Se non visualizzi bene questa mail premi qui.
Se vuoi visualizzare l'archivio newsletter premi qui.
Your Company
Staff Macondo

INDIANI D'AMERICA, FU GENOCIDIO? Serata con Naila Clerici di Soconas Incomindios - Riva Presso Chieri
L’ ASSOCIAZIONE “QUELLI CHE…CE... continua.

MACONDO DANZA TEATRO - IL SABATO - programmazione stages anno 2017-2018
MACONDO TEATRO E DANZA, I ... continua.

CERIMONIA DI PREMIAZIONE DELLA 15° EDIZIONE CONCORSO INTERNAZIONALE HAIKU IN LINGUA ITALIANA
CERIMONIA DI PREMIAZIONE DOMÉN... continua.

LETTURA CREATIVA AD ALTA VOCE IN UN WEEK-END- sabato e domenica 4 e 5 novembre
LETTURA CREATIVA AD ALTA VOCE ... continua.

“GOODMORNING POESIA ORE 7” quindicinale a cura di Pietro Tartamella - IL GUERRIERO DELLA LUCE, di Paulo Coelho
IL GUERRIERO DELLA LUCE: ... continua.

“ERBA MANENT” quindicinale di erbe, frutti e piante a cura di Antonella Filippi - QUEL CHE RESTA DELLA NOTTE (seconda parte)
Continuiamo l’elenco dei perch... continua.

OrtolìneaCM - Accentazione Ortoèpica Lineare a cura di Fiorènza Alineri: “Un souvenir de Solférino” di J. Henry Dunant
Vèrso la fine della giornata, ... continua.

“LESSICO INGLESE goccia a goccia – ENGLISH LEXICON drop by drop” - settimanale a cura di Pietro Tartamella - RAMSHACKLE
RAMSHACKLE /ˈræmʃækl... continua.

“LESSICO ITALIANO goccia a goccia” - settimanale a cura di Pietro Tartamella - LUDOPATIA
LUDOPATIA ludopatìa / ... continua.


Utenti Frécciolenews

VENDESI ALLOGGIO - VENTIMIGLIA
Alloggio 65 mq. primo piano + ... continua.

Un giorno di digiuno nazionale per l'abolizione del carcere a vita
L’Associazione Liberarsi onlus... continua.

Verso EXPOELETTE 2018: “STEREOTIPI E…” - Moncalieri
Venerdì 17 novembre 2017, ore ... continua.

L’inconscio della casa, la casa dell’inconscio: laboratorio di scrittura autobiografica - Firenze
Sabato 25 novembre 2017, ore 9... continua.

Questa settimana a Radio Fahrenheit
Mercoledì. Cinquant’anni fa la... continua.

Torino città dell'automobile
Martedì 7 novembre ore 18 pres... continua.

Lettera aperta ai Sacerdoti
“Il carcere come punizione. E ... continua.

Presentazione del libro L’APPARENTE VERITÀ – Padova
Sabato 4 novembre 2017 alle or... continua.


INDIANI D'AMERICA, FU GENOCIDIO? Serata con Naila Clerici di Soconas Incomindios - Riva Presso Chieri
L’ ASSOCIAZIONE “QUELLI CHE…CESARE LOMBROSO” in collaborazione con SOCONAS INCOMINDIOS e CASCINA MACONDO: 'INDIANI D’AMERICA, FU GENOCIDIO? I diritti delle popolazioni indigene d’America prospettiva storica e realtà attuale' ---- relatrice Naila Clerici --- intervento di Biagio Fabrizio Carillo ------ SABATO 11 NOVEMBRE 2017, ORE 21.00 a CASCINA MACONDO ----- PER DETTAGLI COPIA E INCOLLA SUL TUO BROWSER IL SEGUENTE LINK: http://www.cascinamacondo.com/index.php?option=com_content&view=article&id=1485:indiani-damerica-fu-genocidio-serata-con-naila-clerici-sabato-11-novembre-2017&catid=102:news&Itemid=90
torna su




MACONDO DANZA TEATRO - IL SABATO - programmazione stages anno 2017-2018
MACONDO TEATRO E DANZA, I L S A B A T O, 1 4 H 0 0 - 1 9 H 0 0 -------- TEATRO: INCONTRI A TEMA DEDICATI A TUTTI COLORO CHE VOGLIONO FARE UN'ESPERIENZA CREATIVA E DI GRUPPO. UNO SPAZIO ED UN TEMPO DEDICATI AL BENESSERE, ALL'INCONTRO CON L'ALTRO, ALL'APPRENDIMENTO LUDICO --------- DANZA: INCONTRI RIVOLTI A CHI PRATICA LA DANZA E VOGLIA FARE UN'ESPERIENZA CREATIVA --------- PER TUTTE LE PROPOSTE ETÀ MINIMA DEI PARTECIPANTI 16 ANNI -------- Conduce Nagi Tartamella ----- PROSSIMO APPUNTAMENTO SABATO 10 MARZO 2018 I N F O E I S C R I Z I O N I: 347 76 89 592 - nagi.t@libero.it -------- PER DETTAGLI COPIA E INCOLLA IL SEGUENTE LINK SUL TUO BROWSER: http://www.cascinamacondo.com/index.php?option=com_content&view=article&id=1484:macondo-teatro-e-danza-il-sabato&catid=102:news&Itemid=90
torna su




