Se non visualizzi bene questa mail premi qui.
Se vuoi visualizzare l'archivio newsletter premi qui.
Your Company
Staff Macondo

CON FILI INVISIBILI - in preparazione l'antologia degli haiku selezionati al Concorso Internazionale edito da Cascina Macondo 8° edizione 2010
L'ANTOLOGIA “CON FILI INVISI... continua.

RACCONTI D'INVERNO FUORI VIA - Cascina Macondo domenica 24 ottobre
UNA SERATA DI RACCONTI D'INV... continua.

RCT-RESOCONTO della passeggiata haiku e SERRAFALO' di sabato 7 settembre
è on line sul sito di Cascina ... continua.

IL DENTISTA ARRIVA A CASA - Torino
IL DENTISTA ARRIVA A CASA ... continua.

Frécciolenews - I TUOI COMUNICATI
DALLO STAFF DI FRECCIOLENEWS <... continua.

CERIMONIA DI PREMIAZIONE DEL CONCORSO INTERNAZIONALE HAIKU 8° EDIZIONE 2010 - DOMENICA 21 NOVEMBRE
LA PREMIAZIONE del Concorso In... continua.

MACONDOSCUOLA - gite didattiche a Cascina Macondo
con l'inizio dell'anno scolast... continua.

"5-7-5 UNIVERSO HAIKU" quindicinale a cura di Fabrizio Virgili - Nakamura Kusatao
"Sanbyaku toshi / Ima mata t... continua.

"CINEMATOGRAFO MON AMOUR" quindicinale di recensioni a cura di Gian Carlo Marchesini - "IL SEGRETO DEI SUOI OCCHI" di Juan José Campanella
Ho visto il film argentino – “... continua.

"UKA-SHA-SHA, ascoltando i Nativi Americani" , quindicinale a cura di Pietro Tartamella - "CATLIN IN EUROPA"
CATLIN IN EUROPA ---- Nell'aut... continua.

I Poeti de 'La Tenda', due anni di storia - CARATTERI E INCHIOSTRI
I POETI DE LA TENDA DUE ANNI ... continua.

I TUOI HAIKU NELLA HOME PAGE DEL SITO CASCINA MACONDO
Nella Home page del sito Casc... continua.

SONDAGGIO sull'accentazione ortoèpica lineare
nella home page del sito www.c... continua.

LA FORESTERIA DI CASCINA MACONDO 'Tiziano Terzani'
La Foresteria 'Tiziano Terzani... continua.

SCRITTURALIA - prossimo appuntamento domenica 7 novembre 2010 a Cascina Macondo - Riva Presso Chieri (TO)
Domenica 09 NOVEMBRE 2014 per ... continua.

Sponsor e sostegni
esprimiamo la nostra riconosce... continua.

Frécciolenews Partners
MUSIC CLUB, mensile di musica ... continua.


Utenti Frécciolenews

ELOGIO DEL PENSIERO DIVERGENTE - Chivasso (TO)
Area Onlus organizza SABATO 1... continua.

Ritorniamo in Sardegna con Tiziano Terzani - Cagliari
A Cagliari, nel Maggio d... continua.

Consiglio d’Europa: l’Assemblea parlamentare approva il documento sui rom che richiama i Paesi membri a vigilare sul linguaggio razzista e xenofobo soprattutto da parte dei politici.
Consiglio d’Europa: l’Assemble... continua.

Porta un amico in biblioteca
16 10 10 PORTA UN AMICO IN BIB... continua.

Un brindisi con Pavese nelle Cattedrali Sotterranee - Santo Stefano Belbo
"Un brindisi con Pavese nelle ... continua.

ALBUS edizioni presenta: 'DALLA STRUTTURA ALLA POESIA E DALLA TERZA ALLA QUINTA DIMENSIONE”
Nelle migliori librerie esce p... continua.

Dalla terra alla forchetta - Baveno
Presso la Sala polivalente del... continua.

FestivalStoria '“Eroi o canaglie? I protagonisti del passato visti dagli opposti fronti”
Dal 14 al 17 ottobre 2010 si s... continua.

Habitat creativo, coltivare città - Treppo Grande (Udine)
Terra Argilla Territorio. Quan... continua.

INCONTRI LETTERARI - 23 OTTOBRE 2010 - FORMIA
UMANITA' E CULTURA IN AMERIGO ... continua.

MILANO ICTUS, spettacolo poetico-musicale - Milano
Il 29-30-31 ottobre 2010 al Te... continua.

NEW BASIC con Harold Dull - Collestrada (PG)
16 e 17 ottobre 2010 Harold ... continua.

presentazione 'Dismissione' di Fabio Orecchini - Roma
Giovedì 14 ottobre ore 21,00 p... continua.

La CIA contro il Che – un libro di Adys Cuppull e Froilán González
La CIA contro il Che – un libr... continua.

