Se non visualizzi bene questa mail premi qui.
Se vuoi visualizzare l'archivio newsletter premi qui.
Your Company
Staff Macondo

CERIMONIA DI PREMIAZIONE DELLA 15° EDIZIONE CONCORSO INTERNAZIONALE HAIKU IN LINGUA ITALIANA
CERIMONIA DI PREMIAZIONE DOMÉN... continua.

OrtolìneaCM - Accentazione Ortoèpica Lineare a cura di Fiorènza Alineri: “Il cittadino Sandro Pertini” di Raffaèllo Ubòldi
La casa dei Pertini a Stella d... continua.

LETTURA CREATIVA AD ALTA VOCE IN UN WEEK-END- sabato e domenica 13 e 14 gennaio 2018
LETTURA CREATIVA AD ALTA VOCE ... continua.

MACONDO DANZA TEATRO - SABATO 9 DICEMBRE
MACONDO TEATRO E DANZA, I ... continua.

“LESSICO ITALIANO goccia a goccia” - settimanale a cura di Pietro Tartamella - AFFRATELLARE
AFFRATELLARE - affratella... continua.

“GOODMORNING POESIA ORE 7” quindicinale a cura di Pietro Tartamella - IL COMPLESSO DI STOCCOLMA, di Roberto Roversi
IL COMPLESSO DI STOCCOLMA: ... continua.

“ERBA MANENT” quindicinale di erbe, frutti e piante a cura di Antonella Filippi - QUEL CHE RESTA DELLA NOTTE (terza e ultima parte)
Continuiamo con l’elenco del... continua.

“LESSICO INGLESE goccia a goccia – ENGLISH LEXICON drop by drop” - settimanale a cura di Pietro Tartamella - TO CRINKLE
TO CRINKLE /ˈkrɪ!... continua.


Utenti Frécciolenews

Questa settimana a Radio Fahrenheit
MERCOLEDÌ. L’umanissima nevros... continua.

IL SOGNO DI RODOLFO SIVIERO – Firenze
Sabato 18 novembre 2017 alle o... continua.

Un giorno di digiuno nazionale per l'abolizione del carcere a vita
L’Associazione Liberarsi onlus... continua.

VENDESI ALLOGGIO - VENTIMIGLIA
Alloggio 65 mq. primo piano + ... continua.

TAVOLOZZE D'AUTORE – Padova
Giovedì 16 novembre 2017, alle... continua.