CERIMONIA DI PREMIAZIONE DELLA 15° EDIZIONE CONCORSO INTERNAZIONALE HAIKU IN LINGUA ITALIANA
CERIMONIA DI PREMIAZIONE DOMÉNICA 19 NOVÈMBRE 2017 a Cascina Macondo - Borgata Madònna della Róvere, 4 10020 Riva Prèsso Chièri - Torino - Italia ------ Presènti i Giurati, la Redazione di Cascina Macondo, gli Spònsor, gli Autori premiati, la Stampa, il pùbblico interessato ---- La manifestazione è apèrta al pùbblico, prèvia indispensàbile prenotazione a causa dei posti limitati ---- POSSIBILITÀ DI PERNOTTAMENTO prèsso la Foresterìa “Tiziano Terzani” di Cascina Macondo a còsti di Bed & Breakfast ----- PROGRAMMA: * inizio 14,30 puntuali * lettura ad alta voce intorno al fuòco degli Haikù classificati, a cura del Gruppo I NARRATORI DI MACONDO e del gruppo VÈRBAVÒX * dimostrazione e performance di TAIKO - tamburo giapponese. (Il TAIKO, strumento tradizionale, valorizza la bellezza e l’importanza dei silènzi del còrpo tanto quanto il suòno e il ritmo). * cottura Raku dal vivo dei manufatti prèmio * consegna dei prèmi e dell’antologìa BIANCO SU BIANCO * thè, caffè, spicchio di torta per un momento conviviale * tèrmine della manifestazione ore 18,30 circa * durante la manifestazione esposizione della COLLEZIONE DEI LIBRI HAIKÙ della Bibliotèca di Cascina Macondo. Nello spazio Sherasad esposizione dei MANUFATTI RAKU di Cascina Macondo (di Anna Marìa Verrastro e Clèlia Vaudano). Nel cortile Alce Nero esposizione di MANUFATTI ARTÌSTICI IN CARTONE dell’artista Àngelo Lussiana -------------------------------------------------------------- PRIMO CLASSIFICATO sezione individuale: voci di guèrra / davanti al convòglio / sciame di farfalle // (rumours of war / before the convoy / a swarm of butterflies //) (Ciobîcă Cezar-Florin Romanìa) ---------- PRIMO CLASSIFICATO sezione collettiva: Cièlo azzurro, / gli uccèlli càntano – / il banco vuòto // (blue sky, / birds are singing – / the empty desk //) (Santariga Elisa scuòla di Recanati, ins. Piccini Catia)--------------------------- ------------------------ ringraziamenti alla giurìa: Alessandra Gallo, Annètte Seimer, Antonèlla Filippi, Arianna Sacerdòti, Doménico Benedetto, Fabia Binci, Fabrizio Virgili, Fanny Casali Sanna, Òscar Luparia, Piètro Tartamèlla, Tèrry Olivi ---------------------------- ringraziamenti alla giurìa onoraria Ban’ya Natsuishi (Giappone), Danilo Manèra (Italia), David Còbb (Inghiltèrra), Jim Kacian (USA), Max Verhart (Olanda), Visnja Mcmaster (Croazia), Zinovy Vayman (Russia) ringraziamenti agli spònsor e ai patrocini Villaggio La Francesca www.villaggilafrancesca.it --- Tonga Soa Beach Resort http://www.tongasoabeach.com/Article-Tonga-Soa-Beach-Resort-2,2853.html --- Residènza Piancasale www.piancasale.com --- Fondazione Italia-Giappone www.italiagiappone.it --- Cìrcolo dei Lettori www.circololettori.it ---------------- PER I DETTAGLI COPIA E INCOLLA IL SEGUENTE LINK SUL TUO BROWSER: http://www.cascinamacondo.com/index.php?option=com_content&view=article&id=1477:risultati-concorso-internazionale-haiku-2017-15d-edizione&catid=102:news&Itemid=90
torna su




