Se non visualizzi bene questa mail premi qui.
Se vuoi visualizzare l'archivio newsletter premi qui.
Your Company
Staff Macondo

SCADUTO IL CONCORSO INTERNAZIONALE HAIKU DI CASCINA MACONDO
Alla mezzanotte di domenica 10... continua.

“GOODMORNING POESIA ORE 7” quindicinale a cura di Pietro Tartamella - PURO GIOVEDI, di Louis Aragon
PURO GIOVEDÌ: Stra... continua.

OrtolìneaCM - Accentazione Ortoèpica Lineare a cura di Fiorènza Alineri: “Prèndilùna” di Stéfano Bènni
La vècchia guardava la luna, e... continua.

“ERBA MANENT” quindicinale di erbe, frutti e piante a cura di Antonella Filippi - CAPPERO
Cappero (Capparis spinosa) --... continua.

“LESSICO INGLESE goccia a goccia – ENGLISH LEXICON drop by drop” - settimanale a cura di Pietro Tartamella - SLOG
SLOG - slog /slɒg/ n. --... continua.

“LESSICO ITALIANO goccia a goccia” - settimanale a cura di Pietro Tartamella - CONSECUTIVO
CONSECUTIVO - consecutìv... continua.


Utenti Frécciolenews

Questa settimana a Radio Fahrenheit
MERCOLEDÌ. Gianni Rodari è un ... continua.

Corbello di meditazione su un misurale di Pietro Tartamella
“Sei lontana da me come le due... continua.

‘SEMI DI HAIKU’ di Antonella Barina, presentazione a Venezia e a Mestre
'Semi di Haiku' è il titolo de... continua.

CORBELLO DI MEDITAZIONE
Koan: Un giorno Ma-tsu e Pai-c... continua.

EQUILIBRI, spettacolo teatrale a Volpiano (TO)
Domenica 17 giugno alle ore 21... continua.

Torino Cinemambiente
L’associazione Soconas Incomin... continua.


SCADUTO IL CONCORSO INTERNAZIONALE HAIKU DI CASCINA MACONDO
Alla mezzanotte di domenica 10 giugno è scaduto il termine ultimo per inviare gli haiku alle 16° edizione del Concorso Internazionale Haiku di Cascina Macondo.Durante l'estate il difficile compito della giuria per selezionare i vincitori. La Cerimonia di premiazione è programmata per domenica 18 novembre 2018 a Cascina Macondo. Si ricorda che il pubblico può votare gli haiku pervenuti al concorso.
torna su




“GOODMORNING POESIA ORE 7” quindicinale a cura di Pietro Tartamella - PURO GIOVEDI, di Louis Aragon
PURO GIOVEDÌ: Strade, campagne, dove correvo? / Gli specchi mi cacciavano alle curve / verso altri fossi. / I viali verdi! / Un tempo ammiravo senza / abbassare le palpebre, ma il sole / non è più un'ortensia. / La vittoria gioca al carro simbolico: / Flora e questa ragazza dalle labbra pallide. Troppo / lusso per un prato senza pretese: / ai pavesi, le bandiere! Tutte le amanti / saranno alle finestre. In mio onore? / Vi sbagliate. Il giorno mi penetra. / Che vogliono da me i bianchi / specchi e queste donne che incrocio? / Menzogna o gioco? / Il mio sangue non ha quel colore. / Sul bitume lucente di marzo, oh bucaneve, tutti / hanno capito il mio cuore. / Che vergogna ho provato! Che vergogna! // (Louis Aragon) --- pietro.tartamella@cascinamacondo.com
torna su




OrtolìneaCM - Accentazione Ortoèpica Lineare a cura di Fiorènza Alineri: “Prèndilùna” di Stéfano Bènni
La vècchia guardava la luna, e vicevèrsa. Èra seduta nella veranda, e le sembrò che l’astro puntasse un raggio splendènte sul prato, come per illuminare un palcoscènico. Sentì un crepitìo, sìmile a quello degli stecchi che brùciano nel fuòco. Pòi un tic tac. Le ricordava qualcòsa… Ècco. Il crepitare èrano archi o zampette che si accordàvano. Il ticchettìo èra il bàttere della bacchetta sullo spartito. Il direttore di orchèstra avvertiva i musicisti che èra ora di esibirsi. E infatti, un istante dopo, scoppiò un corcèrto di grilli entusiasti. Cantàvano come se festeggiàssero qualcòsa. Forse un compleanno. E per un grillo un compleanno è una còsa sèria, perché vive un anno solo. Dal profondo del buio risuonò il vèrso di un uccèllo notturno. Né lamento né gioia: un canto filosòfico, un dubbio, una domanda. (Stéfano Bènni)------ fiorenza.alineri@cascinamacondo.com
torna su