CERIMONIA DI PREMIAZIONE DELLA 15° EDIZIONE CONCORSO INTERNAZIONALE HAIKU IN LINGUA ITALIANA
CERIMONIA DI PREMIAZIONE DOMÉNICA 19 NOVÈMBRE 2017 a Cascina Macondo - Borgata Madònna della Róvere, 4 10020 Riva Prèsso Chièri - Torino - Italia ------ Presènti i Giurati, la Redazione di Cascina Macondo, gli Spònsor, gli Autori premiati, la Stampa, il pùbblico interessato ---- La manifestazione è apèrta al pùbblico, prèvia indispensàbile prenotazione a causa dei posti limitati ---- POSSIBILITÀ DI PERNOTTAMENTO prèsso la Foresterìa “Tiziano Terzani” di Cascina Macondo a còsti di Bed & Breakfast ----- PROGRAMMA: * inizio 14,30 puntuali * lettura ad alta voce intorno al fuòco degli Haikù classificati, a cura del Gruppo I NARRATORI DI MACONDO e del gruppo VÈRBAVÒX * dimostrazione e performance di TAIKO - tamburo giapponese. (Il TAIKO, strumento tradizionale, valorizza la bellezza e l’importanza dei silènzi del còrpo tanto quanto il suòno e il ritmo). * cottura Raku dal vivo dei manufatti prèmio * consegna dei prèmi e dell’antologìa BIANCO SU BIANCO * thè, caffè, spicchio di torta per un momento conviviale * tèrmine della manifestazione ore 18,30 circa * durante la manifestazione esposizione della COLLEZIONE DEI LIBRI HAIKÙ della Bibliotèca di Cascina Macondo. Nello spazio Sherasad esposizione dei MANUFATTI RAKU di Cascina Macondo (di Anna Marìa Verrastro e Clèlia Vaudano). Nel cortile Alce Nero esposizione di MANUFATTI ARTÌSTICI IN CARTONE dell’artista Àngelo Lussiana -------------------------------------------------------------- PRIMO CLASSIFICATO sezione individuale: voci di guèrra / davanti al convòglio / sciame di farfalle // (rumours of war / before the convoy / a swarm of butterflies //) (Ciobîcă Cezar-Florin Romanìa) ---------- PRIMO CLASSIFICATO sezione collettiva: Cièlo azzurro, / gli uccèlli càntano – / il banco vuòto // (blue sky, / birds are singing – / the empty desk //) (Santariga Elisa scuòla di Recanati, ins. Piccini Catia)--------------------------- ------------------------ ringraziamenti alla giurìa: Alessandra Gallo, Annètte Seimer, Antonèlla Filippi, Arianna Sacerdòti, Doménico Benedetto, Fabia Binci, Fabrizio Virgili, Fanny Casali Sanna, Òscar Luparia, Piètro Tartamèlla, Tèrry Olivi ---------------------------- ringraziamenti alla giurìa onoraria Ban’ya Natsuishi (Giappone), Danilo Manèra (Italia), David Còbb (Inghiltèrra), Jim Kacian (USA), Max Verhart (Olanda), Visnja Mcmaster (Croazia), Zinovy Vayman (Russia) ringraziamenti agli spònsor e ai patrocini Villaggio La Francesca www.villaggilafrancesca.it --- Tonga Soa Beach Resort http://www.tongasoabeach.com/Article-Tonga-Soa-Beach-Resort-2,2853.html --- Residènza Piancasale www.piancasale.com --- Fondazione Italia-Giappone www.italiagiappone.it --- Cìrcolo dei Lettori www.circololettori.it ---------------- PER I DETTAGLI COPIA E INCOLLA IL SEGUENTE LINK SUL TUO BROWSER: http://www.cascinamacondo.com/index.php?option=com_content&view=article&id=1477:risultati-concorso-internazionale-haiku-2017-15d-edizione&catid=102:news&Itemid=90
torna su




OrtolìneaCM - Accentazione Ortoèpica Lineare a cura di Fiorènza Alineri: “Il cittadino Sandro Pertini” di Raffaèllo Ubòldi
La casa dei Pertini a Stella di Savona ha un rampicante sulla facciata, e un lampione a cassetta che illùmina l’ingrèsso. Un lampione che un tèmpo doveva èssere a gas. La casa è sòlida, squadrata, con la grondaia sul tetto e finèstre ampie. Una casa a dùe piani, tìpica residènza della borghesìa possidènte, con radici che affóndano nella tèrra, nei poderi, ma non priva di interèsse vèrso la città. Da molti degli edifici di questo paese dell’entrotèrra savonese si dòminano stupènde vallate, come per esèmpio dal palazzo del comune, che òggi non è più dove si trovava un tèmpo. L’aria è frizzante, spècie d’invèrno, quando il paese e le vallate circostanti si ricòprono di neve. La popolazione è relativamente stàbile. C’èrano millecinquecènto persone sul finire del sècolo scorso, nel 1896, in settèmbre, il 25 settèmbre, quando vi nacque Pertini. Òggi sono duemila. Lìgure; e lìgure esemplare. Prodotto di questa striscia di tèrra chiusa fra il Piemonte, la Lombardìa e il mare, che da un lato si allunga vèrso la Francia, e dall’altro raggiunge Massa e il Carrarese, la Toscana degli anàrchici e delle cave di marmo. La tèrra di Montale, e delle sùe poesìe che si dipànano fra piètre, dirupi, ciòttoli levigati dalle acque. ---- (Raffaèllo Ubòldi) ---- fiorenza.alineri@cascinamacondo.com
torna su




