Se non visualizzi bene questa mail premi qui.
Se vuoi visualizzare l'archivio newsletter premi qui.
Your Company
Staff Macondo

DOMENICHE IN CASCINA - DANZE POPOLARI E ORIGAMI - 25 MARZO 2018
DOMENICHE IN CASCINA - ... continua.

IL TUO CINQUE PER MILLE A CASCINA MACONDO
IL TUO CINQUE PER MILLE A CAS... continua.

SOCIO HAICOM (Haiku International Community Cascina Macondo) i vantaggi e perché
Per sostenere i costi vivi del... continua.

CONCORSO INTERNAZIONALE HAIKU IN LINGUA ITALIANA 16° EDIZIONE 2018
ULTIMI GIORNI - Scade alla mez... continua.

“GOODMORNING POESIA ORE 7” quindicinale a cura di Pietro Tartamella - MOKA di Luciano Folgore
MOKA: Sensazione fisica. ... continua.

“ERBA MANENT” quindicinale di erbe, frutti e piante a cura di Antonella Filippi - ORTICA, parte seconda
Ortica (Urtica dioica L.) --- ... continua.

OrtolìneaCM - Accentazione Ortoèpica Lineare a cura di Fiorènza Alineri: “Bibliotèche di cittadinanza” dalla Newsletter Unimondo n. 424 di Martedì 13 marzo 2018
Ognuno di noi dovrèbbe maturar... continua.

“LESSICO INGLESE goccia a goccia – ENGLISH LEXICON drop by drop” - settimanale a cura di Pietro Tartamella - TO FATHER
TO FATHER - to father /ˈf... continua.

“LESSICO ITALIANO goccia a goccia” - settimanale a cura di Pietro Tartamella - GUANCIA
GUANCIA - guància / &... continua.


Utenti Frécciolenews

CENA DANSOIRA - Torino
VENERDI’ 23 marzo 2018 ore 19... continua.

LA LEGALITA' SI FA STRADA - Corteo cittadino della legalità - 25 marzo ore 15.00
Il 25 MARZO 2018 a partire da... continua.

Questa settimana a Radio Fahrenheit
Mercoledì. Non esiste un unico... continua.

Convegno ​'L'acqua che 'non' mangiamo' - Torino
Il DIATI (Dipartimento di Inge... continua.

Corbello
Io sono ancora così bimba c... continua.

L’HISTOIRE DU SOLDAT – Pinerolo (TO)
Martedì 27 marzo, alle ore 21.... continua.

Mostra di NINO LETO: STORIE DI UN FOTOREPORTER 1979 - 2007 - Gallarate
Dal 28 marzo al 27 aprile 2... continua.

Presentazione dell’antologia LA MEMORIA INNU - Roma
Venerdì 23 marzo alle ore 18, ... continua.

Raccolta di haiku in italiano di Giacomo Tincani
Vorrei segnalare l'uscita di u... continua.

Tanka
Si incastrano con luna e con ... continua.


DOMENICHE IN CASCINA - DANZE POPOLARI E ORIGAMI - 25 MARZO 2018
DOMENICHE IN CASCINA - DANZINFAVOLA E ORIGAMI a Cascina macondo domenica 25 MARZO 2018 ------ Curiose e dinamiche le Domeniche in Cascina organizzate dall’associazione di promozione sociale Cascina Macondo di Riva Presso Chieri. Un progetto che si rinnova da molti anni in collaborazione con il Motore di Ricerca della Città di Torino e con il sostegno della Fondazione CRT, volto all’integrazione e all’inclusione della disabilità. Un modo diverso di passare la domenica, per famiglie, bambini, disabilità, in un progetto di integrazione. Si giunge in cascina alle ore 10 del mattino portando buon cibo da condividere durante l’ora del pranzo, si finisce alle ore 18.00. La giornata trascorre alternando vari momenti ludici e di laboratorio: danze popolari condotte da Maria Baffert, momenti di affabulazione e storie con Pietro Tartamella, danza teatro con Florian Lasne e Nagi Tartamella, manipolazione dell’argilla con Anna Maria Verrastro e Clelia Vaudano. Nella buona stagione c’è anche un laboratorio di Orto condiviso. Ogni domenica un ospite diverso che regala alla comunità il suo sapere e la sua professionalità. Il 25 MARZO 2018 sono di scena Roberta D'Alessio ed Erika Iantorno che ci insegneranno l'arte giapponese di piegare la carta: gli ORIGAMI. Una bella domenica insomma! La partecipazione è gratuita (è gradita una contribuzione in natura: caffè, zucchero, olio di oliva, tovaglioli, posate….) Indispensabile prenotare: info@cascinamacondo.com - cell. 340 70 53 284
torna su