LETTURA CREATIVA AD ALTA VOCE IN UN WEEK-END- sabato e domenica 4 e 5 novembre
LETTURA CREATIVA AD ALTA VOCE IN UN WEEK-END - PROSSIMO APPUNTAMENTO: SABATO 10 E DOMENICA 11 MARZO 2018 con Pietro Tartamella ----------------- IL SAGGIO FINALE DEGLI ALLIEVI PRESSO UN CENTRO PER ANZIANI, PER DISABILI, O IN UNA SCUOLA ---------- Gli allievi apprendono le tecniche di lettura in due giornate intense di lavoro per metterle subito in pratica intrattenendo, da lì a qualche giorno, con le loro storie, un pubblico di ragazzi disabili, o di anziani, o di bambini di scuola elementare, regalando loro un momento di magia e divertimento ------- riscoprire il puro suono della parola, stimolare il piacere di parlare e leggere ad alta voce, eliminare paure e inibizioni nell’espressione ad alta voce del proprio pensiero, stimolare un abbellimento della personalità, correggere, o almeno sdrammatizzare, piccoli difetti logopedici, riscoprire la lingua che parliamo, rendere affascinante e coinvolgente la lettura di un racconto, una poesia, una favola, una relazione, scoprire la propria voce e le sue potenzialità ----------- Il numero massimo di partecipanti ammessi ad ogni singolo corso - per nostra buona e consueta abitudine - tende a non superare la consistenza uovo (una dozzina)” ----- E se qualcuno venisse da lontano, nessun problema, c’è la possibilità di pernottare presso la Foresteria “Tiziano Terzani” di Cascina Macondo, a fronte di un contributo della consistenza di un Bed and Breakfast ---------------- Per informazioni dettagliate copia e incolla il seguente link sul tuo browser: http://www.cascinamacondo.com/index.php?option=com_content&view=article&id=1475:lettura-creativa-ad-alta-voce-in-un-week-end&catid=102:news&Itemid=90 –----- cell. 328 42 62 517. ------------- PER I DETTAGLI COPIA E INCOLLA SUL TUO BROWSER IL SEGUENTE LINK: http://www.cascinamacondo.com/index.php?option=com_content&view=article&id=1475:lettura-creativa-ad-alta-voce-in-un-week-end&catid=102:news&Itemid=90
torna su




“GOODMORNING POESIA ORE 7” quindicinale a cura di Pietro Tartamella - IL GUERRIERO DELLA LUCE, di Paulo Coelho
IL GUERRIERO DELLA LUCE: Ogni guerriero della luce ha avuto paura / di affrontare un combattimento. / Ogni guerriero della luce ha tradito / e mentito in passato. / Ogni guerriero della luce ha imboccato / un cammino che non era il suo. / Ogni guerriero della luce / ha sofferto per cose prive di importanza. / Ogni guerriero della luce / ha pensato di non essere un guerriero della luce. / Ogni guerriero della luce ha mancato / ai suoi doveri spirituali. / Ogni guerriero della luce ha detto “sì” / quando avrebbe voluto dire “no”. / Ogni guerriero della luce / ha ferito qualcuno che amava. / Perciò è un guerriero della luce: / perché ha passato queste esperienze, / e non ha perduto la speranza di essere migliore. // Un guerriero sa che un angelo e un demonio / si contendono la mano che impugna la sua spada. / Dice il demonio: “Tu cederai. Non individuerai / il momento giusto. Hai paura”. / E dice l’angelo: ”Tu cederai. Non individuerai / il momento giusto. Hai paura”. / Il guerriero è sorpreso: / entrambi hanno detto la stessa cosa. / Poi il demonio continua: “Lascia che ti aiuti”. / E l’angelo dice “Ti aiuto io”. / A questo punto, il guerriero avverte la differenza. / Le parole sono le stesse, / ma gli alleati sono diversi. / Allora il guerriero della luce sceglie il suo angelo. // (Paulo Coelho) ---- pietro.tartamella@cascinamacondo.com
torna su




