Se non visualizzi bene questa mail premi qui.
Se vuoi visualizzare l'archivio newsletter premi qui.
Your Company
Staff Macondo

SOCIO HAICOM (Haiku International Community Cascina Macondo) i vantaggi e perché
Per sostenere i costi vivi del... continua.

“GOODMORNING POESIA ORE 7” quindicinale a cura di Pietro Tartamella - MENTRE PARLIAMO, di Orazio
MENTRE PARLIAMO: Lascia... continua.

OrtolìneaCM - Accentazione Ortoèpica Lineare a cura di Fiorènza Alineri: “Bibliotèche di cittadinanza” dalla Newsletter Unimondo n. 424 di Martedì 13 marzo 2018 (seconda e ùltima parte)
Ma l’obiettivo di una bibliotè... continua.

“ERBA MANENT” quindicinale di erbe, frutti e piante a cura di Antonella Filippi - Tarassaco (Taraxacum officinalis) , parte prima
Tarassaco (Taraxacum officinal... continua.

“LESSICO INGLESE goccia a goccia – ENGLISH LEXICON drop by drop” - settimanale a cura di Pietro Tartamella - JOKE
JOKE - joke /dʒəA... continua.

“LESSICO ITALIANO goccia a goccia” - settimanale a cura di Pietro Tartamella - CENA
CENA - céna / ˈt... continua.


Utenti Frécciolenews

QUANTI RITMI CI SONO AL MONDO! - Museo del Paesaggio Sonoro, Riva di Chieri
Domenica 15 aprile | Domenica ... continua.

Spettacolo teatrale ‘EQUILIBRI’ – Torino
Venerdì 20 aprile 2018 alle or... continua.

“ELEVEN FLOYD” in concerto - Torino
Sabato 7 aprile ore 20,45 al t... continua.

Questa settimana a Radio Fahrenheit
MERCOLEDÌ. Settembre 1887: una... continua.

Presentazione del libro LA PASTIERA FILOSOFALE – Napoli
Mercoledì 4 aprile, alle ore 1... continua.

Corbello di meditazione di Mariagrazia Dessi
Koan: “Se tutte le cose ritorn... continua.


SOCIO HAICOM (Haiku International Community Cascina Macondo) i vantaggi e perché
Per sostenere i costi vivi del CONCORSO INTERNAZIONALE HAIKU, e per essere sicuri di poter continuare ancora negli anni a venire, diventa indispensabile da quest’anno 2018, 16° edizione, essere Socio Haicom. L’iscrizione annuale all’Haicom (Haiku International Community Cascina Macondo)comporta il versamento di un contributo di euro 15,00 (quindici) sul conto corrente dell’Associazione di Promozione Sociale “Cascina Macondo”. Per la sezione “collettiva” gli insegnanti possono iscriversi all'Haicom con un versamento di soli 5 (cinque) euro e inviare gli haiku delle proprie classi. Una iscrizione per ogni singola classe. Il Socio Haicom dovrà inviare con una e-mail a info@cascinamacondo.com i propri dati: nome, cognome, indirizzo di residenza, data di nascita e fotocopia (o altra attestazione) dell’avvenuto versamento e, se lo desidera, n° 10 haiku (pubblicabili su Frecciolenwes). Gli insegnanti, oltre ai propri dati, dovranno inviare il nome e l'indirizzo della scuola e il nome della classe (o delle classi) con cui partecipa al concorso --------------------------------------------------------------------- I VANTAGGI DI ESSERE SOCIO HAICOM: Il Socio Haicom può partecipare al Concorso Internazionale Haiku di Cascina Macondo, riceve via e-mai la tessera Haicom e la newsletter Frecciolenews in formato .pdf alla cui creazione può partecipare segnalando libri, corsi, concorsi, inviando Haiga, cartoline Haipomacò e notizie di interesse comune, può inviare n° 10 haiku pubblicabili su Frecciolenews, ha lo sconto del 10% sull’utilizzo della Foresteria “Tiziano Terzani”, sull’affitto della nostra struttura in caso volesse proporre corsi e stage, sui libri di C.M. acquistati in sede, sui corsi e laboratori di Cascina Macondo, sui manufatti in ceramica, raku e sull’oggettistica esposta nello spazio Sharazade. Può postare i propri haiku nella home page del nostro sito (sezione HAIKU DEL GIORNO), può partecipare ai nostri convegni, conferenze, aggiornamenti sulla poetica haiku...
torna su