LETTURA CREATIVA AD ALTA VOCE IN UN WEEK-END- sabato e domenica 13 e 14 gennaio 2018
LETTURA CREATIVA AD ALTA VOCE IN UN WEEK-END - PROSSIMO APPUNTAMENTO: SABATO 16 E DOMENICA 17 GIUGNO 2018 con Pietro Tartamella ----------------- IL SAGGIO FINALE DEGLI ALLIEVI PRESSO UN CENTRO PER ANZIANI, PER DISABILI, O IN UNA SCUOLA ---------- Gli allievi apprendono le tecniche di lettura in due giornate intense di lavoro per metterle subito in pratica intrattenendo, da lì a qualche giorno, con le loro storie, un pubblico di ragazzi disabili, o di anziani, o di bambini di scuola elementare, regalando loro un momento di magia e divertimento ------- riscoprire il puro suono della parola, stimolare il piacere di parlare e leggere ad alta voce, eliminare paure e inibizioni nell’espressione ad alta voce del proprio pensiero, stimolare un abbellimento della personalità, correggere, o almeno sdrammatizzare, piccoli difetti logopedici, riscoprire la lingua che parliamo, rendere affascinante e coinvolgente la lettura di un racconto, una poesia, una favola, una relazione, scoprire la propria voce e le sue potenzialità ----------- Il numero massimo di partecipanti ammessi ad ogni singolo corso - per nostra buona e consueta abitudine - tende a non superare la consistenza uovo (una dozzina)” ----- E se qualcuno venisse da lontano, nessun problema, c’è la possibilità di pernottare presso la Foresteria “Tiziano Terzani” di Cascina Macondo, a fronte di un contributo della consistenza di un Bed and Breakfast ---------------- Per informazioni dettagliate copia e incolla il seguente link sul tuo browser: http://www.cascinamacondo.com/index.php?option=com_content&view=article&id=1475:lettura-creativa-ad-alta-voce-in-un-week-end&catid=102:news&Itemid=90 –----- cell. 328 42 62 517.
torna su




MACONDO DANZA TEATRO - SABATO 9 DICEMBRE
MACONDO TEATRO E DANZA, I L S A B A T O, 1 4 H 0 0 - 1 9 H 0 0 -------- TEATRO: INCONTRI A TEMA DEDICATI A TUTTI COLORO CHE VOGLIONO FARE UN'ESPERIENZA CREATIVA E DI GRUPPO. UNO SPAZIO ED UN TEMPO DEDICATI AL BENESSERE, ALL'INCONTRO CON L'ALTRO, ALL'APPRENDIMENTO LUDICO --------- DANZA: INCONTRI RIVOLTI A CHI PRATICA LA DANZA E VOGLIA FARE UN'ESPERIENZA CREATIVA --------- PER TUTTE LE PROPOSTE ETÀ MINIMA DEI PARTECIPANTI 16 ANNI -------- Conduce Nagi Tartamella ----- PROSSIMO APPUNTAMENTO SABATO 10 MARZO 2018 I N F O E I S C R I Z I O N I: 347 76 89 592 - nagi.t@libero.it -------- PER DETTAGLI COPIA E INCOLLA IL SEGUENTE LINK SUL TUO BROWSER: http://www.cascinamacondo.com/index.php?option=com_content&view=article&id=1484:macondo-teatro-e-danza-il-sabato&catid=102:news&Itemid=90
torna su