IL TUO CINQUE PER MILLE A CASCINA MACONDO
IL TUO CINQUE PER MILLE A CASCINA MACONDO - (se non hai già pensato di destinarlo ad altre realtà che vuòi sostenere)-------- ricordiamo che se non lo doni il tùo 5 x 1000 lo incàmera lo Stato ------- per stima dunque, simpatìa, condivisione, non ti rèsta che cómpiere il gèsto alchèmico: destinare il cinque per mille della tùa dichiarazione dei rèdditi ai progètti e alle iniziative di Cascina Macondo rivòlti all'integrazione dell'handicap e della disabilità di cùi ci occupiamo da anni ------- n° di partita IVA e còdice fiscale: 06598300017 ------ ricòrda ( e ricòrdalo al tùo commercialista) di compilare sul fòglio della dichiarazione dei rèdditi il primo riquadro in basso (SPAZIO A SINISTRA), quello che dice: 'sostegno del volontariato e delle altre organizzazioni non lucrative di utilità sociale' --- SPARGI LA VOCE ---- grazie per l'attenzione - Pietro Tartamella, Annamaria Verrastro e lo Staff Cascina Macondo - info@cascinamacondo.com
torna su




SOCIO HAICOM (Haiku International Community Cascina Macondo) i vantaggi e perché
Per sostenere i costi vivi del CONCORSO INTERNAZIONALE HAIKU, e per essere sicuri di poter continuare ancora negli anni a venire, diventa indispensabile da quest’anno 2018, 16° edizione, essere Socio Haicom. L’iscrizione annuale all’Haicom (Haiku International Community Cascina Macondo)comporta il versamento di un contributo di euro 15,00 (quindici) sul conto corrente dell’Associazione di Promozione Sociale “Cascina Macondo”. Per la sezione “collettiva” gli insegnanti possono iscriversi all'Haicom con un versamento di soli 5 (cinque) euro e inviare gli haiku delle proprie classi. Una iscrizione per ogni singola classe. Il Socio Haicom dovrà inviare con una e-mail a info@cascinamacondo.com i propri dati: nome, cognome, indirizzo di residenza, data di nascita e fotocopia (o altra attestazione) dell’avvenuto versamento e, se lo desidera, n° 10 haiku (pubblicabili su Frecciolenwes). Gli insegnanti, oltre ai propri dati, dovranno inviare il nome e l'indirizzo della scuola e il nome della classe (o delle classi) con cui partecipa al concorso --------------------------------------------------------------------- I VANTAGGI DI ESSERE SOCIO HAICOM: Il Socio Haicom può partecipare al Concorso Internazionale Haiku di Cascina Macondo, riceve via e-mai la tessera Haicom e la newsletter Frecciolenews in formato .pdf alla cui creazione può partecipare segnalando libri, corsi, concorsi, inviando Haiga, cartoline Haipomacò e notizie di interesse comune, può inviare n° 10 haiku pubblicabili su Frecciolenews, ha lo sconto del 10% sull’utilizzo della Foresteria “Tiziano Terzani”, sull’affitto della nostra struttura in caso volesse proporre corsi e stage, sui libri di C.M. acquistati in sede, sui corsi e laboratori di Cascina Macondo, sui manufatti in ceramica, raku e sull’oggettistica esposta nello spazio Sharazade. Può postare i propri haiku nella home page del nostro sito (sezione HAIKU DEL GIORNO), può partecipare ai nostri convegni, conferenze, aggiornamenti sulla poetica haiku...
torna su