I giochi del teatro - Torino
Sabato 23 e Domenica 24 ottobr... continua.

RADIO FAHRENHEIT - Alberto Melloni, Salvatore Lupo, Valentina Furlanetto, Giulio Giorello, André Glucksmann, Meir Shalev, Alberto Asor Rosa, Caterina Bonvicini, Jean-Michel Guenassia, Andrea De Carlo, Anna Mahjar-Barducci, Claudio Recalcati...
Settimana dal 15 al 19 novembr... continua.

Premio 'Fari nella città' - Torino
Il Premio Arti Visive 2010, da... continua.

WHEN THE SAINTS - 17 OTTOBRE, 5-27 NOVEMBRE E 18 DICEMBRE 2010 - CASTELNUOVO DON BOSCO (AT)
L’Associazione culturale 'When... continua.

a Calliope - colei che ha bella voce - Vimercate (MI)
DOMENICA 24 OTTOBRE - ore 21.0... continua.

SUPERFICI D’ISTANTI - Galleria Rizomi - Torino
SUPERFICI D’ISTANTI Dal 29 ... continua.


CON FILI INVISIBILI - in preparazione l'antologia degli haiku selezionati al Concorso Internazionale edito da Cascina Macondo 8° edizione 2010
L'ANTOLOGIA “CON FILI INVISIBILI” raccoglie i 114 haiku selezionati al Concorso Internazionale Haiku in Lingua Italiana edito da Cascina Macondo - 8° edizione 2010 ---- PRENOTARE IN TEMPO LA TUA COPIA (tiratura limitata)------ CARATTERISTICHE DELL'ANTOLOGIA: editore Alba Libri --- pagine 133 --- formato 14 x 21,5 --- traduzione inglese di Antonella Filippi (10 haiku della sezione individuale e 10 haiku della sezione collettiva)--- Accentazione ortoèpica lineare a cura di Pietro Tartamella --- prefazione di Pietro Tartamella --- nota introduttiva dell'editore Clirm Muca -------- COSTO A COPIA EURO 12,00 + SPESE DI SPEDIZIONE - OGNI 10 COPIE ACQUISTATE, UN COPIA IN OMAGGIO - L'ANTOLOGIA SARA' DISPONIBILE PER IL 21 NOVEMBRE 2010 GIORNO DELLA CERIMONIA DI PREMIAZIONE A CASCINA MACONDO ---- spese di spedizione - euro 7 per plico contenente da 1 a 5 copie, per l'Italia (euro 19 per l'Estero) - euro 9 per plico contenente da 6 a 10 copie, per l'Italia (euro 22 per l'Estero) - euro 13 per plico contenente da 11 a 20 copie, per l'Italia (euro 27 per l'Estero) - euro 19 per plico contenente oltre le 21 copie, per l'Italia (euro 33 per l'Estero)----- Preferiamo evitare il pagamento contrassegno (per gli eccessivi costi, e per non rischiare che il pacco torni in dietro non avendo il postino trovato nessuno in casa). Il pagamento va effettuato con Bonifico Bancario. Si prega (se ancora non è stato fatto) di inviare l'indirizzo esatto dove far recapitare il plico. Si prega di inviare una email non appena il bonifico è stato eseguito ---- Dati di Cascina Macondo per bonifico bancario: conto corrente N° 1000 / 13268 Istiuto Bancario 'BANCA PROSSIMA' filiale 05000 di Milano, Via Manzoni ang. Via Verdi, codice postale 20121 --- IBAN IT13 C033 5901 6001 0000 0013 268 per versamenti italiani --- BIC BCITITMX codice per versamenti internazionali --- intestazione del bonifico: Cascina Macondo - Borgata Madonna della Rovere, 4 - 10020 Riva Presso Chieri- Torino - Italia -- causale del versamento: Prenotazione copie 'Con fili invisibili'
torna su




RACCONTI D'INVERNO FUORI VIA - Cascina Macondo domenica 24 ottobre
UNA SERATA DI RACCONTI D'INVERNO FUORI VIA DOMENICA 24 OTTOBRE 2010 a Cascina Macondo --- Ci farebbe piacere averti con noi in questa festa con cena sinoira. Sii puntuale alle ore 19.30 portando buon cibo, vino, bevande da condividere. E i tuoi strumenti musicali. Durante la serata, nel salone Gibran di Cascina Macondo, intorno al fuoco del camino, gli allievi dell'ultimo Master di Dizione e Lettura Creativa ad Alta Voce ci faranno ascoltare bellissime storie -- Se vuoi leggere un brano anche tu, o vuoi allietarci con il tuo canto, o la tua muisica dal vivo, ci farà davvero piacere -- Saranno ospiti I NARRATORI DI MACONDO -- Verso le undici e trenta o giù di lì tutti a nanna, visto che lunedì si lavora. Come al solito ti invitiamo a prenotare. In quanti siete? - info@cascinamacondo.com
torna su