“LESSICO ITALIANO goccia a goccia” - settimanale a cura di Pietro Tartamella - AFFRATELLARE
AFFRATELLARE - affratellàre / affratelˈlare/ af–fra–tel–là–re ----- [comp. di a- (2) e fratello ☼ 1585] A) v. tr. (io affratèllo) ● rendere quasi fratelli, fare che più persone si amino come fratelli: l'amicizia li affratella ------------- B) affratellàrsi v. rifl. recipr. ● stringersi in fraterna unione | fraternizzare ---------- pietro.tartamella@cascinamacondo.com -------- (Le parole sono tratte da: lo Zingarelli 2018 Vocabolario della lingua italiana di Nicola Zingarelli, Zanichelli editore)
torna su




“GOODMORNING POESIA ORE 7” quindicinale a cura di Pietro Tartamella - IL COMPLESSO DI STOCCOLMA, di Roberto Roversi
IL COMPLESSO DI STOCCOLMA: Più per abitudine che voglia / un ragno lentamente divorò una sogliola / sulla riva del mare / poi salì sopra un campanile / (era il mese di aprile) e catturò / una mosca incantata a guardare il panorama: / ma ornai era sazio e non se la mangiò. / Decise che l'avrebbe conservata / per il cenone del prossino natale / mescolandola all'insalata russa col caviale. / Però la mosca con molta discrezione / e a poco a poco / con una lacrima o un timido sorriso / con una parola sussurrata o una canzone / condusse così bene il proprio gioco / che ai primi di dicembre, / al tempo delle nebbie in val Padana, / ottenne dal suo avido aguzzino / di uscire a prender aria in un'altana. / Ma non finì qui. Giorno per giorno, / settimana dopo settimana, / tanto lo strinse e tanto lo convinse / tanto l'affascinò / che invece di divorarla / il ragno la sposò. // (Roberto Roversi) --- pietro.tartamella@cascinamacondo.com
torna su




“ERBA MANENT” quindicinale di erbe, frutti e piante a cura di Antonella Filippi - QUEL CHE RESTA DELLA NOTTE (terza e ultima parte)
Continuiamo con l’elenco delle buone norme per favorire il sonno: 8) AL BANDO FUMO, ALCOOL, TÈ E CAFFÈ: caffeina e teina sono stimolanti e come tali non dovrebbero essere assunti nelle 4-6 ore precedenti il sonno (comprese bevande a base di cola ed energy drink); quello che forse non tutti sanno è che anche la teobromina del cioccolato ha lo stesso effetto! Anche la nicotina è in grado di disturbare il sonno. Infine, al contrario del pensiero comune, l’alcol non aiuta il sonno riposante: nonostante la sua assunzione porti sonnolenza, in generale abbrevia le fasi del sonno REM e rende il riposo frammentario. 9) MANGIARE E BERE CORRETTAMENTE: una cena leggera permette di non avere la digestione ancora in corso nel momento dell’addormentamento e di evitare fastidiosi inconvenienti che possono ostacolare il sonno, come reflusso gastroesofageo, aerofagia, gastrite, oltre a non ritrovarvi con la vescica piena ogni 2 ore. I cibi buoni per il sonno sono pane, riso, orzo, lattuga, aglio, zucca, rape, formaggi freschi, yogurt, uova à la coque, miele, infusi. 