“GOODMORNING POESIA ORE 7” quindicinale a cura di Pietro Tartamella - MENTRE PARLIAMO, di Orazio
MENTRE PARLIAMO: Lascia che gli altri facciano / a modo loro, / tu, o Leuconòe, dà retta a me: / non cercare - poiché non è lecito / conoscerlo - / quale fine a me / e quale a te / abbiano dato gli Dei / e, soprattutto, non tentare / i calcoli astrologici. / Quanto è meglio rassegnarsi, / qualsiasi cosa debba accadere! / Perciò, agisci con saggezza, / sia che Giove ci conceda / molte stagioni / ancora, / o sia che questa, / che fa infrangere con violenza / alle opposte scogliere / il mare, / sia l'ultima. / Bevi!....Bevi il vino generoso / e taglia decisamente via / dal troppo breve tempo / che ti è concesso / una troppo lunga speranza. / Vedi, mentre parliamo, / il tempo - pieno d'invidia - / sarà già passato: / "Carpe diem".... Cogli perciò, / la tua giornata / nelle occasioni che essa ti offre, / e non confidare / nel domani. // (Orazio) ---- pietro.tartamella@cascinamacondo.com
torna su




OrtolìneaCM - Accentazione Ortoèpica Lineare a cura di Fiorènza Alineri: “Bibliotèche di cittadinanza” dalla Newsletter Unimondo n. 424 di Martedì 13 marzo 2018 (seconda e ùltima parte)
Ma l’obiettivo di una bibliotèca non è solo quello di offrire un servizio culturale, a vòlte si rivela estrèmaménte ùtile per 'fare comunità'. È il caso della “Bibliotèca Rembrandt 12” di Milano, un indirizzo diventato dal 2013 la sède della prima bibliotèca condominiale milanese grazie all’impegno del sùo fondatore, Robèrto Chiappèllo, ed alle numerose donazioni private che ha ricevuto questa sala di lettura nata in un pìccolo spazio adiacènte la portinerìa di un palazzo di vìa Rembrandt che, da solo, conta circa settanta inquilini. “Abbiamo cercato di abbàttere le distanze tra gli inquilini del palazzo, di dialogare con i condòmini per verificare se anche da parte loro ci fosse la volontà di creare finalmente un nòstro spazio, adibito al diàlogo e al confronto” ha spiegato Chiappèllo. L’iniziativa, però, non è rimasta chiusa ai condòmini, ma si è apèrta al vicinato coinvolgèndo il quartière, perché, come ha ricordato il sùo fondatore, “Bisognava riprèndere in mano la vita sociale del quartière”. Pròprio alla luce di questo obiettivo, una sezione della collezione è stata dedicata a bambini e ragazzi, che vèngono coinvòlti anche attravèrso l’organizzazione di proiezioni settimanali, occasioni di aggregazione molto ùtili anche per i genitori. A Roma da quasi un anno troviamo invece un bèll’esèmpio di collaborazione tra cittadini e istituzioni, in nome della lettura: è la BiblioFeB (Bibliotèca Falcone e Borsellino), una bibliotèca pensata e creata il 29 marzo 2017 dai genitori dei bambini che frequèntano l’Istituto Comprensivo Falcone e Borsellino di Vìa Règgio Calabria 34. In una delle aule della Scuòla a disposizione degli allièvi e degli insegnanti la mattina e del quartière il pomeriggio, è possìbile trovare centinaia di libri per bambini da 0 a 10 anni e partecipare a specìfici laboratòri dedicati ai bambini. L’obiettivo? “Reinventare il quartière e la scuòla, creare un luògo di interèsse comune dove la comunità si stringa e diventi più coèsa e capace di ricostruire e valorizzare il tessuto sociale di questo territòrio” ha spiegato Francesca Morpurgo, presidènte dell’associazione Genitori Falcone e Borsellino. La realizzazione di BiblioFeB è stata resa possìbile attravèrso l’idèa progettuale di Lìbera Bibliotèca PG Tèrzi, la raccòlta fondi dei genitori delle bambine e dei bambini che frequèntano l’I.C. Falcone e Borsellino di vìa Reggio Calabria, riuniti nell’associazione Genitori Falcone e Borsellino, la ristrutturazione dell’aula grazie al Municipio Roma II, mentre i libri sono arrivati in séguito alla vittòria del bando “Acea per Roma 2014″. È questo un altro ammirévole tentativo di dare concretezza a quel concètto a vòlte un po’ astratto di 'cittadinanza globale', attravèrso “bibliotèche di cittadinanza” capaci di far dialogare le generazioni, le comunità e talvòlta anche le istituzioni. (Alessandro Graziadèi) ----------- fiorenza.alineri@cascinamacondo.com
torna su