“ERBA MANENT” quindicinale di erbe, frutti e piante a cura di Antonella Filippi - QUEL CHE RESTA DELLA NOTTE (seconda parte)
Continuiamo l’elenco dei perché dormire fa bene: 8) MIGLIORA LE PRESTAZIONI FISICHE: alcuni studi hanno dimostrato che, aumentando le ore di sonno notturne, gli atleti migliorano le prestazioni. Altre ricerche confermano che meno ore di sonno portano a un calo prestazionale. 9) AUMENTA LA CREATIVITÀ: durante il sonno il cervello “digerisce” le esperienze vissute di giorno rielaborandone il significato e selezionando gli stimoli più importanti. L’Università di Harvard ha verificato come dormendo migliorino del 33% le capacità di elaborare soluzioni nuove. 10) MIGLIORA L’ATTENZJONE E I VOTI A SCUOLA: un articolo pubblicato su Pubmed Pediatrics ha preso in esame anche questo aspetto: nei bambini inglesi che hanno un sonno frammentato per problemi respiratori si abbassa la capacità di comprensione e di attenzione. Altre ricerche dimostrano che gli adolescenti che dormono poco rendono meno sui banchi e nello sport. La mancanza di sonno può portare a iperattività e scarsa attenzione, sintomi molti simili all’ADHD (Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività). 11) MIGLIORARE LA MEMORIA: l’Università di Berkeley ha dimostrato come 90 minuti di sonno pomeridiano migliorino la capacità di memorizzare nuove informazioni, mentre per fissare i ricordi c’è bisogno di un riposo senza pause, come dimostra una ricerca dell’Università di Stanford pubblicata su Proceeding of the National Academy of Science, secondo cui quando il sonno viene interrotto la capacità di immagazzinare le esperienze e le informazioni vissute durante la giornata viene compromessa. Risulta quindi più importante e proficuo un riposo continuativo piuttosto che abbondante. Cosa fare per dormire bene? 1) ANDARE A DORMIRE SEMPRE ALLA STESSA ORA e svegliarsi sempre alla stessa ora, anche nel fine settimana, permette all’organismo di seguire uno schema di sonno regolare. Questo è fondamentale per lasciare che il nostro ritmo circadiano ci aiuti nel prendere sonno e nel mantenerlo profondo durante tutta la notte. 2) AVERE UNA CAMERA DA LETTO FRESCA E SILENZIOSA: dormire in un ambiente fresco, con aria pulita e non viziata, favorisce il sonno ristoratore; è inoltre importante che la camera da letto sia silenziosa e buia in modo da limitare al massimo rumori e luci che potrebbero disturbare il sonno. 3) EVITARE TELEFONI E COMPUTER A LETTO: la luce prodotta da questi apparecchi elettronici porta il cervello a svegliarsi, facendo calare i livelli di melatonina, l’ormone che regola il ciclo sonno-veglia: questo ovviamente rende molto più attivi, rendendo più difficile addormentarsi dopo aver utilizzato gli apparecchi elettronici. 4) I SONNELLINI DURANTE IL GIORNO RIDUCONO IL SONNO NOTTURNO: dormire durante il giorno può essere ristoratore, ma spesso rende più difficile prendere sonno durante la notte, perciò limitare i sonnellini permette al corpo di arrivare a sera con la giusta stanchezza; è da notare che l’aver sonno durante il giorno è spesso indice di stress o di difficoltà nel dormire durante la notte. 5) NIENTE ATTIVITÀ FISICA SERALE: rimanere attivi e allenati, oltre che a migliorare la qualità di vita può senz’altro aiutare a dormire bene: attenzione però a non eseguire sforzi fisici o attività pesanti troppo ravvicinati al momento di andare a letto perché il corpo rimarrà “su di giri”, impedendo di addormentarsi. 6) LIBRI, MUSICA PER AIUTARE IL SONNO: avere un rituale tranquillo e rilassante prima di andare a dormire può essere molto utile: sono molto indicati l’ascolto di musica, la lettura di un bel libro e un bagno o doccia caldi. 7) NON INNERVOSIRSI SE CAPITA DI NON DORMIRE: può capitare di non riuscire ad addormentarsi o di svegliarsi nel cuore della notte faticando a riaddormentarsi; la cosa più saggia è, dopo aver provato a dormire per 10-15 minuti, rispettare il proprio corpo e mettersi a fare qualche attività rilassante in un altro posto, aspettando che la stanchezza torni. (fine della 2° parte)--- antonella.filippi@cascinamacondo.com
torna su




OrtolìneaCM - Accentazione Ortoèpica Lineare a cura di Fiorènza Alineri: “Un souvenir de Solférino” di J. Henry Dunant
Vèrso la fine della giornata, allorché le ombre del crepùscolo si stendévano su questo vasto campo di strage, più di un ufficiale o di un soldato francese cercava qua o là, un compagno, un compatriòta, un amico; trovato un militare di sùa conoscènza, si inginocchiava vicino a lùi, cercava di rianimarlo, gli stringeva la mano, asciugava il sùo sangue, o cingeva con un fazzoletto l’arto fratturato, ma sènza potér riuscire a procurarsi dell’acqua per il pòvero paziènte. Quante làcrime silenziose sono state sparse in questa dolorosa serata, quando ogni falso amór pròprio, ogni rispètto umano fu messo da parte! Al momento dell’azione, ambulanze volanti èrano state sistemate nelle cascine, nelle case, nelle chièse, nei convènti delle vicinanze o anche all’apèrto, all’ombra di qualche àlbero: là, gli ufficiali feriti nella mattinata, avévano ricevuto una spècie di medicazione, e dopo di essi i sottufficiali e i soldati; tutti i chirurghi francesi hanno dimostrato una dedizione instancàbile, numerosi non si permìsero alcùn istante di ripòso, durante più di ventiquattr’ore: dùe di essi che èrano presso l’ambulanza sotto il comando del dottór Méry, mèdico capo della guardia, èbbero tante mèmbra da tagliare e medicazioni da praticare che svénnero per lo sfinimento; in un’altra ambulanza, uno dei loro collèghi, stremato dalla fatica, fu costretto, per potér continuare il sùo servizio, a farsi sostenere le braccia da dùe soldati. (J. Henry Dunant) --- fiorenza.alineri@cascinamacondo.com
torna su




“LESSICO INGLESE goccia a goccia – ENGLISH LEXICON drop by drop” - settimanale a cura di Pietro Tartamella - RAMSHACKLE
RAMSHACKLE /ˈræmʃækl/ a. sgangherato: (a ramshackle bus = un autobus sgangherato); (a ramshackle old building = un vecchio edificio fatiscente); (a ramshackle organization = un'organizzazione fatiscente) --- pietro.tartamella@cascinamacondo.com --- (i vocaboli sono tratti dal Dizionario inglese/italiano – italiano/inglese “Ragazzini” - Zanichelli editore. Il dizionario Ragazzini contiene anche la fonetica delle parole inglesi e, nel cd-rom, la pronuncia sonora di tutti i lemmi inglesi: http://dizionari.zanichelli.it/dizionariOnline)
torna su