RCT-RESOCONTO della passeggiata haiku e SERRAFALO' di sabato 7 settembre
è on line sul sito di Cascina Macondo il resoconto della Passeggiata Haiku di Serravalle Langhe-Serrafalò svoltasi sabato 7 settembre 2010. Foto e testi di Vilma Burdizzo e Arianna Sacerdoti. Copia e incolla il seguente link sul tuo browser: http://www.cascinamacondo.com/index.php?option=com_content&view=article&id=345:rct-resoconto-della-passeggiata-haiku-di-serravalle-langhe-e-serrafalo-sabato-7-settembre-2010&catid=102:news&Itemid=90
torna su




IL DENTISTA ARRIVA A CASA - Torino
IL DENTISTA ARRIVA A CASA --- Un servizio di cure odontoiatriche totalmente gratuito e a domicilio per i pazienti che appartengono alle fasce deboli. Lo chiede l’ordine del giorno approvato il giorno 11 ottobre 2010 dal Consiglio comunale di Torino, con 32 voti favorevoli e un consigliere astenuto. Primo firmatario: Giuseppe Lonero (La Destra). Il documento impegna il Sindaco e la Giunta comunale ad attivarsi presso la Regione Piemonte affinché anche in Piemonte, e in particolare a Torino, venga istituito un servizio di prevenzione e cure odontoiatriche a domicilio per le persone non autosufficienti. Il servizio verrebbe gestito tramite l'uso delle “odontoambulanze”, sulla base del principio “non è il paziente che va in ospedale, ma è l'ospedale che va dal paziente”. Secondo l’ordine del giorno approvato, ciò permetterebbe di abbattere i costi delle spese sanitarie e di ridurre notevolmente le lunghe liste di attesa, soprattutto in favore di persone che vivono un grave disagio sociale. Un analogo servizio è in funzione presso la Città di Roma. Massimiliano Quirico Ufficio Stampa Comune di Torino - Consiglio Comunale - Piazza Palazzo di Città, 1 - 10122 Torino Tel. Ufficio: 011/44.23672 - fax 011/44.22424 massimiliano.quirico@comune.torino.it - www.cittagora.it
torna su




Frécciolenews - I TUOI COMUNICATI
DALLO STAFF DI FRECCIOLENEWS <><><><><> LUANA VARAGNOLO (referente responsabile) ---- FIORENZA ALINERI ---- OSCAR LUPARIA ---- FLORIANA PORTA ---- LAURA UBOLDI ----- PIETRO TARTAMELLA..... ricordano agli inserzionisti che: FRECCIOLENEWS... (COMUNITA' INTERNAZIONALE CHE SI SCAMBIA INFORMAZIONI E COMUNICATI) è la Newsletter settimanale gratuita di Cascina Macondo. Viene inviata a tutti gli iscritti (Utenti Only Mailing, Utenti Free, Utenti Professional) a partire dalla mezzanotte di ogni martedì. La Newsletter può essere utilizzata da chi organizza eventi, manifestazioni, presentazioni di libri, concorsi, mostre, spettacoli, corsi, stages, reading, proiezioni, inaugurazioni, commemorazioni, concerti, feste, conferenze, esposizioni, viaggi, incontri, iniziative- contenuti-annunci vari --------- PORRE ATTENZIONE PERO' AI COMUNICATI: DEVONO ESSERE CHIARI, CONCISI, SEMPLICI, ESSENZIALI. Devono semplicemente 'dare la notizia' (un buon esercizio preparatorio allo stile haiku!). Ricordiamo pertanto le sette domande tipiche del giornalismo, punti di riferimento per chi compila un comunicato o dà una notizia: CHI? COSA? DOVE? COME? QUANDO? PERCHE'? ed eventualmente anche il QUANTO? Se non sei tu ad organizzare gli eventi, dillo ai tuoi amici di questa opportunità.
torna su




CERIMONIA DI PREMIAZIONE DEL CONCORSO INTERNAZIONALE HAIKU 8° EDIZIONE 2010 - DOMENICA 21 NOVEMBRE
LA PREMIAZIONE del Concorso Internazionale Haiku in Lingua Italiana AVVERRA' DOMENICA 21 NOVEMBRE 2010 a Cascina Macondo - Borgata Madonna della Rovere, 4 10020 Riva Presso Chieri - Torino - Italia. Presenti i Giurati, la Redazione di Cascina Macondo, gli Sponsor, gli Autori premiati, la Stampa. La manifestazione è aperta al pubblico previa indispensabile prenotazione a causa dei posti limitati. Per lo stesso motivo si invita ogni bambino ad essere accompagnato al massimo da 4 adulti. PROGRAMMA CERIMONIA DI PREMIAZIONE CONCORSO HAIKU * inizio 14,30 puntuali * lettura ad alta voce intorno al fuoco degli Haiku vincitori a cura del Gruppo I NARRATORI DI MACONDO * concerto del gruppo MANOSONORA * proiezione del video BUDO ARTI MARZIALI E HAIKU prodotto dalla Fan Vision Cinematografica * cottura Raku dal vivo delle ciotole premio * consegna dei premi e dell’antologia CON FILI INVISIBILI * termine della manifestazione ore 18,30 circa - COMUNICARE LA PARTECIPAZIONE CON UNA EMAIL - COMUNICARE CON ALTRA EMAIL la prenotazione delle copie dell'antologia - info@cascinamacondo.com
torna su