“ERBA MANENT” quindicinale di erbe, frutti e piante a cura di Antonella Filippi - Tarassaco (Taraxacum officinalis) , parte prima
Tarassaco (Taraxacum officinalis) -- Famiglia: Composite --- parte prima ---------------------------- Il Tarassaco, o Dente di leone, o Soffione, come viene spesso chiamato per la profonda dentellatura delle foglie o per il globo bianco e piumoso che si sviluppa alla maturazione degli acheni, è una pianta erbacea perenne tra le più comuni, con un rizoma spesso e cilindrico e i cui fusti cavi possono arrivare anche a 40 centimetri di altezza. I fiori sono riuniti in capolini e sono di colore giallo vivo. E’ una pianta diffusa ovunque, dal mare alla montagna, nei prati, nei luoghi erbosi, negli incolti, nei boschi, fino a circa 2000 metri di altitudine. Spezzando una qualsiasi parte della pianta fuoriesce un lattice bianco e amarognolo, che pare abbia la proprietà di far regredire le verruche. ----------------------------------- Parti utilizzate: Il rizoma, soprattutto; le foglie e il succo. --------------------------- Quando raccogliere:Il rizoma va raccolto in autunno, periodo in cui è più ricco di inulina; pure il succo si estrae in autunno, mentre le foglie vanno raccolte in primavera. ------------------------------ Come conservare: Lavare il rizoma per eliminare la terra e togliere le radichette, poi tagliarlo in senso longitudinale o a pezzi e farlo essiccare al sole o nella stufa; poi va conservato in barattoli di vetro. ------------------------------ Costituenti: Alcaloidi taraxina e taraxosterolo, inulina, tarassicina, colina, fitosteroli, aminoacidi, resine, tannini, vitamine A, B, C, D, PP, sali di calcio, potassio, magnesio, ferro; silicio, zolfo, fosforo, manganese, sodio. -------------------------------- Proprietà: Il Tarassaco ha effetto digestivo, colagogo, coleretico, depurativo, blandamente diuretico, lassativo, vitaminico e rimineralizzante. ---- antonella.filippi@cascinamacondo.com
torna su