“LESSICO ITALIANO goccia a goccia” - settimanale a cura di Pietro Tartamella - LUDOPATIA
LUDOPATIA ludopatìa / ludopaˈtia/ ---- SILLABAZIONE: lu–do–pa–tì–a -- [comp. di ludo- e -patia -- s. f. ● dipendenza patologica da giochi d'azzardo o lotterie a premi come slot machine, gratta e vinci, lotto, ecc. || ludopàtico, agg. (pl. m. -ci); anche s. m. (f. -a) nel significato di: 1 relativo a ludopatia -- 2 che (o chi) soffre di ludopatia ---------- pietro.tartamella@cascinamacondo.com -------- (Le parole sono tratte da: lo Zingarelli 2018 Vocabolario della lingua italiana di Nicola Zingarelli, Zanichelli editore)
torna su




VENDESI ALLOGGIO - VENTIMIGLIA
Alloggio 65 mq. primo piano + cantina 25 mq. Centro storico Ventimiglia. Vuoto. Libero. Richiesta euro 135.000 - Oppure: euro 120.000 solo appartamento; euro 15.000 solo cantina (sono scorporati). Per info: 3488250224 Nuccio (dal 1° novembre raggiungibile tramite WhatsApp) - 3383164531 (Lina)
torna su




Un giorno di digiuno nazionale per l'abolizione del carcere a vita
L’Associazione Liberarsi onlus, che ha sempre sostenuto la campagna contro il carcere a vita, sta organizzando un giorno di digiuno nazionale per domenica 10 dicembre 2017 (Anniversario della Dichiarazione dei Diritti Umani) contro la pena dell’ergastolo. Per l’occasione l’Associazione ha pensato di coinvolgere, come organizzatori o aderenti, anche parlamentari che si facciano promotori di un disegno di legge e che si attivino per farlo calendarizzare, uomini e donne di tutte le chiese e fedi religiose, istituzioni, esponenti della magistratura, dell’università, dell’avvocatura, intellettuali e personaggi del mondo dello spettacolo, ergastolani e loro familiari, semplici cittadini e cittadine. Alcuni ergastolani hanno già dato la loro adesione, che è stata pubblicata sul sito dell’Associazione, www.liberarsi.net, per sensibilizzare e ricordare alla classe politica e all’opinione pubblica che in Italia esiste la “Pena di Morte Nascosta”, come Papa Francesco ha definito la pena dell’ergastolo. L’Associazione Liberarsi ha pensato d’invitare anche il Pontefice ad aderire pubblicamente e abbiamo pensato di scrivergli questa lettera: ———————————— Caro Papa Francesco, siamo gli ergastolani d’Italia. Pensiamo che Dio non sia così severo da gettare un’anima all’inferno e condannarla a essere cattiva e colpevole per sempre, come accade su questa terra. L’uomo ombra, condannato alla pena dell’ergastolo, passa la sua esistenza guardando solo il suo passato, perché non ha più giorni davanti a sé ad attenderlo, ed è difficile diventare buoni con una “pena del diavolo” da scontare. Perché i buoni ci fanno questo? La condanna all’ergastolo è disumana. E, più che una condanna fisica, è una pena dell’anima, una pena senza Dio. Perché i buoni ci fanno questo? Perché ci ammazzano lentamente, un po’ tutti i giorni, condannandoci senza speranza? Caro Papa Francesco, hai abolito la pena dell’ergastolo nello Stato del Vaticano, stavolta perché non lanci un appello allo Stato Italiano e a tutti gli Stati del mondo perché sia abolita la “Pena di Morte Viva”, come noi chiamiamo la pena dell’ergastolo? Papa Francesco, aiutaci a vivere o a morire. L’Associazione Liberarsi sta organizzando un giorno di digiuno nazionale, per domenica 10 dicembre 2017 (Anniversario della Dichiarazione dei Diritti Umani) contro la pena dell’ergastolo e vorremmo chiederti di supportarci pubblicamente, quando ti affacci alla finestra di Piazza San Pietro e scrivendoci la tua adesione. Grazie se lo farai. Contiamo sulla tua voce e sulla tua luce. A nome dell’Associazione Liberarsi, Carmelo Musumeci Ottobre 2017
torna su




