituzioni, esponenti della magistratura, dell’università, dell’avvocatura, intellettuali e personaggi del mondo dello spettacolo, ergastolani e loro familiari, semplici cittadini e cittadine. Alcuni ergastolani hanno già dato la loro adesione, che è stata pubblicata sul sito dell’Associazione, www.liberarsi.net, per sensibilizzare e ricordare alla classe politica e all’opinione pubblica che in Italia esiste la “Pena di Morte Nascosta”, come Papa Francesco ha definito la pena dell’ergastolo. L’Associazione Liberarsi ha pensato d’invitare anche il Pontefice ad aderire pubblicamente e abbiamo pensato di scrivergli questa lettera: ———————————— Caro Papa Francesco, siamo gli ergastolani d’Italia. Pensiamo che Dio non sia così severo da gettare un’anima all’inferno e condannarla a essere cattiva e colpevole per sempre, come accade su questa terra. L’uomo ombra, condannato alla pena dell’ergastolo, passa la sua esistenza guardando solo il suo passato, perché non ha più giorni davanti a sé ad attenderlo, ed è difficile diventare buoni con una “pena del diavolo” da scontare. Perché i buoni ci fanno questo? La condanna all’ergastolo è disumana. E, più che una condanna fisica, è una pena dell’anima, una pena senza Dio. Perché i buoni ci fanno questo? Perché ci ammazzano lentamente, un po’ tutti i giorni, condannandoci senza speranza? Caro Papa Francesco, hai abolito la pena dell’ergastolo nello Stato del Vaticano, stavolta perché non lanci un appello allo Stato Italiano e a tutti gli Stati del mondo perché sia abolita la “Pena di Morte Viva”, come noi chiamiamo la pena dell’ergastolo? Papa Francesco, aiutaci a vivere o a morire. L’Associazione Liberarsi sta organizzando un giorno di digiuno nazionale, per domenica 10 dicembre 2017 (Anniversario della Dichiarazione dei Diritti Umani) contro la pena dell’ergastolo e vorremmo chiederti di supportarci pubblicamente, quando ti affacci alla finestra di Piazza San Pietro e scrivendoci la tua adesione. Grazie se lo farai. Contiamo sulla tua voce e sulla tua luce. A nome dell’Associazione Liberarsi, Carmelo Musumeci Ottobre 2017
torna su




Addio Alberto
Alberto L'Abate, i cui studi e pensieri ci hanno accompagnato in questi anni come Accademia Apuana della Pace, ci ha lasciati: in sua memoria condividiamo con i nostri lettori il ricordo pubblicato dal Movimento Nonviolento, di cui è stato un infaticabile animatore. ***** E' stato uno dei 'padri nobili' della nonviolenza italiana. Amico e collaboratore di Aldo Capitini, si è spento nella stessa data del suo Maestro, il 19 ottobre. Sociologo, docente universitario, esperto di metodologia della ricerca sociale, era appassionato soprattutto di ricerca/azione. La sua caratteristica, portata avanti per tutta la vita, fino all'ultimo giorno, lasciando tanti progetti e impegni già assunti nella sua agenda, era proprio quella di ricercatore e attivista. Studiare e agire. Innumerevoli le lotte di cui è stato protagonista, dagli anni passati in Sicilia, con Danilo Dolci, alla lotta antinucleare a Montalto di Castro (fu anche denunciato e processato per l'occupazione dei binari); dall'ambasciata di pace a Pristina, agli scudi umani a Baghdad; dalla verde vigna di Comiso, contro l'installazione dei missili nucleari, fino al Parco della pace a Vicenza, per contrastare la base militare Dal Molin. Attivissimo nel Movimento Nonviolento e nel MIR (ha partecipato anche alle due ultime assemblee nazionali di Roma e di Palermo) è stato fondatore dei Berretti Bianchi e fino all'ultimo presidente onorario di Ipri- Rete Corpi Civili di pace; promotore di corsi universitari per operatori di pace, gestione e mediazione dei conflitti, ha scritti innumerevoli saggi, libri, articoli sui temi della pace e della nonviolenza. Il rigore scientifico e la generosità nella militanza, erano sempre mescolati con una trasparente dimensione umana, di fratellanza e apertura, che lo facevano ben volere ovunque andasse a mettere in atto i suoi progetti costruttivi: in Kosovo come in Sicilia, in India come Sardegna. A Firenze era il punto di riferimento per le attività della Fucina della nonviolenza. Ci vorrà tempo per ricostruire nei dettagli la sua lunga biografia. Ora è il momento del viaggio della sua anima. Lo accompagniamo con amicizia e amore, insieme alla sua amatissima famiglia. Movimento Nonviolento Accademia Apuana della Pace - www.aadp.it
torna su