10) DORMIRE BENE DEVE ESSRRE UNA PRIORITÀ: dormire bene è un bisogno fondamentale e come tale deve rientrare nelle priorità di tutti, al pari dell’alimentarsi bene, invece sempre più spesso sacrifichiamo il sonno per altre attività molto meno importanti per la nostra salute. È bene creare un proprio programma regolare di sonno e cercare di rispettarlo sempre. Nel caso in cui queste indicazioni per dormire bene non avessero completamente effetto e si volesse provare qualcosa di alternativo ai classici sonniferi, ecco una serie di consigli: 1) MASSAGGIO: per esempio la riflessologia, palmare o plantare, o anche solo il delicato sfioramento della testa e del dorso. 2) USO DI RIMEDI NATURALI, per esempio: Tiglio (se ne usano i fiori e le foglie per la presenza di flavonoidi, tannini, oli essenziali e cumarine, utili nel trattamento dell’ansia e dello stress, dell’insonnia, di cefalea e tachicardia), Passiflora (grazie ai suoi alcaloidi esercita una notevole azione sui disturbi legati al sonno poiché riesce ad alleviare l’ansia accumulata durante le giornate stressanti. È attiva anche contro gli spasmi nervosi), Melissa (grazie alle sue proprietà antispasmodiche e antinfiammatorie, e agli oli essenziali che contiene è efficace in caso di stress, insonnia, spasmi intestinali su base nervosa), Biancospino (si usano le sommità fiorite. I suoi principi attivi agiscono sul cuore regolandone il ritmo nelle persone soggette ad attacchi di ansia o sul sistema nervoso centrale, o che hanno la cosiddetta ipertensione nervosa, producendo un effetto sedativo senza effetti collaterali o assuefazione), Papavero comune (contiene degli alcaloidi che hanno un effetto sedativo molto graduale e proprietà espettoranti ed emollienti: ecco perché viene usato anche come calmante della tosse e delle irritazioni alla gola, la causa principale di insonnia nei bambini), Camomilla (è un antispastico e rilassante, ottima per sedare i dolori intestinali che spesso affliggono i bambini piccoli. Va preparata mettendola nell’acqua bollente e lasciandola molto poco in infusione, altrimenti ha proprietà eccitanti), Valeriana (si usa la radice, ricca di oli essenziali, di acido valerianico e altri composti la cui azione sinergica ha proprietà sedative e rilassanti), Melatonina (è un ormone che regola il ritmo sonno-veglia ed è prodotto dal nostro stesso organismo da parte dell’ipofisi). Non manca che aggiungere che il sonno è importante anche per lo spirito: per dirla con le parole di Giacomo Leopardi “Un certo torpore dell'animo e del corpo che è cagionato talvolta dall'avvicinamento del sonno, è piacevolissimo. Il sonno stesso non è piacevole se non in quanto è torpore, dimenticanza, riposo dai desideri, dai timori, dalle speranze, e dalle passioni d'ogni sorta.” --- antonella.filippi@cascinamacondo.com
torna su