Verso EXPOELETTE 2018: “STEREOTIPI E…” - Moncalieri
Venerdì 17 novembre 2017, ore 17.00-19.00 presso il Comune di Moncalieri - piazza Vittorio Emanuele II, 2 - Sala Matrimoni ---- “STEREOTIPI E…” incontro dedicato ad analizzare gli ambiti in cui maggiormente si manifestano gli stereotipi (e le conseguenti discriminazione e sottorappresentanza femminile): il lavoro, la politica, la finanza. L’uso degli stereotipi di genere conduce a una percezione rigida e distorta della realtà, che si basa su ciò che viene genericamente inteso per “femminile” e “maschile” e su ciò che ci si aspetta dalle donne e dagli uomini. Ci si serve di immagini generalizzate, che riducono la complessità del pensiero e dell’agire delle persone e dell’ambiente nel quale esse vivono e, insieme, annullano le differenze individuali all’interno dei singoli gruppi. Eliminare gli stereotipi non significa annullare le diversità fino ad appiattire tutti gli elementi di un gruppo o di una categoria di persone; si tratta piuttosto di discutere sui conseguenti vincoli alla piena libertà di scelta e alla valorizzazione delle peculiarità delle donne e degli uomini. Con questo intento, la Città di Moncalieri propone un incontro dedicato ad analizzare gli ambiti in cui maggiormente si manifestano gli stereotipi (e le conseguenti discriminazione e sottorappresentanza femminile). Su ciascuno di essi, persone esperte presenteranno la loro esperienza e, partendo dalle dinamiche che conducono ad atteggiamenti stereotipati, si confronteranno sulle possibili strategie di contrasto alle discriminazioni che ne conseguono, in una prospettiva di creazione di condizioni paritarie in cui ogni persona possa esprimere al meglio i propri talenti. ***** Info e iscrizioni: Comune di Moncalieri – Servizio Pari Opportunità, Giuliana Cerrato, Tel. 011.6401602 E-mail: giuliana.cerrato@comune.moncalieri.to.it
torna su




L’inconscio della casa, la casa dell’inconscio: laboratorio di scrittura autobiografica - Firenze
Sabato 25 novembre 2017, ore 9:30-13:00 e 14:30- 18:00 a FIRENZE, Via San Marcellino 10/B (zona Via di Ripoli/Viale Europa), Corinne Voss conduce un laboratorio di scrittura autobiografica, dedicato a: L’INCONSCIO DELLA CASA, LA CASA DELL’INCONSCIO ------ La casa, il nostro primo universo, matrice per le nostre immagini di intimità, rifugio, protezione. La casa - cucina, camera, corridoio, porte, soglie, finestre, serrature, soffitta e cantina, armadi, cassetti, scale, angoli…- spazio simbolico denso e profondo, caleidoscopio del vivere e della vita. La casa, secondo il filosofo Gaston Bachelard, uno dei più potenti elementi di integrazione per i pensieri, i ricordi e i sogni dell’uomo. Saranno esplorati, con il mezzo della scrittura autobiografica, il proprio abitare e le sfumature emotive velate e recondite evocate dal microcosmo casa, dalle tracce indelebili dei ricordi più lontani, verso una casa interiore ossigenata da sguardi nuovi, ricca di senso e di possibilità. -------- Corinne Voss, analista filosofa (Società analisti biografi a orientamento filosofico www.sabof.it) germanista, co-fondatrice e presidente dell’associazione Start, si occupa dal 2003 dell’organizzazione di eventi culturali e seminari di approfondimento nell’ambito della filosofia, letteratura e psicologia; ha frequentato la scuola triennale di specializzazione della Libera Università dell’Autobiografia di Anghiari conseguendo i titoli: esperto in metodologie autobiografiche, esperto in scrittura autoanalitica e consulente in scrittura autobiografica. Conduce da anni laboratori di scrittura autobiografica. --- Con un intervento di Mirko Tondi (scrittore)sul tema della casa nella letteratura -------- Massimo 10 partecipanti. Costo 60 euro -------- Per informazioni e iscrizioni: 328 68 52950 cvoss03@gmail.com
torna su




Questa settimana a Radio Fahrenheit
Mercoledì. Cinquant’anni fa la pubblicazione di un piccolo libro fu la scintilla di una rivoluzione. Questa è la storia di Lettera a una professoressa e della battaglia per la trasformazione della cultura da strumento di oppressione a elemento indispensabile per l’evoluzione democratica e civile del nostro Paese. Una battaglia portata avanti con tenacia e caparbietà da don Lorenzo Milani e dai tanti che incontrò sulla sua strada, primi fra tutti Tullio De Mauro, Mario Lodi e Alex Langer. Vanessa Roghi “La lettera sovversiva” (Laterza). - Libro del giorno. 1974: sono gli anni di piombo, e Mike “Africa” Balistreri è un ventiquattrenne idealista e pieno di rabbia. Insieme a Ringo, Benvenuti e Boccino milita in Ordine nuovo, fino allo scioglimento per decreto dell’organizzazione. Sarà una P38 a dividere definitivamente i loro destini. 1986: nel giorno in cui la mano de Dios di Maradona affossa gli inglesi ai mondiali, la mano della P38 abbatte Ringo, il vecchio compagno di militanza che ha fatto carriera nella Dc. Michele Balistreri, ora commissario della Omicidi, viene chiamato a indagare, nonostante il suo coinvolgimento personale nel caso. Roberto Costantini, “Ballando nel buio” (Marsilio). ------ Giovedì. Un arabesco di storie che da geografia disegnata su un foglio diventa manuale di esistenza, mappa alla ricerca geosofica del senso. Seguendo le sue rotte potremmo sconvolgere le categorie della conoscenza, finendo col misurare la terra col canto, tracciare i confini con i colori delle spezie, usare i ricordi per contare le miglia, o le idee per riempire il volume delle cose. E allora le carte mostrerebbero ben altro che il semplice profilo delle coste. Simone Perotti, “Atlante delle isole del Mediterraneo” (Bompiani). - Libro del giorno. Fra due case che si vedono l’un l’altra potrebbe esserci una strada. Lastricata e sicura, a volte, ma più spesso tortuosa, o liquida come il mare fra l’Italia e l’Albania. La via fra le sue onde è faticosa come una lingua da imparare, andando e tornando, pensando una cosa e dicendone un’altra. Ma non sono soltanto le parole a mutare, ad assumere nuovi significati in questo relato sono i fatti stessi e le persone che troviamo sul cammino. Elvis Malaj, “Dal tuo terrazzo si vede casa mia” (Racconti edizioni). ------ Venerdì. Libro del giorno. Il protagonista di questo libro, un cineasta in crisi d’ispirazione, si ritrova catapultato in Africa, nel Congo Brazzaville, sulle tracce della mitica figura di Pietro Savorgnan di Brazzà, un esploratore italo-francese i cui metodi pacifici hanno rappresentato il versante perdente del colonialismo: oscurato dall’astro violento di Henry Morton Stanley, Brazzà lottò contro il sistema schiavistico, tanto da conquistarsi l’amicizia del popolo congolese e da dare il nome alla capitale del paese. Clemente Bicocchi,”Il bianco del re” (Nottetempo) ------ fahre@rai.it
torna su