CENA DANSOIRA di HALLOWEEN con i CONTROCANTO
Venerdì 27 ottobre ore 19.30-23.00, l'Associazione Baldanza in collaborazione con la Direzione Centrale Politiche Sociali - progetto MOTORE DI RICERCA: comunità attiva del Comune di Torino, invita alla CENA DANSOIRA di Halloween. La serata si svolgerà presso l'Antico Teatro dell’IRV in C.so Unione Sovietica 220/d – TORINO. -- Portare bevande, cibarie e ....... tanta voglia di danzare!! -- -- Se non arrivate per cena ricordate di portare una bibita da condividere.... Ingresso libero. La serata sarà allietata dalla musica del gruppo di musicisti CONTROCANTO --- La danza popolare è danza collettiva, è armonia di gesti, espressioni, sorrisi, vicinanza che unisce magicamente e gioiosamente i partecipanti. Per questo è scuola di socialità, di attenzione all’altro, di rispetto di tempi e ritmi. ---- Informazioni: Chiara Cell. 339.717.29.38 - Maria Cell. 349.181.57.15 - e-mail: baldanza@arpnet.it - www.arpnet.it/baldanza
torna su




La Partita con papà- 3° Edizione
Il 5 dicembre 2017, per il terzo anno consecutivo, ritorna “La partita con papà”, la giornata di calcio dei papà detenuti coi loro figli, negli istituti penitenziari italiani. Organizzata da Bambinisenzasbarre con il sostegno del Ministero di Giustizia - Dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria, un’iniziativa unica in Europa, per sensibilizzare le istituzioni, i media e l’opinione pubblica sulla situazione dei 100 mila bambini in Italia (2.1 milioni in Europa) che vivono la separazione dal proprio genitore detenuto offrendo loro un momento speciale d’incontro. L’evento si inserisce nella Campagna “Dona un abbraccio”, che pone l’attenzione sulla necessità di preservare il legame affettivo con il genitore, fondamentale per la crescita del bambino e per la sua stabilità emotiva. Un legame che svolge un’importante funzione preventiva rispetto a fenomeni quali devianza giovanile, abbandono scolastico, illegalità, molto più frequenti in presenza di un’interruzione del rapporto genitori figli. Una campagna per superare i pregiudizi di cui sono spesso vittime questi bambini, che si trovano a pagare per un crimine che non hanno commesso, perché troppo spesso stigmatizzati ed emarginati, e per ricordare che il figlio di genitori detenuti è innanzitutto un bambino con i suoi bisogni e i suoi diritti. Proprio su questo si impegna da 15 anni l’Associazione Bambinisenzasbarre Onlus che ha firmato il Protocollo - Carta dei diritti dei Figli di genitori detenuti – la prima in Europa nel suo genere, col Ministro di Giustizia e il Garante dell’Infanzia e dell’adolescenza – che riconosce formalmente i diritti di questi bambini, in particolare il diritto alla continuità del legame affettivo con il proprio genitore in attuazione dell’art. 9 della Convenzione ONU.In linea con la Carta dei Diritti, Bambinisenzasbarre, per un processo di trasformazione degli istituti Penitenziari, ha realizzato lo Spazio Giallo all’interno delle carceri, ambienti protetti di attenzione e ascolto. Grazie agli Spazi Gialli Bambinisenzasbarre intende attenuare l’impatto del bambino con il carcere e, contemporaneamente, garantire la continuità del rapporto affettivo con il genitore. Attualmente gli Spazi Gialli sono presenti negli istituti di Lombardia, Emilia Romagna, Piemonte, Toscana e Campania, ma l’obiettivo dell’Associazione è di dotare ogni carcere italiano del proprio Spazio Giallo. Per questo, i fondi raccolti dalla Campagna “Dona un abbraccio” verranno destinati alla realizzazione di nuovi Spazi Gialli nelle carceri italiane, al fine di garantire a tutti i 100 mila bambini che fanno visita al genitore un luogo fatto su misura per loro. ---- Ufficio Stampa Bambinisenzasbarre, Tel. 02 711998 3938814575 comunicazione@bambinisenzasbarre.org www.bambinisenzasbarre.org
torna su