“ERBA MANENT” quindicinale di erbe, frutti e piante a cura di Antonella Filippi - CAPPERO
Cappero (Capparis spinosa) ---- Famiglia: Capparidacee ---------------------------- Il Cappero è una pianta perenne con foglie alterne dal corto picciolo e di consistenza carnosa. La pianta del Cappero nasce e si sviluppa bene anche da sola, prediligendo i vecchi muri, le rocce e i luoghi pietrosi e argillosi, ma può anche essere coltivata, specialmente nelle zone più calde e asciutte. Del Cappero si usano le gemme, quelle che, sbocciando, danno vita a graziosi fiorellini bianchi dai numerosi e lunghi stami di colore rosso-viola ------- Parti utilizzate: La corteccia delle radici e i boccioli fiorali. La corteccia delle radici si raccoglie in autunno o all’inizio della primavera, i boccioli si recidono con le mani prima dell’apertura, da aprile a luglio -------- Costituenti: Bioflavonoidi, olio essenziale, resine, pectina, glucosidi --------- Proprietà: Il Cappero fresco, non conservato sotto sale o aceto, contiene un’elevata quantità di un bioflavonoide restauratore delle pareti dei capillari. La radice è diuretica e serve anche a stimolare le funzioni digestive, è tonica, astringente e, per uso esterno, serve per le emorroidi e i disturbi vasali (per es. le varici) ------- Uso interno: Per la diuresi e le funzioni digestive: bere al mattino una tazzina di decotto, ottenuto facendo bollire per 10 minuti 10 g di corteccia delle radici in mezzo litro di acqua. Per risvegliare l’appetito: bere 2 bicchierini al giorni di “vino di Cappero”, ottenuto facendo macerare per 5 giorni in un litro di vino rosso 50 g di scorza di radici con 80 g di corteccia di frassino ------- Uso esterno: Per emorroidi e problemi vasali: mettere 20 g di corteccia delle radici in 200 ml di olio extra-vergine di oliva e far macerare per 10 giorni. Ungere le parti interessate o applicare delle compresse -------- Uso in cucina: Salsa di capperi e acciughe: lavare e togliere la lisca a 3 acciughe, poi tagliarle a pezzetti e tritarle insieme a un cucchiaio di capperi sotto aceto. In una pentola mettere abbondante olio extra-vergine di oliva e i capperi tritati con le acciughe, lasciando che queste ultime si sciolgano del tutto. Si può usare al momento o conservare per qualche giorno in frigorifero, in un barattolo. Per accompagnare il pesce bollito si può preparare la seguente salsa: fare una besciamella con 20 g di farina, 30 g di burro e un bicchiere di latte e, alla fine, togliere il recipiente dal fuoco e aggiungere un tuorlo d’uovo, un po’ di pepe e un cucchiaio di capperi sotto aceto tritati finemente. ---- antonella.filippi@cascinamacondo.com
torna su




“LESSICO INGLESE goccia a goccia – ENGLISH LEXICON drop by drop” - settimanale a cura di Pietro Tartamella - SLOG
SLOG - slog /slɒg/ n. ---- (fam.) 1) colpo violento --- 2) camminata lunga e faticosa; scarpinata (fam.) --- 3) duro lavoro; faticata; sfacchinata; sgobbata: (That was a hard slog! = è stata una bella sfacchinata!) --- 4) lunga camminata; scarpinata; sfacchinata (fig.)--- 5) (boxe) forte pugno; colpo violento; mazzata (fig.) --- 6) (cricket) colpo forte ma senza molta precisione. --- pietro.tartamella@cascinamacondo.com --- (i vocaboli sono tratti dal Dizionario inglese/italiano – italiano/inglese “Ragazzini” - Zanichelli editore. Il dizionario Ragazzini contiene anche la fonetica delle parole inglesi e, nel cd-rom, la pronuncia sonora di tutti i lemmi inglesi: http://dizionari.zanichelli.it/dizionariOnline)
torna su