“LESSICO INGLESE goccia a goccia – ENGLISH LEXICON drop by drop” - settimanale a cura di Pietro Tartamella - JOKE
JOKE - joke /dʒəʊk/ --- n. 1) scherzo; burla: (to play a joke on sb. = fare uno scherzo a q.); (I was having a joke with you = te l'ho detto (o fatto) per scherzo); (He can take a joke = sa stare allo scherzo; non se la prende); (Is this some kind of joke? = cos'è, uno scherzo?); (practical joke = scherzo (per far apparire ridicolo q.); burla; tiro; (as a joke = per scherzo; per burla); (no joke = senza scherzi; sul serio); (running joke = tormentone); (cruel joke = scherzo crudele) --- 2) barzelletta; storiella; battuta; spiritosaggine: (to tell jokes = raccontare barzellette); (to crack a joke = fare una battuta; dire una spiritosaggine); (not to see the joke = non capire la barzelletta; non capire che cosa ci sia da ridere); (dirty (o cheap, rude) joke = barzelletta sconcia); (a standing joke = un perenne argomento di battute) --- 3) (fam.) persona ridicola; pagliaccio; zimbello --- 4) (fam.) cosa facilissima; scherzo --- 5) cosa ridicola o grottesca; buffonata; presa in giro; farsa: (The inspection was a joke = l'ispezione è stata una farsa) ● A joke's a joke! = basta scherzare!; adesso basta!; un bel gioco dura poco! <><> the best of the joke = la cosa più divertente <><> to be (o to get) beyond a joke = non fare più ridere; non essere più uno scherzo; essere diventata una cosa seria <><> to be in on the joke = essere a parte (o complice) di uno scherzo, una sorpresa ecc. <><> to make a joke of st., prendere qc. in scherzo (o sul ridere); ridere di qc. <><> (fam.) It's no joke = non è una cosa da ridere; non è uno scherzo <><> The joke's on him! = ha fatto la figura del cretino; si è fatto ridere dietro --------------- FALSI AMICI: joke non significa gioco -------------- SINONIMI: (battuta) jest, gag, quip, wisecrack, witticism. --- pietro.tartamella@cascinamacondo.com --- (i vocaboli sono tratti dal Dizionario inglese/italiano – italiano/inglese “Ragazzini” - Zanichelli editore. Il dizionario Ragazzini contiene anche la fonetica delle parole inglesi e, nel cd-rom, la pronuncia sonora di tutti i lemmi inglesi: http://dizionari.zanichelli.it/dizionariOnline)
torna su




“LESSICO ITALIANO goccia a goccia” - settimanale a cura di Pietro Tartamella - CENA
CENA - céna / ˈtʃena/ SILLABAZIONE: cé–na [lat. cēna(m) ☼ sec. XII] -- s. f. 1) pasto che si fa la sera: andare, essere invitato a cena; andare fuori a cena; è ora di cena | (est.) cibo consumato durante questo pasto: una cena lauta, frugale, parca, sostanziosa | non riuscire a mettere assieme il pranzo con la cena, (fig.) guadagnare molto poco | (est.) momento della giornata in cui si consuma abitualmente questo pasto: incontrarsi prima di cena; vieni a trovarmi dopo cena? --- 2) ultima cena consumata da Gesù con gli Apostoli, durante la quale Egli istituì l'eucaristia: la Cena; l'ultima cena | Cena eucaristica, la Comunione | sacra cena, consumazione del pane e del vino in alcune comunità protestanti | (est.) quadro che rappresenta l'ultima cena di Gesù || cenétta, dim. (V.) | cenìna, dim. | cenìno, dim. m. | cenóna, accr. | cenóne, accr. m. (V.) ---------- pietro.tartamella@cascinamacondo.com -------- (Le parole sono tratte da: lo Zingarelli 2018 Vocabolario della lingua italiana di Nicola Zingarelli, Zanichelli editore)
torna su




QUANTI RITMI CI SONO AL MONDO! - Museo del Paesaggio Sonoro, Riva di Chieri
Domenica 15 aprile | Domenica 27 maggio | Domenica 10 giugno ore 15.30 presso il Museo del Paesaggio Sonoro - Riva di Chieri (TO) Palazzo Grosso Piazza Caduti della Libertà n. 1 - QUANTI RITMI CI SONO AL MONDO! -------- Un coinvolgente pomeriggio porterà i nostri bambini alla scoperta dell’origine della musica. Si parte dalla natura madre che con i suoi variegati suoni diventa la musa ispiratrice dell’uomo. Si procede con l’ingegno dell’uomo, capace di riprodurre suoni e creare sofisticati strumenti musicali. Si conclude con un divertente laboratorio in cui, tutti assieme metteremo alla prova la nostra capacità di “fare musica” attraverso canoni ritmici e curiosi oggetti sonori. --- Info e prenotazioni dal lunedì alla domenica dalle 9.30 alle 17.00, telefono 39-8400867 – 331-3912631, info@museopaesaggiosonoro.it https://www.arteintorino.com/
torna su