NEL NOME DEL PADRE, spettacolo teatrale – Fossano (CN)
A Fossano, presso il Teatro Battuti Bianchi, Largo Camilla Bonardi, nei giorni giovedì 30 novembre 2017 ore 21, venerdì 1 dicembre 2017 ore 21 e sabato 2 dicembre 2017 ore 21, va in scena il nuovo spettacolo della compagnia “La corte dei folli”, dal titolo “NEL NOME DEL PADRE” di Luigi Lunari, con Cristina VIGLIETTA e Pinuccio BELLONE e la partecipazione di Giulia CARVELLI e Francesco COSTAMAGNA, regia di Stefano SANDRONI. ------ info e prevendite: 347-3029518, cdf@lacortedeifolli.it, www.lacortedeifolli.org
torna su




Questa settimana a Radio Fahrenheit
Mercoledì. Da cent’anni la disfatta di Caporetto suscita le stesse domande: fu colpa di Cadorna, di Capello, di Badoglio? I soldati italiani si batterono bene o fuggirono vigliaccamente? Ma il vero problema è un altro: perché dopo due anni e mezzo di guerra l’esercito italiano si rivelò all'improvviso così fragile? L’Italia era ancora in parte un paese arretrato e contadino e i limiti dell’esercito erano quelli della nazione. In questo libro una nuova ricostruzione della battaglia e il racconto appassionante di un fatto storico che ancora ci interroga sul nostro essere una nazione. Alessandro Barbero “Caporetto” (Laterza) -- Libro del giorno. Da bambino Giorgio Falco amava la divisa da autista degli autobus che il padre indossava ogni giorno per andare al lavoro, tanto che a Carnevale voleva vestirsi come lui, anziché da Zorro. Raccontando l'epopea novecentesca del lavoro come elevazione sociale, come salvezza, Falco ne può testimoniare il graduale disfacimento, attraverso le proprie innumerevoli esperienze professionali. Una lunga catena di lavori iniziati e persi, che lo conduce alla scelta radicale di mantenersi con le scommesse sportive. È la fine, o solo l'inizio. Perché questa è anche la storia di un lento apprendistato per diventare scrittore. Giorgio Falco “Ipotesi di una sconfitta” (Einaudi) ---- Giovedì. Zoppellaro ha seguito per quattro anni la fiera dei cavalli di Appleby, che ogni primo giovedì di giugno attira tra i 10.000 e i 15.000 rom, gipsy e Irish Travellers di tutto il Regno Unito, che si incontrano per comprare e vendere cavalli. Dal 2012 al 2016 il fotografo ha puntato l’obiettivo su questo festival e soprattutto sugli Irish Travellers per dare vita a un reportage che è a tutti gli effetti uno studio antropologico. Mattia Zoppellaro “Appleby” (Contrasto) -- Libro del giorno. Raccontare uno scrittore come Calvino è capire che, se da una parte ci sentiamo vivi solo quando scriviamo, dall'altra la scrittura verrà sempre dopo la vita. Calvino è sicuramente uno degli autori italiani più conosciuti e tradotti al mondo, tuttavia spesso le numerose citazioni nascondono una conoscenza superficiale e approssimativa delle sue variegate opere. Seguendo il filo della sua biografia, Biferali racconta l'uomo e lo scrittore, e con l'ardore di un