“LESSICO ITALIANO goccia a goccia” - settimanale a cura di Pietro Tartamella - CONSECUTIVO
CONSECUTIVO - consecutìvo / konsekuˈtivo/ [dal lat. consecūtus, part. pass. di cōnsequi ‘seguire’. V. conseguire ☼ 1363] agg. --- SILLABAZIONE: con–se–cu–tì–vo ----------- 1) che viene dopo, che segue: il giorno consecutivo; l'opera consecutiva SIN. seguente, successivo | traduzione consecutiva, quella compiuta da chi traduce nella lingua richiesta quanto è stato appena detto dall'oratore CFR. simultaneo ---- 2) (mat.) detto di ciascuno dei due angoli che hanno in comune il vertice e un lato, e nessun altro punto al di fuori di quelli appartenenti al lato stesso | detto di ciascuno dei due elementi di un insieme ben ordinato tale che il secondo è il minore fra tutti quelli che seguono il primo | detto di ciascuno dei due elementi di una successione il primo dei quali precede immediatamente il secondo ---- 3) (gramm.) congiunzione consecutiva, che introduce una proposizione consecutiva (per es.: (tanto…) che, cosicché; da, al punto di) | proposizione consecutiva, proposizione subordinata che indica la conseguenza di ciò che è detto nella reggente (per es.: tanto tuonò che piovve; non sono tanto ingenuo da credere alle sue promesse) || consecutivaménte, avv. in modo consecutivo; di seguito || consecutività, s. f. inv. ---------- pietro.tartamella@cascinamacondo.com -------- (Le parole sono tratte da: lo Zingarelli 2018 Vocabolario della lingua italiana di Nicola Zingarelli, Zanichelli editore)
torna su




Questa settimana a Radio Fahrenheit
MERCOLEDÌ. Gianni Rodari è un autore molto amato, eppure alcuni aspetti del suo approccio didattico e letterario risultano ancora inesplorati. Uno di questi è senz’altro la sensibilità all’equilibrio di genere: le eroine a cui ha dato vita Atalanta, Alice cascherina, la valletta Sabina e tutte le altre, costituiscono un modello positivo tanto per le bambine quanto per i bambini. Marzia Camarda “Una savia bambina” (Settenove Edizioni) -- Libro del giorno. Dopo la perdita di Paz, la donna che ha amato più di ogni altra, César ha affidato il figlio ai nonni e arranca in quelli che crede essere gli ultimi giorni della sua vita. Finché sulla soglia di casa appare Nana. Studentessa di architettura, greca, dice di essere la sua nuova vicina e come lui è appassionata di autori classici e mitologia greca. Ma chi è questa ragazza solare ed evanescente che trascina César per le strade deserte dell'estate parigina? E poi oltre, verso isole vicine e lontane, verso un legame ritrovato con il figlio, verso il futuro e la vita? Christophe Ono - dit- Biot “Credere al meraviglioso” (Bompiani) ------ GIOVEDÌ. Esclusi, segregati, doppiamente estranei, i marrani inaugurano la modernità con il loro sé scisso, la loro ambivalenza. Dissidenti per necessità, danno avvio a un pensiero radicale, inventano la democrazia. La loro storia non è terminata. Quanti marrani esistono ancora? Donatella Di Cesare “Marrani” (Einaudi) ------ VENERDÌ. I sodomiti senza nome, giunti sulla soglia del rogo e carbonizzati dall’orrore provato per il loro crimine, prima che le fiamme li tocchino; il teologo e confessore dei Medici che abusa di un dodicenne; il cappuccino tormentato da una fisiologia esuberante e da fantasie di donne; il doge mancato a causa di amori che non incontrano la pubblica approvazione; il prete che dal confessionale stabilisce relazioni carnali con le sue penitenti; l’Adamo che si unisce ad Eva contro natura. Reali o immaginati, questi uomini suscitano domande e azioni normative. Fernanda Alfieri e Vincenzo Lagioia “Infami macchie” (Viella) -- Libro del giorno. Daniele è un giovane poeta oppresso da un affanno sconosciuto, “una malattia invisibile all’altezza del cuore, o del cervello”. Si rifiuta di obbedire automaticamente ai riti cui sembra sottostare l’umanità: trovare un lavoro, farsi una famiglia… la sua vita è attratta piuttosto dal gorgo del vuoto, e da quattro anni è in caduta “precisa come un tuffo da olimpionico”. Daniele Mencarelli “La casa degli sguardi” (Mondadori) ------ fahre@rai.it
torna su




Corbello di meditazione su un misurale di Pietro Tartamella
“Sei lontana da me come le due estremità dell’arcobaleno che poggiano pilastri su eterei luoghi indistinti della terra.” --------------------- Se arco di / Noè fa ancora / faccia / triste dopo il pianto / significa che / non siamo accanto / Se invece è / stracontento / allora / siamo insieme / avvolti / in una / nuvola // (Mariagrazia Dessi)
torna su