Torino città dell'automobile
Martedì 7 novembre ore 18 presso Sala '900 al Polo del '900, via del Carmine 14, Torino - Presentazione del libro 'Torino città dell'automobile. Un secolo di industria dalle origini a oggi' di Enrico Miletto e Donatella Sasso. ---- Introduce Sergio Soave, Presidente del Polo del '900, con gli autori intervengono Maurizio Ternavasio (La Stampa), Aldo Geuna (Università di Torino), modera Marcella Filippa (Fondazione Nocentini). ------ In un libro dallo stile rigoroso ma agile, arricchito dalle immagini dei più importanti archivi cittadini e nazionali, la corsa alla modernità di una città intera. Torino città dell’automobile: un legame inscindibile, quasi ovvio. In realtà, la nascita dell’industria automobilistica in città non fu un evento scontato. Dopo la perdita del ruolo di capitale e il dissesto delle maggiori banche locali, protagoniste di infelici speculazioni finanziarie, le condizioni socioeconomiche della città erano tutt’altro che favorevoli. Proprio alla fine dell’Ottocento, però, cominciarono a riversarsi nel capoluogo piemontese importanti flussi finanziari, spesso provenienti dalle rendite fondiarie di cui erano titolari le famiglie più facoltose della città. All’epoca, quel che veniva dalla Francia continuava a far testo a Torino. E l’industria automobilistica transalpina faceva scuola in Europa. Fu l’inizio di un’avventura durata più di un secolo. Un volume inedito per raccontare il connubio fra Torino e l’automobile: l’epopea delle origini (con il censimento puntuale delle aziende, la localizzazione degli stabilimenti e il racconto delle vicende, spesso sconfinante nel mito, delle numerose sigle attive agli albori del Novecento), le grandi aziende pionieristiche e i loro fondatori, l’espansione tumultuosa in occasione dello sforzo bellico per la Grande Guerra, le prime corse e le grandi esposizioni, la nascita dell’Automobile Club e poi l’affermazione della FIAT, per molti anni il simbolo stesso di Torino e punto di arrivo dei lavoratori provenienti da tutta Italia, soprattutto dal Sud ----- www.istitutosalvemini.it
torna su