lettore appassionato, sceglie dove soffermarsi e lasciar parlare i testi. Età di lettura: da 10 anni. Giorgio Biferali, “Italo Calvino” (La Nuova Frontiera Junior) ---- Venerdì. Non abbiamo tempo? E allora leggiamo in treno, in aereo, nella metro, a letto, sotto il tavolo, sotto il banco. Leggere per vivere vuol dire attingere a quell'energia che fa essere la realtà diversa da una prigione, e dobbiamo diventare lettori selvaggi proprio ora che non abbiamo tempo. Montesano parla a ciascuno di noi: a chi gli si siede vicino in metropolitana, a chi rifugge ogni slogan e certezza, a chi non teme la propria ignoranza perché sa trasformarla in sete di conoscenza. Giuseppe Montesano “Come diventare vivi” (Giunti) - Libro del giorno. Una domenica di aprile, una Vespa, Milano negli anni Sessanta. Un padre operaio, una madre parrucchiera, un figlio di sei anni e una bimba che non ne ha ancora uno. Vengono dalla periferia, presi dall'euforia del benessere. Qualcuno scatta una foto a loro insaputa. Vent'anni dopo una ragazza si trova al capezzale della madre che ha perso la memoria. Il suo compito è di narrarle il passato, facendosi aiutare da quella foto. Prende così avvio il racconto di una famiglia nell'Italia spensierata del miracolo economico, fino a quando non soffia il vento della contestazion e giovanile e all'orizzonte si addensano le prime ombre del terrorismo. Allora la città simbolo dello sviluppo industriale si spegne nel buio dell'austerity, si sporca di sangue e di violenza, mostra il male che si annida nel destino di tutti. Giuseppe Lupo “Gli anni del nostro incanto” (Marsilio) ---- fahre@rai.it
torna su




VINO e OLIO IN FESTA 2017, 3° EDIZIONE - Roma
VINO e OLIO in FESTA 3° edizione al Mercato Contadino Capannelle: Oltre 80 produttori agricoli del territorio, artigiani e tanti, tanti consumatori (o meglio “fruitori”) che continuano a scegliere di mangiare consapevolmente e frequentano il Mercato Contadino Castelli Romani tutte le domeniche sul piazzale esterno di Via Appia angolo Via di Capannelle. ---- Domenica 29 ottobre 2017 questo evento speciale si svolgerà all’interno dell’Ippodromo dalle 9,00 alle 19,00 – organizzato in collaborazione con la Federazione Italiana Sommelier (FISAR: delegazione Roma e Castelli Romani) e il Centro Assaggiatori produzioni olivicole Latina (CAPOL) – con tanti laboratori per grandi e piccini, street farm food cioè il “cibo contadino di strada”, show-cooking, degustazioni, pic nic da “ottobrata romana” e musica popolare! ---- Per saperne sempre di più ed impedire che il sistema dell’agrindustria, controllando il cibo che assumiamo tutti i giorni, controlli anche le nostre vite! info@mercatocontadino.org
torna su

*Ricevi questa mail in quanto sei iscritto alla lista "FRECCIOLENEWS" *

Se vuoi cancellarti dalla lista invia una email a info@cascinamacondo.com


Copyright (C) 2018 *|www.cascinamacondo.com|* All rights reserved.