CONCORSO INTERNAZIONALE HAIKU IN LINGUA ITALIANA 16° EDIZIONE 2018
ULTIMI GIORNI - Scade alla mezzanotte del 10 giugno il tempo per partecipare alla 16° edizione del CONCORSO INTERNAZIONALE HAIKU IN LINGUA ITALIANA DI CASCINA MACONDO - ATTENZIONE ALLE IMPORTANTI NOVITA' ------------------------- Cascina Macondo Associazione di Promozione Sociale Centro Nazionale per la Promozione della Lettura Creativa ad Alta Voce e Poetica Haiku BANDISCE PER IL 2018 la la 16° EDIZIONE - CONCORSO INTERNAZIONALE DI POESIA HAIKU IN LINGUA ITALIANA - ---- possono partecipare: autori di ogni nazionalità e di ogni età ------- tutti gli haiku pervenuti saranno visibili sul sito di cascina macondo ----- il pubblico potrà votare gli haiku messi on line (Il voto del pubblico è utile parametro di riferimento per dirimere i casi che hanno ottenuto parità di voto dalla Giuria) ------------ da quest'anno i 20 haiku vincitori saranno tradotti anche in latino e in tedesco - da quest'anno per partecipare al concorso occorre essere SOCIO HAICOM ---- SPONSOR E PATROCINI: --- Villaggio La Francesca www.villaggilafrancesca.it --- Residenza Piancasale www.piancasale.com --- Ristorante Panda http://www.viadagio.be/ --- Tonga Soa Beach Resort http://www.tongasoabeach.com/Article-Tonga-Soa-Beach-Resort-2,2853.html --- La Ruota Edizioni www.laruotaedizioni.it --- Fuocofisso http://www.fuocofisso.it --- Gra Nuova Cart 2000 www.gra-srl.com --- Fondazione Italia-Giappone www.italiagiappone.it --- Circolo dei Lettori www.circololettori.it ----------------- GIURIA: Alessandra Gallo (scrittrice-poetessa-insegnante), Annette Seimer (traduttrice), Antonella Filippi (scrittrice-poetessa-Haijin), Arianna Sacerdoti (scrittrice-docente, universitaria) Domenico Benedetto (fotografo), Fabia Binci ( scrittrice-Haijin-insegnante), Fabrizio Virgili (Haijin-insegnante), Fanny Casali Sanna (Haijin), Oscar Luparia (impiegato-haijin-camminatore-sindacalista), Pietro Tartamella (poeta-Haijin-insegnante), Terry Olivi (scrittrice-haijin) ------------------ GIURIA ONORARIA: Ban’ya Natsuishi (Japan) , Danilo Manera (Italy), David Cobb (UK), Jim Kacian (USA), Max Verhart (Holland), Visnja Mcmaster (Croatia), Zinovy Vayman (Russia) ------------ COPIA E INCOLLA IL SEGUENTE LINK SUL TUPO BROWSER PER CONOSCERE TUTTI I DETTAGLI (bando, premi, giuria, giuria onoraria, come partecipare, come votare..): http://www.cascinamacondo.com/index.php?option=com_content&view=article&id=1495:2018-16d-edizione-concorso-internazionale-haiku-in-lingua-italiana&catid=102:news&Itemid=90 ----------------------------------------- CASCINA MACONDO-ASSOCIATION FOR THE PROMOTION SOCIAL ACTION National Centre for the Promotion of Creative Reading Aloud and Haiku Poetics ANNOUNCES THE 12th INTERNATIONAL HAIKU POETRY CONTEST IN ITALIAN LANGUAGE - 2014 --- Participants: authors of any nationality and age -- Admission: SOCI HAICOM -- Sections: individual: single authors – collective: schools and handicap area -- Quantity: up to three UNPUBLISHED traditional haikus in Italian (5-7-5 syllables)-- Submission: only by filling in the form on line www.cascinamacondo.com (by registration)-- Expiry: 10 GIUGNO 2018 -- Prizegiving: Sunday 18nd November 2018 at Cascina Macondo, official ceremony -------- Note 1: all submitted haikus will be published on the website of Cascina Macondo ---- Note 2 : visitors of the website will be able to vote for their favourite haiku(visitors’ votes are a useful reference in cases in which a haiku obtained by the jury an equal number of votes)----------- COPY THIS LINK ON YOUR BROWSER HERE FOR ALL DETAILS (the complete announcement, Prices, Jury, Honorary Members of the Giury, how to partecipate, how to vote...) http://www.cascinamacondo.com/index.php?option=com_content&view=article&id=1495:2018-16d-edizione-concorso-internazionale-haiku-in-lingua-italiana&catid=102:news&Itemid=90
torna su




“GOODMORNING POESIA ORE 7” quindicinale a cura di Pietro Tartamella - MOKA di Luciano Folgore
MOKA: Sensazione fisica. / Nero. Più nero. Troppo nero. / Moka. / Il sonno ruzzola giù dalle scale / della stanchezza. / Una voglia pazza d'intorno / ai nervi, / gira, gira, gira. / Il desiderio - ginnasta incomparabile - / a salti mortali nel cervello. Le idee: mazzi di fiori, / grandi, grandi, / senza gambo, / pigiati nel vaso del cranio. / Gli occhi smisurati in ridda / dietro profili di cose strane. / Benessere. / Strappo acuto. / Forse vertigine, / Subitaneo smarrimento. / Ripresa al galoppo, per ogni fibra, / dei turbini del caldo eccitante. / Infine massaggio di mani / di negre bruttissime / su tutta la pelle, / ilarità del passaggio leggero / di una mammella floscia lungo la schiena. / Moka. / Nero nero. // (Luciano Folgore) --- pietro.tartamella@cascinamacondo.com
torna su