MACONDOSCUOLA - gite didattiche a Cascina Macondo
con l'inizio dell'anno scolastico le insegnanti programmano le uscite didattiche. Destinazione per l'anno 2019? Cascina Macondo! ------------ GITE DIDATTICHE A CASCINA MACONDO ANNO 2019 da marzo a fine maggio: percorso di SCRITTURA CREATIVA e percorso di POETICA HAIKU per Scuole Elementari (classi 3° - 4° - 5°), Scuole Medie, Medie Superiori, Licei ------------ LETTURA CREATIVA AD ALTA VOCE per Scuole Elementari (classi 3° - 4° - 5°), Scuole Medie, Medie Superiori, Licei -------------- UN VIAGGIO TRA STORIE E ARGILLA per Scuole Elementari e Scuole Materne ------------------- WAKAN TANKA INDIANI DELLE PIANURE per Scuole Elementari e Scuole Materne --------------- PERCORSO DI TEATRO per classi terze, quarte,quinte della Scuola Primaria --------------- TUTTI I PERCORSI DIDATTICI SI SVOLGONO dalle ore 9.30 alle 15.30 ------- Costo invariato da quindici anni -------- gli stessi percorsi possono svolgersi, con opportune modifiche, anche presso la scuola -------------- SI CONSIGLIA DI PRENOTARE CON MESI DI ANTICIPO (settembre-ottobre)- Cascina Macondo sorge tra campi di grano e mais lungo la strada vecchia che da Riva porta a Poirino. D'inverno ancora vi si raccontano storie intorno al fuoco ------------- per informazioni dettagliate copia e incolla il seguente link sul tuo browser: http://www.cascinamacondo.com/index.php?option=com_content&view=article&id=56&Itemid=60
torna su




"5-7-5 UNIVERSO HAIKU" quindicinale a cura di Fabrizio Virgili - Nakamura Kusatao
"Sanbyaku toshi / Ima mata taka no / Kuru toki zo." (Nakamura Kusatao) ---- " Dopo trecento anni / Ritorna la stagione / in cui arrivano i falchi!" ------ In moltissime stampe giapponesi è possibile ammirare il volo dei falchi di Irako. Da ogni parte della nazione arrivavano a migliaia le persone, che restavano anche più giorni, accampandosi alla meglio, per assistere allo straordinario volo dei rapaci. Solo in poche occasioni essi muovono le ali velocemente, quasi agitandole. Per lo più al momento di prendere velocità per tuffarsi a picco verso la preda, avvistata in mezzo alla vegetazione. Quasi sempre invece, compiono grandi giri concentrici per esplorare il terreno, mantenendo le ali spiegate e sfruttando il vento. Kusatao, peraltro scomparso abbastanza di recente (1983) pubblicò questo componimento nella raccolta “Viaggio a Irako”. In altra occasione vi avevo ricordato “il falco alto levato” di Montale. Oggi invece veniamo soccorsi nella memoria da Matsuo Bashō. Questa città era famosa fin dall’antichità proprio per i suoi falchi e anche Matsuo scrisse un Haiku sull’argomento. Recitava così: "Taka hitotsu / Mitsukete ureshi / Irakozaki." --- " Un falco solo. / Che gioia trovarlo / al promontorio di Irako." ---- Il grande Maestro si era voluto divertire a giocare con le parole. Il poemetto presenta una doppia valenza, conosciuta a coloro che frequentavano l’autore. Il falco infatti era pure il simbolo del suo discepolo Tokoku, che egli si era recato a visitare ad Irako, ove questi era stato mandato in esilio. Un altro splendido esempio di Haiku sui falchi è il seguente: " A farsi vento / - ventaglio ad ala immota – / il falco ruota." In cui il bicipite valore del farsi illumina la scena. Il falco si fa vento, nel senso di accogliere sul corpo l’aria, ma allo stesso tempo può indicare che diventa vento. Kigo: taka (falchi)--- fabrizio.virgili@cascinamacondo.com --- cos’è un Haiku? / un attimo di vita / che si fa verso.
torna su