Lettera aperta ai Sacerdoti
“Il carcere come punizione. E questo non è buono. Non c’è una vera pena senza speranza. Se una pena non ha speranza, non è una pena cristiana, non è umana. Per questo, la pena di morte non va. L’ergastolo, così freddo, è una pena di morte un po’ coperta.” (Papa Francesco) ------ Abbiamo un sogno: l’abolizione dell’ergastolo in Italia. - L’Associazione Liberarsi onlus, che ha sempre sostenuto la campagna contro il carcere a vita, sta organizzando un giorno di digiuno nazionale per domenica 10 dicembre 2017 (Anniversario della Dichiarazione dei Diritti Umani) contro la pena dell’ergastolo. Hanno aderito molte Associazioni, compresa la Comunità Papa Giovanni XXIII, fondata da Don Oreste Benzi, il primo Sacerdote a schierarsi contro l'ergastolo, e anche molti ergastolani hanno già dato la loro adesione, che è stata pubblicata sul sito dell’Associazione, www.liberarsi.net, per sensibilizzare e ricordare alla classe politica e all’opinione pubblica che in Italia esiste la “Pena di Morte Nascosta”, come Papa Francesco ha definito la pena dell’ergastolo. Abbiamo pensato d’invitare anche il Papa, che ha abolito la pena dell’ergastolo nella Città del Vaticano, definendola una “Pena di Morte Nascosta”, ad aderire pubblicamente e abbiamo pensato di scrivergli questa lettera: Caro Papa Francesco, siamo gli ergastolani d’Italia. Pensiamo che Dio non sia così severo da gettare un’anima all’inferno e condannarla a essere cattiva e colpevole per sempre, come accade su questa Terra. L’uomo ombra, condannato alla pena dell’ergastolo, passa la sua esistenza guardando solo il suo passato, perché non ha più giorni davanti a sé ad attenderlo, ed è difficile diventare buoni con una “pena del diavolo” da scontare. Perché i buoni ci fanno questo? La condanna all’ergastolo è disumana. E, più che una condanna fisica, è una pena dell’anima. Perché i buoni ci fanno questo? Perché ci ammazzano lentamente, un po’ tutti i giorni, condannandoci senza speranza? Caro Papa Francesco, hai abolito la pena dell’ergastolo nello Stato del Vaticano, stavolta perché non lanci un appello allo Stato Italiano e a tutti gli Stati del mondo perché sia abolita la “Pena di Morte Viva”, come noi chiamiamo la pena dell’ergastolo? Papa Francesco, aiutaci a vivere o a morire. ------ Abbiamo anche pensato di coinvolgere i sacerdoti, per chiedere di parlare di questa iniziativa ai parrocchiani durante le Sante Messe e di ricordare loro queste parole di Papa Francesco: “Tutti i cristiani e gli uomini di buona volontà sono dunque chiamati oggi a lottare non solo per l’abolizione della pena di morte, legale o illegale che sia, e in tutte le sue forme, ma anche al fine di migliorare le condizioni carcerarie, nel rispetto della dignità umana delle persone private della libertà. E questo, io lo collego con l’ergastolo. In Vaticano, poco tempo fa, nel Codice penale del Vaticano, non c’è più, l’ergastolo. L’ergastolo è una pena di morte nascosta.” (Discorso del Santo Padre Francesco alla delegazione dell’Associazione internazionale di diritto penale nella Sala dei Papi il 23 ottobre 2014) - Grazie di e con il cuore a tutti i Sacerdoti che lo faranno. ------ Per gli ergastolani d’Italia: Carmelo Musumeci, ottobre 2017 ------ L'intero libro è scaricabile sul sito www.carmelomusumeci.com ---- Il cartaceo si può richiedere a zannablumusumeci@libero.it
torna su




Presentazione del libro L’APPARENTE VERITÀ – Padova
Sabato 4 novembre 2017 alle ore 17, a PADOVA, presso la Sala Anziani di palazzo Moroni, via VIII febbraio 8, presentazione del libro 'L'APPARENTE VERITÀ', di Elena Cappellini. ----- Saranno presenti Alessandro Meluzzi (Psichiatra, criminologo, scrittore e politico) e Andrea Colasio (Assessore alla Cultura del Comune di Padova); interventi di Simone Borile (Antropologo e Direttore Generale Istituto CIELS di Padova) e Daniele Trabucco (Costituzionalista e Professore Emerito di Diritto Internazionale presso UNIMED di Milano). Modera Gianluca Versace, Giornalista, conduttore tv e scrittore. ------ IL LIBRO. Al giorno d’oggi la verità è estremamente relativa. Con l’epifania dei social network gli individui sono portati ad amplificare la realtà e a giocare con la relatività delle situazioni che risultano facilmente manipolabili dalle varie forme comunicative di distorsione. Si può quindi pensare che quando vi siano degli interessi economici sulla verità, essa stessa diventi ancor più vittima di relativismo? Vi sono dei parametri che l’uomo può rispettare per stabilire una verità piuttosto che un’altra? La riflessione che collega ogni capitolo prende in considerazione il concetto di verità come processo realistico sperimentale della normale idea positivista e del processo mediatico. Il concetto di verità unito ai concetti d’intelligenza, affidabilità e attendibilità nel processo penale; il concetto di verità nella successione logica degli eventi, in cui ognuno di noi può plasmare la realtà della realtà. In questo panorama, quindi, sorgono spontanee due domande: Come si fa a scegliere la verità? Qual è la verità? --- L'AUTRICE. Elena Cappellini (Abano Terme, 12/12/1992), si è laureata in Scienze della Mediazione Linguistica, applicata alla Sicurezza e Difesa sociale con indirizzo Criminologico, presso l’Istituto Ciels di Padova. Ha frequentato un Master Universitario in Intelligence e Homeland Security alla Link Campus University di Roma, terminato con la discussione finale della tesi “La verità mediatica a confronto con la verità giurisprudenziale - luci e ombre del processo penale”. Il libro si basa sulla ricerca condotta durante il suo lavoro di tesi. A giugno 2017, è stata eletta Consigliere Comunale di Padova. ---- Informazioni: donolatol@comune.padova.it padovacultura.it
torna su

*Ricevi questa mail in quanto sei iscritto alla lista "FRECCIOLENEWS" *

Se vuoi cancellarti dalla lista invia una email a info@cascinamacondo.com


Copyright (C) 2018 *|www.cascinamacondo.com|* All rights reserved.