“LESSICO INGLESE goccia a goccia – ENGLISH LEXICON drop by drop” - settimanale a cura di Pietro Tartamella - TO CRINKLE
TO CRINKLE /ˈkrɪŋkl/ A v. t. 1) arricciare; increspare, crespare; pieghettare --- 2) sgualcire; spiegazzare --- 3) far frusciare; far crepitare -------------------- B v. i. 1) arricciarsi; incresparsi; pieghettarsi --- 2 spiegazzarsi; sgualcirsi --- 3) crepitare; frusciare: (If you crush paper, it will crinkle = la carta crepita, se la si accartoccia) ----- ● crinkled paper = carta crespata. --- pietro.tartamella@cascinamacondo.com --- (i vocaboli sono tratti dal Dizionario inglese/italiano – italiano/inglese “Ragazzini” - Zanichelli editore. Il dizionario Ragazzini contiene anche la fonetica delle parole inglesi e, nel cd-rom, la pronuncia sonora di tutti i lemmi inglesi: http://dizionari.zanichelli.it/dizionariOnline)
torna su




Questa settimana a Radio Fahrenheit
MERCOLEDÌ. L’umanissima nevrosi di Saba, la poesia come salvezza di Montale, la reticenza e la volontà di dialogo di Sereni, la disperata voracità di Pasolini, l’alta eloquenza di Zanzotto. Attraverso una scrittura densa e asciutta, sostenuta da una risoluta finalità didattica, trapela, come scrive Pier Vincenzo Mengaldo nel saggio introduttivo, «una concezione di tipo religioso del poeta come testimone e martire», e della poesia come «opposizione, alternativa e utopia». Franco Fortini, “I poeti del Novecento” (Donzelli) con Donatello Santarone e Pier Vincenzo Mengaldo. -- Libro del giorno. A Keyla la Rossa nessuno resiste: né Yarme – un seducente avanzo di galera –, né il giovane e fervido Bunem – che pure era destinato a diventare rabbino come suo padre –, né l'ambiguo Max. Se questo magnifico libro è rimasto praticamente inedito fino a oggi, è forse perché Singer esitava a mettere sotto gli occhi dei lettori goy il «lato oscuro» di quella via Krochmalna da lui resa un luogo letterariamente mitico. I. B. Singer “Keyla la rossa” (Adelphi) con Francesco Cataluccio. ------ GIOVEDÌ. Stefano Brugnolo “ La tentazione dell'altro” (Carocci), ricostruisce le trame che autori come Melville, Conrad, Stevenson, Malraux, Flaiano, Vargas Llosa, Coetzee e tanti altri hanno concepito per raccontarci la tentazione di essere altri-da-sé, il sogno impossibile di perdersi oltre il confine della cosiddetta civiltà, di sradicarsi dalle proprie origini e appartenenze. -- Libro del giorno. Aprile 1926. Sul transatlantico Pamphylia Neron Vukcic onora una promessa fatta a sé stesso nel 1914: andare a vivere a New York, la Mela d'Oro del XX secolo. Ma è mai possibile che il delitto non lo segua mentre teso e diffidente naviga verso il Nuovo Mondo? Naturalmente no. Hans Tuzzi “Al vento dell'Oceano” (Bollati Boringhieri). ------ VENERDÌ. Il più importante esperto mondiale della disuguaglianza ci accompagna alla scoperta dei fattori che hanno mandato in confusione la bilancia della giustizia sociale. Il suo “grafico ad elefante”, ha spiegato al mondo come la Brexit, la vittoria di Trump negli Stati Uniti e l’avanzata dei populismi nelle più grandi democrazie occidentali provengano da una stessa bomba ad orologeria pronta a scoppiare da un momento all’altro: il disagio montante di una classe media che da un lato vede l’1% benestante diventarlo ancora di più, dall’altro vive i ceti emergenti dei paesi poveri come “invasori” alla disperata ricerca di fortuna. Branko Milanovic “Ingiustizia globale” (Luiss University Press) -- Libro del giorno. Effie Truelove è un’alunna dell’Accademia Tusitala per Ragazzi Dotati, Problematici e Bizzarri, un edificio strano e misterioso dove imperversa un’insegnante così terribile che fa venire gli incubi ai suoi studenti. Effie crede nella magia, proprio come suo nonno Griffin, che però non vuole parlarne né insegnarle nulla. Un giorno il nonno tanto amato è vittima di un’aggressione e finisce in condizioni critiche all’ospedale. Così incarica la nipote di prendersi cura della sua biblioteca. Scarlett Thomas “Il drago verde” (Newton Compton). ------ Un gettone per telefonare. Un gettone per riascoltare una vecchia canzone. O alcuni attimi della vita di un grande scrittore. Ogni settimana uno scrittore, raccontato in 5 gettoni quotidiani, cinque immagini, cinque istantanee, cinque aspetti poco noti di una vita. Uno a settimana, raccontato in tre minuti al giorno da Florinda Fiamma. Anche attraverso brani tratti dai loro capolavori, epistolari. I testi dei gettoni e i podcast sono pubblicati e si possono scaricare ogni inizio settimana. Troverete anche le immagini e una bibliografia essenziale per conoscere meglio ciascuna scrittrice e ciascuno scrittore su gettoni.rai.it -- #Gettoni dal 30 ottobre al 22 dicembre, dal lunedì al venerdì h. 15.50 - dopo la Caccia al libro. Questa Settimana: Etty Hillesum ------ fahre@rai.it
torna su