"CINEMATOGRAFO MON AMOUR" quindicinale di recensioni a cura di Gian Carlo Marchesini - "IL SEGRETO DEI SUOI OCCHI" di Juan José Campanella
Ho visto il film argentino – “Il segreto dei suoi occhi” di Juan José Campanella che ha vinto l’Oscar 2010 quale miglior film straniero. E’ un melò drammatico ben girato, ben recitato, ben costruito, ricavato da un romanzo di successo, con tutti i numeri e i requisiti quindi per garantire due ore di buon cinema un po’ all’antica, pieno di sentimenti forti, di passioni e di rimorsi, agnizioni e colpi di scena, ritorni al passato e al luogo del delitto. Insomma, cinema-cinema. Però non è del film che una volta tanto voglio parlare, ma proprio del cinema particolare dove mi è capitato di vederlo: l’arena all’aperto della romana Piazza Vittorio. Sapete, il quartiere Esquilino dove l’arena è collocata è diventato l’ombelico dell’incontro e dell’incrocio di tutte le razze, etnie, paesi del mondo presenti e rappresentati a Roma. Infatti, entrati a Piazza Vittorio, e per arrivare all’arena del cinema, attraversate un’ampia spianata dove si incontrano, passeggiano, giocano e chiacchierano gli esponenti di una trentina di etnie. Poi l’arena è splendida, vi trovate sotto il tetto verde di magnifici pini romani, le quinte sono costituite dalle gloriose e imponenti rovine romane dell’epoca di Mario e Silla. La platea è piena dei veri amanti del cinema di Roma, anziani in comitiva, famiglie con figli, coppie e coppiette di fidanzatini, e siccome alla proiezione non si assiste in un buio totale perché le luci arrivano lateralmente dalle strade esterne alla Piazza, avete modo di assistere a due film: quello sullo schermo, l’altro cogliendo e sbirciando sul viso di chi vi sta intorno il variare delle emozioni, l’esplodere della risata, la lacrima e il sorriso. Voi vi trovate a fare parte di una sorta di materiale e celeste corpo mistico, dentro una sola enorme pancia che alimenta all’unisono le emozioni di tutti. E credetemi, questa è la visione che io prediligo, non al buio completo come pipistrelli dentro la caverna, non in solitudine a casa davanti al televisore, ma dentro la piena magia del vero e grande cinema all’aperto, il cielo stellato come tetto e immersi nel collettivo. Poi all’uscita vi gustate un gelato o una fetta di anguria, e questo aggiunge quel pizzico di ritorno alle abitudini e ai riti dell’infanzia. E, mentre succhiate o sbocconcellate o sorbite, ascoltate le frasi e le osservazioni dei commenti degli spettatori che vi passano accanto. E anche quella, vi garantisco, nella serata di bel cinema sullo schermo e tutto intorno non è soddisfazione da poco --- giancarlo.marchesini@cascinamacondo.com
torna su




"UKA-SHA-SHA, ascoltando i Nativi Americani" , quindicinale a cura di Pietro Tartamella - "CATLIN IN EUROPA"
CATLIN IN EUROPA ---- Nell'autunno del 1839, il 25 novembre, George Catlin si imbarcò sul "Roscius" a New York diretto a Liverpool in Inghilterra. Il suo bagaglio pesava otto tonnellate. Era composto da 600 quadri, cento costumi indiani, decine di armi, decine di utensili, un tepee. Tutto quel materiale non lo cedette né a privati né allo stato che non volevano offrire un prezzo adeguato. Espose i suoi quadri a Londra nei Padiglioni Egizi. Catlin voleva pubblicare un'opera sui Pellerossa in Europa, perché in America l'ostilità contro gli indiani e contro quei bianchi loro amici avrebbero generato ostruzionismo a un libro come lui aveva in mente di scrivere. Malgrado i costi di produzione per le moltissime tavole, nel 1841 Catlin riuscì a pubblicare a Londra il suo libro: "Documenti e appunti di viaggio sugli strani usi e le originali costumanze degli Indiani del Nordamerica con 400 illustrazioni a cura dell'autore". La sera teneva conferenze sulla cultura indiana. Progettò l'idea di un Museo Etnografico che in America aveva sucitato derisione. Per pubblicizzare la sua mostra e il suo libro Catlin ingaggiò degli attori cui insegnò danze e canti e li fece esibire in concomitanza della mostra. Più tardi un gruppo di indiani Ojibway si unì alla sua compagnia di attori. Si esibirono al Buckingham Palace di Londra davanti alla regina e alle autorità. Era presente anche lo scrittore Charles Dickens che così giudicò i danzatori Ojibway: "Stavano accoccolati, sputavano sulla tavola. Esemplari di una razza consunta e marcia. Le loro danze si riducono ad un saltellare a tondo privo di senso. I loro canti fanno lo stesso effetto dell'urlo dei cori nelle opere italiane". Scoppiò uno scandalo quando uno dei danzatori Ojibway sposò una ragazza inglese. Un certo Rankin mise su una nuova compagnia con altri indiani lavorando in concorrenza e gli Ojibway si staccarono da Catlin. Nel 1844 Catlin pubblicò un altro libro: "Scene di caccia e svaghi degli Indiani del Nordamerica". Nel 1845 si spostò in Francia dove ebbe più successo come impresario. Venne ricevuto dal Re Luigi Filippo. Nel 1852 troviamo George Catlin viaggiare nel Sud America in cerca di oro -- pietro.tartamella@cascinamacondo.com
torna su