“ERBA MANENT” quindicinale di erbe, frutti e piante a cura di Antonella Filippi - ORTICA, parte seconda
Ortica (Urtica dioica L.) --- Famiglia: Urticacee --- seconda parte ---------- Uso interno: In caso di anemia: bere ogni giorno due tazze di decotto di Ortica (50 g di fusti e foglie essiccati e triturati fatti bollire in un litro d’acqua per 5 minuti e lasciati in infusione per 10-15 minuti). E’ un decotto utile anche in caso di psoriasi. Come cura disintossicante, specialmente al cambio di stagione: bere decotto di Ortica (50 g di radici e di foglie bolliti in un litro d’acqua per 5 minuti). In presenza di diabete: bere tre tazze al giorno di infuso di Ortica (lasciare 50 g di pianta intera in un litro di acqua bollente per 15 minuti). Questo infuso è utile anche in caso di diarrea. Per gli edemi: per tre settimane bere tre tazze al giorno di decotto di Ortica, ottenuto facendo bollire 50 g di radice in un litro d’acqua per 10 minuti; lasciare in infusione altri 10 minuti prima di filtrare e bere. In caso di emorragia (per es. uterina): bere tre volte al giorno mezzo bicchiere di succo fresco di Ortica (lavare le foglie e centrifugarle, oppure metterle in una garza e torcerle). In caso di epistassi il succo fresco di ortica introdotto nella narice arresterà ben presto il sanguinamento. Contro i disturbi vascolari, i dolori pelvici, le irregolarità mestruali o le emorragie durante la menopausa è efficace il succo fresco di Ortica, in ragione di 100 g al giorno. Per l’enuresi: ai pasti serali si può consumare una focaccia di Ortica (impastare farina di Segale o di Frumento con un decotto di Ortica, ottenuto facendo bollire 10 g di semi in un litro d’acqua per 15 minuti; salare e cuocere la focaccia in forno). Per la leucorrea: per 10 giorni bere al mattino e alla sera mezzo bicchiere di succo fresco di Ortica. Per l’orticaria: bere un decotto di 50 g di pianta bolliti in un litro d’acqua per 15 minuti, in ragione di tre tazze al giorno. Per i reumatismi: per 10 giorni bere due tazze al giorno di decotto di Ortica (40 g di foglie fatte bollire in un litro d’acqua per 10 minuti; spegnere e lasciare in infusione per 5 minuti). Per i disturbi dell’apparato intestinale, per la gotta, come depurativo, per i reumatismi e per l’effetti antiurico si può prendere anche la Tintura, in ragione di 30-40 gocce 3 volte al dì in poca acqua e lontano dai pasti. Si prepara lasciando 200 g di pianta a macerare per 5 giorni in un litro di alcool di 30° ------------------------------------- Uso esterno: Per le ulcerazioni della bocca: ripetere più volte al giorno un gargarismo con decotto di Ortica (bollire 100 g di pianta secca in un litro d’acqua per 20 minuti). In caso di puntura di vespe e api: applicare sulla parte foglie pestate di Ortica ------------------------------- Uso cosmetico: In caso di brutto colorito della pelle: per tre settimane bere tre tazze al giorno di infuso di Ortica (50 g di foglie in un litro di acqua bollente per 10 minuti). Per attivare la crescita dei capelli si possono fare frizioni e massaggi quotidiani con succo di foglie fresche di Ortica, oppure con un decotto di Ortica. Con la Tintura di Ortica si può preparare una lozione antiforfora: mescolare 100 g di Tintura con 100 g di aceto di sidro e passare il tutto con un batuffolo di cotone sulla cute 3 volte alla settimana, massaggiando. Dopo un’ora dall’applicazione, se i capelli sono grassi, sciacquarli con acqua e succo di mezzo limone -------------------------------------- Uso in cucina: I germogli e le foglie di Ortica in frittate o insalata o cotti sono nutrienti, diuretici e rimineralizzanti. --- antonella.filippi@cascinamacondo.com
torna su