IL SOGNO DI RODOLFO SIVIERO – Firenze
Sabato 18 novembre 2017 alle ore 11 e alle ore 16, a FIRENZE, presso il Museo Casa Siviero, Lungarno Serristori 3, va in scena “IL SOGNO DI RODOLFO SIVIERO” con Stefano Parigi, regia Marco Di Costanzo, produzione Teatro dell'Elce ---- “La vita è un misto di male e bene assolutamente inseparabili”. Il sogno di Rodolfo Siviero è contemporaneamente un percorso all'interno della casa-museo e un viaggio che si dipana sul filo della memoria e delle riflessioni del cosiddetto “007 dell'arte”. Il Teatro dell'Elce condensa in questa visita in forma di spettacolo il distillato di un lavoro di ricerca sulle principali pubblicazioni dedicate a Siviero e, in particolare, sui suoi diari inediti. Dal flusso di pensieri e parole di un'ombra “condannata all'insonnia eterna”, affiorano le immagini ricorrenti nelle riflessioni di Siviero: i tormenti di un giovane ambizioso, la leggerezza della passione amorosa, l'avversione al potere della burocrazia italiana, l'amore per le opere recuperate, l'attività clandestina e i resoconti sulla gigantesca opera di rapina dei nazisti a danno del patrimonio artistico italiano durante la Seconda Guerra Mondiale. ----- Ingresso gratuito fino a esaurimento posti, max. 20 persone per replica. Dato il numero limitato di posti, si consiglia la prenotazione per email all'indirizzo organizzazione@teatrodellelce.it o per telefono al 346 6398375.
torna su




Un giorno di digiuno nazionale per l'abolizione del carcere a vita
L’Associazione Liberarsi onlus, che ha sempre sostenuto la campagna contro il carcere a vita, sta organizzando un giorno di digiuno nazionale per domenica 10 dicembre 2017 (Anniversario della Dichiarazione dei Diritti Umani) contro la pena dell’ergastolo. Per l’occasione l’Associazione ha pensato di coinvolgere, come organizzatori o aderenti, anche parlamentari che si facciano promotori di un disegno di legge e che si attivino per farlo calendarizzare, uomini e donne di tutte le chiese e fedi religiose, istituzioni, esponenti della magistratura, dell’università, dell’avvocatura, intellettuali e personaggi del mondo dello spettacolo, ergastolani e loro familiari, semplici cittadini e cittadine. Alcuni ergastolani hanno già dato la loro adesione, che è stata pubblicata sul sito dell’Associazione, www.liberarsi.net, per sensibilizzare e ricordare alla classe politica e all’opinione pubblica che in Italia esiste la “Pena di Morte Nascosta”, come Papa Francesco ha definito la pena dell’ergastolo. L’Associazione Liberarsi ha pensato d’invitare anche il Pontefice ad aderire pubblicamente e abbiamo pensato di scrivergli questa lettera: ———————————— Caro Papa Francesco, siamo gli ergastolani d’Italia. Pensiamo che Dio non sia così severo da gettare un’anima all’inferno e condannarla a essere cattiva e colpevole per sempre, come accade su questa terra. L’uomo ombra, condannato alla pena dell’ergastolo, passa la sua esistenza guardando solo il suo passato, perché non ha più giorni davanti a sé ad attenderlo, ed è difficile diventare buoni con una “pena del diavolo” da scontare. Perché i buoni ci fanno questo? La condanna all’ergastolo è disumana. E, più che una condanna fisica, è una pena dell’anima, una pena senza Dio. Perché i buoni ci fanno questo? Perché ci ammazzano lentamente, un po’ tutti i giorni, condannandoci senza speranza? Caro Papa Francesco, hai abolito la pena dell’ergastolo nello Stato del Vaticano, stavolta perché non lanci un appello allo Stato Italiano e a tutti gli Stati del mondo perché sia abolita la “Pena di Morte Viva”, come noi chiamiamo la pena dell’ergastolo? Papa Francesco, aiutaci a vivere o a morire. L’Associazione Liberarsi sta organizzando un giorno di digiuno nazionale, per domenica 10 dicembre 2017 (Anniversario della Dichiarazione dei Diritti Umani) contro la pena dell’ergastolo e vorremmo chiederti di supportarci pubblicamente, quando ti affacci alla finestra di Piazza San Pietro e scrivendoci la tua adesione. Grazie se lo farai. Contiamo sulla tua voce e sulla tua luce. A nome dell’Associazione Liberarsi, Carmelo Musumeci Ottobre 2017
torna su