I Poeti de 'La Tenda', due anni di storia - CARATTERI E INCHIOSTRI
I POETI DE LA TENDA DUE ANNI DI STORIA autore Pietro Tartamella - editore LA TENDA EDITRICE - prefazione Agrippino Musso - lingua italiano - copertina disegno di Domenico Benedetto tratto da foto di Tony Di Lernia - anno di edizione 1975 - pagg 312 - formato cm 12,00 x 20,50 - segni particolari narrativa-biografia-documento - costo euro 18,00 + spese spedizione ******** descrizione: Con uno stile che cattura fin dalla prima pagina il libro narra i primi due anni di vita della rivista di Poesia e Letteratura “La Tenda” fondata a Torino nel 1972 da Pietro Tartamella e da un gruppo di poeti e scrittori torinesi (molti in verità di adozione). Erano i tempi in cui le riviste si stampavano col mitico ciclostile oggi scomparso. Il libro si apre con un aforisma ”...come se dio avesse mescolato una manciata di uomini in mezzo agli altri uomini, dando ad essi il compito di trovarsi...”. Stampato in cinquemila copie nel 1975 è stato venduto personalmente da Tartamella, Bruno Veri, Gianni Borraccino alla maniera dei “vo’ cumprà” sulle spiagge d’Italia sotto il sole cocente delle estati liguri e romagnole. Ne abbiamo ritrovato in soffitta due scatoloni, un centinaio di copie in tutto. Si sono conservate bene grazie al cellophane in cui erano avvolte. Là dove il cellophane ha ceduto le pagine appaiono un po’ ingiallite dal tempo. Veri cimeli insomma, e quasi quasi ci rincresce separarcene. Un documento della passione letteraria e della forza giovanile, un pezzo di storia attraverso il racconto delle bibliche fatiche sostenute agli inizi degli anni ’70 da un gruppo di poeti riuniti intorno a una rivista mensile uscita per quattro anni puntualmente ogni mese. - UN LIBRO PER GLI SCAFFALI DI TUTTE LE BIBLIOTECHE E LIBRERIE - per sostenere i progetti culturali di Cascina Macondo richiedi a info@cascinamacondo.com
torna su




I TUOI HAIKU NELLA HOME PAGE DEL SITO CASCINA MACONDO
Nella Home page del sito Cascina Macondo, sotto la tazzina del caffè fumante, è attiva la rubrica HAIKU DEL GIORNO. Gli Utenti FREE possono prenotare una data, inserire un proprio haiku e, volendo, dedicarlo a qualcuno. E' prevista infatti anche la possibilità di inserire nel form l'indirizzo di posta elettronica di un amico a cui volete dedicare l'haiku. L'amico riceverà automaticamente l'avviso 'c'è un haiku dedicato a te'. Leggeremo un nuovo haiku ogni giorno. E anche se non è vero che un haiku al giorno toglie il medico di torno, la cosa ci sembra carinissima - Staff Macondo
torna su




SONDAGGIO sull'accentazione ortoèpica lineare
nella home page del sito www.cascinamacondo.com c'è l'invito a esprimere un giudizio sull'accentazione ortoèpica lineare. E' un SONDAGGIO DI OPINIONI articolato in 8 possibili risposte. Vota la tua risposta. Per noi è importante: serve a capire se stiamo facendo qualcosa che potrebbe avere un futuro... <><> Se non sai che cos'è l'accentazione ortoèpica lineare e vuoi informarti per saperne di più copia e incolla il seguente link sul tuo browser: http://www.cascinamacondo.com/index.php?option=com_content&view=article&id=291:brani-con-accentazione-ortoepica-lineare&catid=102:news&Itemid=90 <><> Grazie per la collaborazione - staff CM
torna su




LA FORESTERIA DI CASCINA MACONDO 'Tiziano Terzani'
La Foresteria 'Tiziano Terzani' di Cascina Macondo è un appartamento ricevuto in comodato composto di una cucina, tre camere, un bagno. Possono pernottarvi, o soggiornarvi, a costi di Bed and Breakfast, i Soci dell’Associazione e coloro che (FAMIGLIE,SINGOLI O PRIVATI) intendono diventarlo, i Soci di Associazioni con finalità affini a quelle di Cascina Macondo, i Soci di Associazioni di promozione sociale e artistiche, coloro che aderiscono ad iniziative e attività promosse da Enti Pubblici e Privati. Il ricavato è a sostegno delle attività istituzionali di Cascina Macondo. Copia e incolla il seguente link sul tuo browser per vederne le immagini: http://www.cascinamacondo.com/index.php?option=com_content&view=article&id=331:la-foresteria-di-cascina-macondo&catid=102:news&Itemid=90
torna su