OrtolìneaCM - Accentazione Ortoèpica Lineare a cura di Fiorènza Alineri: “Bibliotèche di cittadinanza” dalla Newsletter Unimondo n. 424 di Martedì 13 marzo 2018
Ognuno di noi dovrèbbe maturare la consapevolezza che spesso le còse che giudichiamo ormài inùtili pòssono avere una seconda vita ed evitare di finire nella massa indifferenziata ed esponenziale dei rifiuti! Questo hanno pensato gli operatori ecològici della città di Çankaya, un distretto di Ankara, quando hanno deciso di raccògliere tutti i libri che trovàvano nei cassonetti. Così libro dopo libro, l’iniziativa ha dato vita prima ad una bibliotèca privata condivisa fra le famiglie degli addetti alla raccòlta, e dopo, visto il succèsso e la quantità di libri raccòlti, la bibliotèca è diventata pùbblica. Per il sìndaco di Çankaya, Alper Tasdelen, l’importanza di questo progètto, nato nel settèmbre del 2017, sta “nel riùso, nella condivisione e nella fondamentale sussidiarietà del contributo”. Solo “Quando ognuno ha iniziato a supportare e contribuìre a questa idèa, il progètto si è concretizzato”. L’idèa di dare vita a questa “bibliotèca rifiutata” attravèrso una scelta ecològica e comunitaria ha favorito anche un’òpera di riqualificazione urbana e la creazione di un nuòvo posto di lavoro. Per realizzare la bibliotèca, infatti, è stato necessario trovare un edificio adeguato, individuato in un pìccolo stàbile dismesso e visto il succèsso dell’iniziativa, la città ha assunto un bibliotecario a tèmpo pièno affinché si prènda cura del servizio. Attualmente la bibliotèca vanta più di 6.000 libri, inclusi volumi scientìfici, un’intera sezione per i bambini e persino libri in francese e inglese, ed ha trasformato il pìccolo stàbile in un luògo di incontro e cultura: numerosi gióvani e studènti usufruìscono del servizio di prèstito, altri si intrattèngono nell’àrea dedicata agli scacchi (sèmpre recuperati dalla spazzatura), mentre sono molti i ciclisti di passaggio che si férmano per una tazza di tè accompagnata dalle pàgine di un buòn libro. I libri che per alcuni rappresentàvano un rifiuto da abbandonare sono divenuti una risorsa, o mèglio un bène comune, anche a Bogotà in Colombia, dove José Albèrto Gutiérrez dal sùo primo giorno di lavoro come operatore ecològico nel 1997 ha raccòlto tutti i libri che ha trovato tra i rifiuti. Questo esèmpio di “cultura circolare” basata sul riciclo è cominciata con il famoso Anna Karenina di Tolstoj, abbandonato in un cassonetto di un quartière benestante di Bogotà. Piano piano in Joseé si è insinuata un’idèa: creare una bibliotèca per gli abitanti del sùo più pòvero quartière. In vent’anni di attività, José ha accumulato più di 20.000 volumi, conservati nella sùa casa-bibliotèca dove chiunque durante il weekend può bussare alla sùa pòrta e scégliere se accomodarsi a lèggere un libro oppure prènderlo in prèstito. Una pìccola missione che ha un notévole valore sociale, soprattutto in un contèsto econòmico dove i libri, non essèndo considerati bène primario, non sono acquistati e dove le bibliotèche pùbbliche non sono sèmpre pensate per avvicinare chi ha meno possibilità econòmiche. (Alessandro Graziadèi) ---- fiorenza.alineri@cascinamacondo.com
torna su




“LESSICO INGLESE goccia a goccia – ENGLISH LEXICON drop by drop” - settimanale a cura di Pietro Tartamella - TO FATHER
TO FATHER - to father /ˈfɑ:ðər/ v. t. 1) (form.) generare; procreare; essere padre di; avere: (He fathered two sons = fu padre (o ebbe) due figli); (Her children were fathered by two different men = ha avuto i figli da due padri diversi) --- 2) fare da padre a --- 3) ideare; inventare; concepire; essere il padre di --- 4) assumersi la paternità di (qc.)5 – reggenza: to father st. on, attribuire (o addossare) la paternità (di qc.) a: (The pamphlet was fathered on him = gli è stata attribuita la paternità del libello). --- pietro.tartamella@cascinamacondo.com --- (i vocaboli sono tratti dal Dizionario inglese/italiano – italiano/inglese “Ragazzini” - Zanichelli editore. Il dizionario Ragazzini contiene anche la fonetica delle parole inglesi e, nel cd-rom, la pronuncia sonora di tutti i lemmi inglesi: http://dizionari.zanichelli.it/dizionariOnline)
torna su




“LESSICO ITALIANO goccia a goccia” - settimanale a cura di Pietro Tartamella - GUANCIA
GUANCIA - guància / ˈɡwantʃa/ --- SILLABAZIONE: guàn–cia --------- [longob. *wankja, con il sign. primitivo di ‘(parte) curva’, di orig. indeur. ☼ av. 1292] ---- s. f. (pl. -ce) ---- 1) parte laterale della faccia, tra lo zigomo e il mento: avere le guance rosse, rosee, lacrimose CFR. gnato-, -gnato | porgere l'altra guancia, (fig.) sopportare le offese senza reagire, in conformità all'insegnamento evangelico | (est., lett.) faccia, volto | (est.) †bocca ------------- 2) parte carnosa della testa di bestia macellata, che si vende con le frattaglie ----------- 3) (raro) faccia o lato di un oggetto, costruzione e sim.: la guancia dell'argine | guancia del fucile, la parte larga del calcio del fucile, su cui si appoggia la guancia ------------- || guancétta, dim. | guancìna, dim. | guancióna, accr. | guancióne, accr. m. (V.) | guanciòtta, accr. ---------- pietro.tartamella@cascinamacondo.com -------- (Le parole sono tratte da: lo Zingarelli 2018 Vocabolario della lingua italiana di Nicola Zingarelli, Zanichelli editore)
torna su