Spettacolo teatrale ‘EQUILIBRI’ – Torino
Venerdì 20 aprile 2018 alle ore 20:45, a Torino, presso il teatro S. Giuseppe, via A. Doria 18, la Compagnia teatrale Theantropos, diretta da Enzo Pesante, presenta “EQUILIBRI” -------- L'equilibrio come metafora del percorso esistenziale e in particolare di uno dei più difficili, quello adolescenziale, momento nel quale qualunque ostacolo appare gigantesco e attraversare un semplice guado può rappresentare una sfida. È questo il significato della pièce Equilibri, ispirata all'impresa compiuta dal funambolo francese Philippe Petit il 7 agosto 1974, quando, tendendo una corda d'acciaio sulle Twin Towers appena erette, attraversò il cielo newyorchese camminando fra le nuvole a 412 metri (e 6 centimetri) sopra le teste dei passanti, increduli e sconvolti. -------- Info. Enzo Pesante, cell. 3485300428, e mail: elimiche@libero.it
torna su




“ELEVEN FLOYD” in concerto - Torino
Sabato 7 aprile ore 20,45 al teatro A.T.C. in Corso Dante 14, Torino PINK FLOYD GENUINE TRIBUTE “ELEVEN FLOYD” IN CONCERTO --- L’evento, patrocinato dal Comune di Torino, ha come finalità la raccolta di fondi per la ricerca sulla SLA, malattia di cui si conosce ancora poco. Il ricavato verrà interamente devoluto al CRESLA, il Centro Regionale Esperto Sclerosi Laterale Amiotrofica del Dipartimento di Neuroscienze dell’Università degli Studi di Torino del prof. Chiò. Lo spettacolo sarà assolutamente unico e straordinario: la Band “Eleven Floyd” ripercorrerà i brani che hanno creato il trionfo musicale dei mitici Pink Floyd in tutte le fasi del loro repertorio. E’ assicurata un’eccezionale serata ! L’entrata al concerto è gratuita, alla fine dello spettacolo potrà essere fatta un’offerta al CRESLA ---- Per info e prenotazioni: A.S.D. Polisportiva U.I.C.I. Torino Onlus Tel. 011/535567 (mercoledì e venerdì pomeriggio), polisportiva@uictorino.it, www.polisportivauictorino.it
torna su