SCRITTURALIA - prossimo appuntamento domenica 7 novembre 2010 a Cascina Macondo - Riva Presso Chieri (TO)
Domenica 09 NOVEMBRE 2014 per un manipolo di scrittori appuntamento con SCRITTURALIA D'AUTUNNO --- tutto il giorno dedicato a scrivere su un tema estratto a sorte --- A fine serata lettura ad alta voce dei componimenti prodotti --------------- Forse scriviamo meno di quanto desideriamo. Troppe le cose da fare, troppi gli impegni, troppe le scadenze e le preoccupazioni. Occorre proprio un atto di volontà per dirsi 'oggi voglio dedicarmi a me stesso, a me stessa' e ricavarsi uno spazio creativo, una giornata solo per noi dedicata alla scrittura. Chiudere la serranda lasciando fuori il mondo con i suoi mille problemi, e scrivere, scrivere per una giornata in compagnia di altri appassionati di scrittura. Nel corso degli anni sono 612 i racconti prodotti dagli autori che hanno partecipato in Cascina alle domeniche di Scritturalia. In questo numero che aumenta nel tempo, potrebbe esserci anche un tuo racconto... --------------- I testi migliori e più interessanti prodotti a Scritturalia, a insindacabile giudizio della Redazione, verranno pubblicati sul sito di Cascina Macondo - si può partecipare anche da lontano via email - I POSTI SONO LIMITATI OCCORRE PRENOTARE - iscrizione solo attraverso il modulo on line sul sito di Cascina Macondo <><><><><><><><><><><><><><><><><><><><><><><><> CHI VUOLE ARRIVARE IL SABATO, O IL VENERDI, PUO' TRASCORRERE IL WEEK END A CASCINA MACONDO a costi di Bed and Breakfast, presso la FORESTERIA 'TIZIANO TERZANI' dell'associazione, una bella struttura di accoglienza che Cascina Macondo ha ricevuto in comodato <><><><><><><><><><><><><><><><><><><><><><><><> per info: info@cascinamacondo.com - ciao dallo Staff di Scrittori-Lettori-Narratori di Macondo - COPIA E INCOLLA SUL TUO BROWSER IL SEGUENTE LINK PER INFORMAZIONI DETTAGLIATE: http://www.cascinamacondo.com/index.php?option=com_content&view=article&id=219:scritturalia-estiva-prossimo-appuntamento-domenica-06-novembre-2011&catid=102:news&Itemid=90 ---------------------(nel riquadro affresco romano del 50 dopo Cristo 'donna con stilo e libro' (detta 'Saffo') ritrovato a Pompei. (Napoli-Museo Archeologico Nazionale)
torna su




Sponsor e sostegni
esprimiamo la nostra riconoscenza agli Enti, Istituzioni, Fondazioni, Associazioni, Ditte, Privati, che con il loro variegato sostegno consentono a Cascina Macondo di crescere, realizzare progetti, fare cultura esprimendo la propria vocazione di Promozione Sociale. Grazie. <><><><> Regione Piemonte - www.regione.piemonte.it <><><><> Motore di Ricerca Comune di Torino - www.comune.torino.it <><><><> Comune di Riva Presso Chieri - www.comune.rivapressochieri.to.it <><><><> Fondazione CRT - www.fondazionecrt.it <><><><> Fondazione Social - www.fondazionesocial.it <><><><> Fondazione Italia/Giappone - www.italiagiappone.it <><><><> Fondazione Paideia - www.fondazionepaideia.it <><><><> Villaggio La Francesca - www.villaggilafrancesca.it <><><><> Gruppo Haijin di Arenzano <><><><> Edizioni Angolo Manzoni - www.angolo-manzoni.it <><><><> Circolo dei Lettori - www.circololettori.it <><><><> Fanvision Produzioni Cinematografiche - www.fanvision.webs.com <><><><> Artigrafiche M.A.R. - www.artigrafichemar.it <><><><>
torna su




Frécciolenews Partners
MUSIC CLUB, mensile di musica e concerti live - www.musicclub.it <><><><> LA STAMPA, quotidiano di Torino - www.lastampa.it <><><><> TORINOSETTE, magazine settimanale de La Stampa - www.torinosette.it <><><><> COMUNICARE COME - www.comunicarecome.it <><><><> PUOIDIRLOQUI - www.puoidirloqui.it <><><><> DISABILI.COM - www.disabili.com <><><><> Radio Fahrenheit - www.fahre.rai.it <><><><> Digi.TO - www.digi.to.it <><><><> NEXT ARTE - LA PROSSIMA DESTINAZIONE DELL'ARTE http://www.nextarte.it <><><><> TRA TERRA E CIELO - www.traterraecielo.it <><><><> IMMIGRAZIONEOGGI - www.immigrazioneoggi.it <><><><> ARTESCLUSIVA L'ARTE DI DIVULGARE L'ARTE - www.artesclusiva.it <><><><>
torna su