CENA DANSOIRA - Torino
VENERDI’ 23 marzo 2018 ore 19.30-23.00, l'Associazione Baldanza in collaborazione con la Direzione Centrale Politiche Sociali - progetto MOTORE DI RICERCA: comunità attiva del Comune di Torino, invita alla CENA DANSOIRA. La serata si svolgerà presso l'Antico Teatro dell’IRV in C.so Unione Sovietica 220/d – TORINO. -- Portare bevande, cibarie e ....... tanta voglia di danzare!! -- Sarà la nostra festa di CARNEVALE...vi aspettiamo tutti in maschera!!!! -- Se non arrivate per cena ricordate di portare una bibita da condividere.... Ingresso libero. La serata sarà allietata dalla musica del gruppo di musicisti SPADARA --- La danza popolare è danza collettiva, è armonia di gesti, espressioni, sorrisi, vicinanza che unisce magicamente e gioiosamente i partecipanti. Per questo è scuola di socialità, di attenzione all’altro, di rispetto di tempi e ritmi. ---- Informazioni: Chiara Cell. 339.717.29.38 - Maria Cell. 349.181.57.15 - e-mail: baldanza@arpnet.it - www.arpnet.it/baldanza
torna su




LA LEGALITA' SI FA STRADA - Corteo cittadino della legalità - 25 marzo ore 15.00
Il 25 MARZO 2018 a partire dalle ore 15.00 'LA LEGALITA' SI FA STRADA' Corteo cittadino in occasione della XXIII giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie. Ritrovo ore 15.00 Giardini XXI Marzo - Moncalieri ---- Corteo itinerante e letture degli oltre 900 nomi di vittime innocenti di tutte le mafie. Accompagnerà il corteo l'irriverente 'fanfara urbana' della street band BANDAKADABRA, con improvvisazioni teatrali e arte di strada. --------- Ore 16.00 Piazza G. Di Vittorio - Nichelino ------ Interventi, letture, performance e animazione su tutta la piazza. Speciale esibizione di EUGENIO IN VIA DI GIOIA. ******** UNIAMO LE NOSTRE VOCI E I NOSTRI PASSI PER LA LEGALITA'... VI ASPETTIAMO! ----- L'evento è realizzato nell'ambito del protocollo d'intesa 'Otto comuni per la cultura della legalità e la lotta alle mafie' (Comuni di Nichelino, Moncalieri, Beinasco, Candiolo, La Loggia, None, Santena, Vinovo), in collaborazione con le Associazioni locali. --- Per info: Informagiovani Nichelino 0116819433 - Moncalierigiovane 011642238
torna su




Questa settimana a Radio Fahrenheit
Mercoledì. Non esiste un unico modo di pensare lo spazio in cui abitiamo. Una stanza è il limite di un ambito, un bordo, un con ne tra l’interno e l’esterno; il suo perimetro delimita lo spazio e le azioni di un individuo. Chiara Fagone “Geografia di un interno” (Milieu). -- Libro del giorno. Con sguardo attento, lucido e premuroso, Francesco Pacifico tratteggia cinque ritratti che corrispondono ad altrettanti modi di intendere la femminilità. Ed è proprio attraverso di loro che, come un illusionista, riesce a mettere in luce, senza mai mostrarla, la parte più vera e fragile di ogni uomo. Francesco Pacifico “Le donna amate” (Rizzoli). ---------- Giovedì. Un libro che canta la bellezza dell'insegnare e del vivere in università, racconta il piacere delle sfide culturali, la meraviglia dell'incontro con le generazioni più giovani, la scoperta di realtà e sentimenti sempre nuovi, la ricchezza nascosta dei percorsi collettivi. Nando Dalla Chiesa “Per fortuna faccio il prof” (Bompiani). -- Libro del giorno. Le acque degli oceani hanno sommerso ogni cosa. Il mondo intero è sprofondato negli abissi. Ora ad attraversare il Tower Bridge non sono i londinesi, ma i delfini. E ad ammirare il Davide di Donatello o la Fontana di Trevi, neanche una persona. Solo capodogli e squali. Balenottere azzurre e pesci scorpione sguazzano ai piedi della grande Muraglia e della Sfinge come un tempo schiere di esseri umani. David Almond “Il sogno del Nautilus” (Orecchio acerbo). ---------- Venerdì. Giganti digitali, da Google a Facebook, cresciuti fino a diventare monopoli. Intelligenza artificiale che moltiplica le capacità dei robot. E la blockchainper provare a costruire una nuova era della condivisione. Viviamo in una rivoluzione fin qui sottovalutata: mestieri scomparsi, nuove professioni, la tecnologia che accentua le diseguaglianze tra i ceti della conoscenza, più ricchi e longevi, e chi resta indietro. E la politica? Massimo Gaggi “Homo premium” (Laterza). -- Libro del giorno. Esiste una generazione di calabresi cresciuta fra cunti, miracoli di santi e dèi. A quei tempi il furto era vergogna, il sopruso arroganza, e nelle rughe di Africo insegnavano a non frequentare i peggiori. La mafia, che c’era stata, che c’era, vedeva restringersi rancorosa il proprio spazio. A quei tempi cresce Nicola, e con lui gli amici Filippo e Antonio, compagni di avventure. Gioacchino Criaco “La Maligredi” (Feltrinelli) --------- fahre@rai.it
torna su