VENDESI ALLOGGIO - VENTIMIGLIA
Alloggio 65 mq. primo piano + cantina 25 mq. Centro storico Ventimiglia. Vuoto. Libero. Richiesta euro 135.000 - Oppure: euro 120.000 solo appartamento; euro 15.000 solo cantina (sono scorporati). Per info: 3488250224 Nuccio (dal 1° novembre raggiungibile tramite WhatsApp) - 3383164531 (Lina)
torna su




TAVOLOZZE D'AUTORE – Padova
Giovedì 16 novembre 2017, alle ore 17, a Padova, presso il Centro culturale Altinate San Gaetano, via Altinate 71, inaugurazione della mostra “TAVOLOZZE D'AUTORE. L'alchimia del colore da De Chirico ai contemporanei”. ------- La mostra che si snoda come un racconto e presenta lo strumento essenziale per il mestiere del pittore: la tavolozza. Negli anni della sua attività nella storica Galleria Santo Stefano a Venezia, Uccia Zamberlan ha raccolto un significativo numero di tavolozze originali, a lei donate personalmente dagli artisti che esponevano nella sua galleria. Giorgio de Chirico, Massimo Campigli, Michele Cascella, Giuseppe Cesetti, Mino Maccari, Giorgio Valenzin, Zoran Music, Bruno Saetti, Franco Gentilini, Guido Cadorin, Virgilio Guidi, Carlo Hollesch, e i numerosi altri artisti del Novecento che hanno esposto nella galleria veneziana hanno così lasciato il segno del loro passaggio attraverso lo strumento primario del loro mestiere. ------ La mostra, curata da Stefano Cecchetto e Roberto Zamberlan – erede della collezione materna – mette oggi in esposizione le tavolozze originali di questi artisti in dialogo con i loro dipinti, per evidenziare il procedimento alchemico della mescolanza dei colori in rapporto al risultato finale dell'opera. La vicinanza tra la tavolozza e i quadri originali degli artisti, evidenzia il rapporto diretto tra lo strumento di lavoro e l'opera compiuta, in un processo di mescolanza dei cromatismi assolutamente straordinario. ------- Nel percorso della mostra sarà quindi possibile vedere la tavolozza di Giorgio de Chirico vicino a una sua Piazza d'Italia e alle affascinanti Nature morte che l'artista amava definire: Vita silente. La tavolozza di Massimo Campigli in dialogo con le sue famose figure femminili, la densità materica di Virgilio Guidi vicino alle sue luminose marine, e così via fino agli artisti contemporanei che ancora affrontano il difficile linguaggio del magistero pittorico. ------- Durante il periodo della mostra saranno organizzate alcune manifestazioni dedicate ad approfondire il tema del Magistero Pittorico con incontri, laboratori, seminari e visite guidate che hanno lo scopo di avvicinare il pubblico alle tecniche della pittura e a svelare alcuni segreti di questa affascinante professione. ------- La mostra sarà aperta fino al 18 febbraio 2018. Orario: 10-19, chiuso il lunedì, il 25 e il 26 dicembre e l'1 gennaio 2018 ------- Info: Servizio Mostre - Settore Cultura, Turismo, Musei e Biblioteche, donolatol@comune.padova.it, tel. 049 8204529
torna su

*Ricevi questa mail in quanto sei iscritto alla lista "FRECCIOLENEWS" *

Se vuoi cancellarti dalla lista invia una email a info@cascinamacondo.com


Copyright (C) 2018 *|www.cascinamacondo.com|* All rights reserved.