‘SEMI DI HAIKU’ di Antonella Barina, presentazione a Venezia e a Mestre
'Semi di Haiku' è il titolo della raccolta di poesie brevi di Antonella Barina, edita in questi giorni a Venezia. Il libro, corredato da incisioni di sette artiste di Atelier Aperto ispirate alle poesie, sarà presentato a Venezia sabato 16 giugno alle 17.30 presso Amor di Libro, Dorsoduro, Ca' Foscari 3253, e successivamente a Mestre martedì 19 giugno alle 17.30 presso la galleria Dem-Art Gallery, via Dante Alighieri 8. La raccolta è una coedizione tra il Centro Internazionale della Grafica di Venezia, istituzione storica da più di 50 anni attiva nella città lagunare, ed Edizione dell'Autrice, la testata giornalistica con cui la poeta veneziana ha inaugurato a Venezia la pratica dell'autoeditoria. Nella loro brevità gli haiku hanno sempre autonomia e senso proprio, in aggiunta in questa pubblicazione risultano leggibili in sequenze tematiche che sfiorano i temi dell'arte di governo, dei cambiamenti climatici, del giardino, del formarsi del pensiero, di stagioni e stati d'animo, e delle tecnologie digitali. 'Semi di Haiku', supplemento a 'Gitana', n.80 di Edizione dell'Autrice a tiratura limitata e numerata, costituisce la pubblicazione annuale dedicata dall'autrice alla collaborazione con altre realtà poetiche ed editoriali. Info: edizioneautrice2016@gmail.com
torna su




CORBELLO DI MEDITAZIONE
Koan: Un giorno Ma-tsu e Pai-chang stavano passeggiando, quando videro volare alcune anatre selvatiche.“Che cosa sono?” chiese il Maestro.“Anatre selvatiche,” rispose Pai-chang.“Dove sono andate?” “Sono volate via,” disse Pai-chang. Il Maestro allora torse il naso di Pai-chang e quando questo strillò per il dolore, Ma-tsu chiese: “Quando mai sono volate via?” ----------------------- Sparire / completamente / come si fa? Le anatre sono / come i pensieri, / che le fanno andare / via, e come il / dolore che / va e viene e / a volte si / distrae / nel fiume / con loro // (Mariagrazia Dessi)
torna su




EQUILIBRI, spettacolo teatrale a Volpiano (TO)
Domenica 17 giugno alle ore 21.00, a Volpiano (TO) presso MUSTOKLAB, Località Frazione Cascine Malone 42, torna in scena lo spettacolo “EQUILIBRI”. ----- L'equilibrio come metafora del percorso esistenziale e in particolare di uno dei più difficili, quello adolescenziale, momento nel quale qualunque ostacolo appare gigantesco e attraversare un semplice guado può rappresentare una sfida. È questo il significato della pièce Equilibri della Compagnia “Theantropos”, ispirata all'impresa compiuta dal funambolo francese Philippe Petit il 7 agosto 1974, quando, tendendo una corda d'acciaio sulle Twin Towers appena erette, attraversò il cielo newyorchese camminando fra le nuvole a 412 metri (e 6 centimetri) sopra le teste dei passanti, increduli e sconvolti. --- Regia di Enzo Pesante, Ilaria Ceccon, Giovanna Russiello. --- Ingresso: 5 Euro. Altre info: Enzo Pesante, cell. 3485300428, e mail elimiche@libero.it
torna su




Torino Cinemambiente
L’associazione Soconas Incomindios propone di vedere insieme il documentario “LA MAGIA VERDE” (Regia di Verner Boote, Austria 2018, 97’) ---- Quanto influiscono le nostre decisioni d’acquisto sullo sviluppo dell’economia sostenibile? I prodotti “verdi” industriali sono da considerarsi tali o non costituiscono piuttosto una mera strategia di vendita? Tra le aree soggette alla politica ingannevole delle aziende si citano anche le popolazioni indigene del Brasile e l’allevamento del bestiame (si veda anche TEPEE 53). ---- Appuntamento mercoledì 13/6/2018, alle ore 19 a Torino, presso il Cinema Centrale, via Carlo Alberto 27, per ritirare alla cassa i biglietti gratuiti. ---- Si potrà poi organizzare un’apericena prima dell’inizio della proiezione alle 19.40. Confermare la presenza. ---- Per info: Dr. Naila Clerici, Redazione di TEPEE, Direttrice responsabile ed editoriale, Via San Quintino 6, 10121 Torino, cell. 3478207381 già Docente di Storia delle Popolazioni Indigene d'America, Università di Genova
torna su

*Ricevi questa mail in quanto sei iscritto alla lista "FRECCIOLENEWS" *

Se vuoi cancellarti dalla lista invia una email a info@cascinamacondo.com


Copyright (C) 2018 *|www.cascinamacondo.com|* All rights reserved.