Convegno ​'L'acqua che 'non' mangiamo' - Torino
Il DIATI (Dipartimento di Ingegneria dell'Ambiente, del Territorio e delle Infrastrutture) del Politecnico di Torino, in collaborazione con la Regione Piemonte, Regione Valle d'Aosta e Università di Torino, organizza un evento in occasione della Giornata Mondiale dell'Acqua. Tale evento, dal titolo '​​L'ACQUA CHE (NON) MANGIAMO' si terrà giovedì 22 marzo alle 15:00 presso l'aula magna del Campus Einaudi (UniTo). ----- 'Secondo la FAO più del 70% delle risorse idriche mondiali viene destinato all'agricoltura e agli allevamenti; per sottolineare questo nesso la FAO lanciò lo slogan “il mondo ha sete perché ha fame”. Il cibo “nasconde” dunque in sé un’immensa quantità d’acqua e tuttavia in misura assai disomogenea: se per produrre un chilo di mele occorrono 822 litri d’acqua, un chilo di carne di manzo ne richiede 15.400. La disponibilità di risorse idriche viene quindi fortemente influenzata dalle nostre scelte alimentari, così come dalla nostra capacità di ridurre gli sprechi alimentari; ma quanti fra di noi ne sono consapevoli? E quanti sanno che il commercio internazionale degli alimenti genera flussi idrici che possono aggravare stress idrici nei paesi di produzione sottraendo l’acqua ad usi umani? E quanti si rendono conto che le crisi idriche generano a loro volta imponenti fenomeni migratori? Una prima risposta è arrivata da “Young people & Water”, indagine statistica focalizzata sulla percezione dell’acqua nel mondo giovanile e realizzata da 'Una Buona Occasione' (www.unabuonaoccasione.it) in collaborazione con l’Università di Torino – Dipartimento di Statistica. ---- Presenti diversi interventi di esperti. Al termine, in collaborazione con CinemAmbiente, proiezione delcortometraggio “FOR FLINT”. Il programma completo del convegno è disponibile sulla pagina dedicata del Politecnico. --- http://www.diati.polito.it/news/(idnews)/10697
torna su




Corbello
Io sono ancora così bimba che corre sempre fuori il primo dì di primavera a veder come nel libro se è vero nel prato lo spuntare dei fiori Ma non è mai così (Mariagrazia Dessi)
torna su




L’HISTOIRE DU SOLDAT – Pinerolo (TO)
Martedì 27 marzo, alle ore 21.00 a PINEROLO, presso il Teatro Sociale: “L'HISTOIRE DU SOLDAT” (coproduzione Accademia di musica-La Terra Galleggiante) ----- Un' interpretazione in chiave marionettistica dell’ opera da camera del 1918 di Igor Stravinsky su libretto di Charles-Ferdinand Ramuz. Stravinskij, ridotto in povertà dalla Rivoluzione Russa, pensò bene di ideare un’opera teatrale da mettere in scena con un piccolo teatro ambulante, da presentare nei villaggi della Svizzera. L’ispirazione è tutta russa: il soggetto trae spunto da alcune fiabe popolari, riconducibili al tema del patto col diavolo del Faust. --- Questa nuova messa in scena, nata da una collaborazione tra l’Accademia di Musica e il Teatro del Lavoro e l’Accademia di Musica, affronta quest’opera attraverso il confronto con la contemporaneità delle tecniche del teatro di marionette, cercando la sfida dell’innovazione senza sconvolgimenti morfologici, nel rispetto delle forme e anche della tradizione. --- Senza presentare una netta distinzione tra bene e male, mostra tutta l’articolazione psicologica dei ruoli: non è più chiaro chi stia facendo il giusto e chi invece operando per il male, i ruoli diventano intercambiabili. ------ BIGLIETTI: Biglietti platea e galleria 15 Euro; prevendita presso l’Accademia di Musica (viale Giolitti 7- Pinerolo); Il 27/3 i biglietti sono acquistabili al Teatro Sociale dalle 8.30; CONVENZIONI: Card Giovani e studenti dell’Istituto Musicale Corelli: 5 Euro; Abbonamento Musei, Socio Coop, Unitre, Proloco, Coro dell’Accademia di musica: 12 Euro ------------ INFO. tel. 0121 321040 dal lunedì al venerdì, dalle ore 9.00 alle ore 14.00, segreteria@accademiadimusica.it
torna su