Questa settimana a Radio Fahrenheit
MERCOLEDÌ. Settembre 1887: una ragazza bussa alla porta di John Cockerill, direttore del 'New York World', di Joseph Pulitzer. Chiede di essere assunta come reporter. Nessuna donna aveva mai osato tanto. Il suo nome è Elizabeth Cochran, ha ventitré anni, ma già da tre scrive per un quotidiano di Pittsburgh firmandosi Nellie Bly. La sua idea di un'inchiesta sotto copertura a Blackwell Island, manicomio femminile di New York, convince Cockerill e Pulitzer ad accettare la sfida... Nicola Attadio “Dove nasce il vento” (Bompiani) -- Libro del giorno. A Masserie di Cristo, lungo le pendici del Monte Capraro, nel cuore di un Sud viscerale, fantasmagorico e magico, i vivi e i morti s'incontrano, talvolta senza riconoscersi. E non sono né vivi né morti. In questo luogo inesistente e remoto, la giovane Assuntina è scomparsa, e tutto il villaggio non si dà pace. Tebaldo costringe la piccola figlia Italia a ucciderlo, e la madre la punisce rinchiudendola in una cantina. In un infernale carcere sotterraneo un Custode meticoloso e malinconico assegna punizioni terribili a rei e innocenti e scrive lettere amareggiate a se stesso, mentre la guerra fra le fazioni del paese disarticola l'ordine già precario del mondo. Il tempo ricomincerà ancora una volta - ma si tratta di Genesi o Apocalisse? Andrea Gentile “I vivi e i morti” (Minimum Fax) ------- GIOVEDÌ. Dove comincia il presente? Quando nascono le forze, i conflitti e le idee che governano la nostra epoca? Inseguendo le tracce della famiglia che non ha mai potuto conoscere, Elisabeth Åsbrink ci trasporta in un anno cruciale del ’900, nel momento in cui l’Occidente, reduce dal Secondo conflitto mondiale, è di fronte a una serie di bivi e possibilità ancora aperte, e compie scelte decisive per i nostri giorni. Elisabeth Asbrink “1947” (Iperborea) ------ Libro del giorno. Dove sono finite quelle donne misteriosamente sparite da anni, mogli e madri di cui i mariti sostengono di non sapere nulla? Uno dopo l’altro, i loro corpi vengono ritrovati grazie a un killer implacabile che costringe chi le ha fatte scomparire a confessare dove si trovano le loro ossa e poi uccide i colpevoli, sempre assolti dai tribunali per mancanza di prove. Il rituale è feroce e spietato: l’assassino vuole così rendere giustizia alle spose sepolte. Marilu Oliva “Le spose sepolte” (Sperling Kupfer) ------- VENERDÌ. Giusto terrore: il verbo si fa carne, la carne si fa corpi. Alcuni corpi si fanno proiettile, altri si fanno polvere. Un sentiero di morte, comparso dal nulla e nel nulla diretto, che tuttavia da lungo tempo incrocia le nostre strade. Ma come raccontarlo? Come separare i nomi delle vittime da quelli dei carnefici e farne simboli efficaci, farne storie, renderli fruibili, commestibili, assimilabili? E dove tracciare la linea tra presente e passato, tra storia personale e collettiva, per non finire schiacciati dall’ossessione? Alessandro Gazdia “Giusto Terrore” (Il Saggiatore) -- Libro del giorno. Dopo più di dieci anni di assenza, Mario torna nel luogo in cui è cresciuto: la Reggia di Caserta. Figlio del Capitano, storico custode del parco, la Reggia che conosce non è quella dei turisti, maestosa e spettacolare, ma un triangolo di terra con un’aia al centro, chiuso tra gli alberi del Bosco Vecchio e le acque della gigantesca Peschiera. Al di là di questo microcosmo di vasche, statue e arbusti, si intuisce la vita della città, della gente che resta fuori quando, alla sera, il Capitano richiude il cancello. Giusi Marchetta “Dove sei stata” (Rizzoli) ------ fahre@rai.it
torna su




Presentazione del libro LA PASTIERA FILOSOFALE – Napoli
Mercoledì 4 aprile, alle ore 18:30, presso la Casina Pompeiana a Riviera di Chiaia Napoli, Villa Comunale, in collaborazione con l'Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli e con l'associazione “Il primo abbraccio”, inKnot Edizioni presenta il romanzo d'esordio di Dario De Costanzo: LA PASTIERA FILOSOFALE. ------ Un momento importante per conoscere un autore napoletano capace di delineare la variopinta cultura partenopea usando come espediente le vicende della famiglia De Crescenzo nella domenica di Pasqua. ------- È Pasqua e la famiglia De Crescenzo, come da tradizione, si è riunita per festeggiare la Pasqua. Tra una portata e l'altra la tavola imbandita diventa un ironico e irriverente sipario, da cui, come in una pièce teatrale, si mette in scena la filosofia e la morale di vita dei napoletani. Un testo solare e capace di mettere il buon umore come solo un buon dolce condiviso insieme agli affetti familiare sa fare. ------- L’ingresso della serata è libero e aperto a tutti ------- Per maggiori informazioni sul libro https://www.inknot.it/shop/pastiera-filosofale/
torna su




Corbello di meditazione di Mariagrazia Dessi
Koan: “Se tutte le cose ritornano all’Uno, dove ritorna l’Uno?” L’Uno ritorna solo a una certezza di non aver in me risposte certe a questa bella domanda o forse c'è? Nel caos in cui io mi ritrovo riò ombra di dubbio Rio Boh! (Mariagrazia Dessi)
torna su

*Ricevi questa mail in quanto sei iscritto alla lista "FRECCIOLENEWS" *

Se vuoi cancellarti dalla lista invia una email a info@cascinamacondo.com


Copyright (C) 2018 *|www.cascinamacondo.com|* All rights reserved.