Mostra di NINO LETO: STORIE DI UN FOTOREPORTER 1979 - 2007 - Gallarate
Dal 28 marzo al 27 aprile 2018 presso la Galleria dell'Università del Melo - Via Magenta 3, Gallarate (VA) - Mostra ' STORIE DI UN FOTOREPORTER 1979 - 2007' a cura di CLAUDIO ARGENTIERO. Il fotoreporter Nino Leto presenterà una serie di immagini testimonianza delle esperienze della vita e delle prerogative delle diverse culture. ---- Osservatore attento dei fatti del mondo, occupa, con il suo importante percorso professionale, un posto di grande e riconosciuta reputazione tra i protagonisti della fotografia italiana. Con coerenza stilistica, propria dei puri fotogiornalisti di razza, ci offre una personale visione che tesse uno stretto legame con gli sguardi profondi delle tante persone incontrate in oltre trent’anni di continuo mestiere. Le immagini ci parlano di luoghi dove da decenni tutto sembra essersi fermato, nelle dinamiche di vita e nei quotidiani conflitti, con una selezione che dagli anni novanta del novecento giunge ai primi anni del duemila, parlandoci attraverso i volti e le sventure antropiche. Nino Leto, dal 1979 ad oggi, ha viaggiato fotografando i fronti di guerra più caldi. Ha collaborato con l'agenzia Farabola; fino al 1984 ha lavorato per la Rizzoli editore, poi per Epoca e Famiglia Cristiana. In Iran, unico fotografo italiano nel Paese, ha seguito la rivoluzione e la presa di potere di Khomeini. Ha fotografato il conflitto libanese, la guerra in Salvador, gli scontri in Nicaragua. In Africa ha viaggiato per tutti gli stati fotografando la presa di Kinshasa in Congo e la tragedia del Ruanda. Ha seguito per dieci anni i conflitti nei Balcani dall'evolversi degli scontri fino allo sfaldarsi della Jugoslavia. In questi ultimi anni è stato diverse volte in Iraq dove ha fotografato i bambini, gli uomini e le donne prima di essere stremati dall'embargo e poi dalla guerra, firmando con le sue immagini copertine e servizi per importanti testate del settore. ------- Inaugurazione: mercoledì 28 marzo, ore 18.00 - A seguire l’inaugurazione una breve conferenza sugli stili e i linguaggi tra passato e presente nel Fotogiornalismo con proiezioni a cura di Claudio Argentiero. Orari: da lunedì a domenica 16.00|19.00 - Ingresso libero. Università del Melo 0331 708224, udm@melo.it, www.melo.it
torna su




Presentazione dell’antologia LA MEMORIA INNU - Roma
Venerdì 23 marzo alle ore 18, a ROMA, presso la Libreria Edizioni Empirìa via Baccina 79, Angela Buono (Ass.ital. Studi Canadesi - l'Orientale di Napoli) e Novella Novelli (Università di Studi Internazionali di Roma) presentano l’antologia “LA MEMORIA INNU” - poesia innu tra passato e presente, a cura di Claudia Gasparini. --- Gli Innu sono una popolazione autoctona che vive tra il nord del Québec e il Labrador. La loro poesia parla di memoria, di origini, di identità. In questa antologia, la voce di cinque donne innu: Joséphine Bacon, evoca la sua terra, le sue fragilità, con uno sguardo che svela il quotidiano di un popolo in pericolo. Rita Mestokosho con voce sciamanica si rivolge alle foreste, ai laghi, ai fiumi, all’orso, al salmone, al vento o alle nuvole. Naomi Fontaine afferma che la vita è un insieme di piccoli frammenti, da raccogliere perché nasca la giusta sinfonia. La ricerca dell’identità emerge in Natasha Kanapé Fontaine che si identifica con il lupo, difende il suo territorio, protegge la propria famiglia, vive in branco e a favore dell’essere umano. Sospesa tra il kitsch e l’esistenziale è invece Marie-Andrée Gill, la cui scrittura attinge a vari simboli, di tradizioni innu e quebecchesi. «La poesia ci rende capaci di ridare vita alla lingua di nutshimit, la nostra terra; così, attraverso le parole, il suono del tamburo continua a echeggiare» (Joséphine Bacon). ----- Tel. fax 06 69940850, www.empiria.com info@empiria.com
torna su




Raccolta di haiku in italiano di Giacomo Tincani
Vorrei segnalare l'uscita di una piccola raccolta di 40 haiku in lingua italiana, a opera dell'autore esordiente Giacomo Tincani, edita dalla casa editrice rue de-La-Fontaine.
torna su




Tanka
Si incastrano con luna e con stelle tutte le ombre Nel puzzle della notte un unico respiro (Mariagrazia Dessi)
torna su

*Ricevi questa mail in quanto sei iscritto alla lista "FRECCIOLENEWS" *

Se vuoi cancellarti dalla lista invia una email a info@cascinamacondo.com


Copyright (C) 2018 *|www.cascinamacondo.com|* All rights reserved.