ELOGIO DEL PENSIERO DIVERGENTE - Chivasso (TO)
Area Onlus organizza SABATO 16 OTTOBRE 2010 a CHIVASSO (TO) in partnership con il Festival Luoghi delle Parole il Convegno: "ELOGIO DEL PENSIERO DIVERGENTE". Si discuterà di creatività, letteratura e lettura, disablità, psicologia, pedagogia .... dalle 9 alle 13 con diversi ospiti e in particolare con il prof. Alberto Munari. "Creatività è sinonimo di pensiero divergente, cioè capace di rompere continuamente gli schemi dell'esperienza. È creativa una mente sempre al lavoro, sempre a far domande, a scoprire problemi dove gli altri trovano risposte soddisfacenti, a suo agio nelle situazioni fluide nelle quali gli altri fiutano solo i pericoli, capace di giudizi autonomi e indipendenti (anche dal padre, dal professore, dalla società), che rifiuta il codificato, che rimanipola oggetti e concetti senza lasciarsi inibire dai conformismi" (Gianni Rodari, La grammatica della fantasia)-- La partecipazione al Convegno è gratuita. per info: 011 9103591 o info@fondazione900.it - www.fondazione900.it - www.areato.org
torna su




Ritorniamo in Sardegna con Tiziano Terzani - Cagliari
A Cagliari, nel Maggio del 2006, riempiemmo il Teatro Alfieri. Una proiezione di "Anam, il senzanome" che ricordo ancora oggi con enorme piacere, per il "clima" e il sentimento che gli amici sardi mi trasmisero. Torniamo in Sardegna il 23 Ottobre in collaborazione con l'Associazione Culturale HyperionArt di Cagliari, ospiti dell'Hotel Regina Margherita, per una serata dedicata a Tiziano Terzani. L’incontro prevede alle 18.30 l’inaugurazione della mostra “NoEars, immagini dal silenzio”, di Max De Martino (cioè colui che sta scrivendo), fotografie ispirate da Tiziano Terzani e alle 19.30 la presentazione e la proiezione del film “Anam, il Senzanome”, del regista Mario Zanot, l’ultima intervista rilasciata da Terzani, a cui farà seguito un breve dibattito con il pubblico sui temi proposti dal filmato. In Sardegna veniamo di rado... Non mancate! Per informazioni potete chiamare i numeri: 333-47.30.227, 347-68.54.907 oppure: hyperionart@tiscali.it - max@luceambiente.com
torna su




Consiglio d’Europa: l’Assemblea parlamentare approva il documento sui rom che richiama i Paesi membri a vigilare sul linguaggio razzista e xenofobo soprattutto da parte dei politici.
Consiglio d’Europa: l’Assemblea parlamentare approva il documento sui rom che richiama i Paesi membri a vigilare sul linguaggio razzista e xenofobo soprattutto da parte dei politici. I parlamentari chiedono anche maggiore oculatezza nella gestione dei fondi Ue a favore dei rom ---- Proibire e prevenire discorsi di odio e discriminazione e usare meglio i fondi europei che dovrebbero essere investiti effettivamente nel supporto dei rom. Sono i punti principali della risoluzione che è stata votata ieri dall’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa (Apce), con il dibattito proposto in procedura d’urgenza “Le recenti polemiche in Europa sulla sicurezza a livello nazionale: il caso dei rom”. I rom ed i sinti contano quasi 12 milioni di persone nel Vecchio continente e l’Assemblea si è detta preoccupata perché “il dibattito sulla pubblica sicurezza, sempre più al centro delle tematiche politiche, è spesso connesso a linguaggi discriminatori che tendono a infondere insicurezza nei confronti delle etnie di cui fanno parte gli immigrati”. In questo senso l’Apce condanna fortemente “come razzista e xenofobico, e inaccettabile in una democrazia, l’uso di un linguaggio che stigmatizza i rom o altre minoranze o gruppi di immigrati”. Dunque “i politici hanno la responsabilità di eliminare linguaggi che stigmatizzano rom o altri minoranze e di promuovere messaggi di non discriminazione, tolleranza e rispetto”. Questo il punto centrale della risoluzione che invita dunque gli Stati membri “a rafforzare la legislazione nazionale sui discorsi legati all’odio e alla discriminazione”. Per quanto riguarda invece i fondi europei, la questione è entrata nella risoluzione grazie a un emendamento per cui è stata aggiunta la frase: “L’Assemblea prende atto che i finanziamenti Ue non vengono utilizzati come dovrebbero e che dovranno esser usati di più nel supporto dei rom” -- immigrazioneoggi@studioimmigrazione.it
torna su




Porta un amico in biblioteca
16 10 10 PORTA UN AMICO IN BIBLIOTECA. L'iniziativa lanciata dai bibliotecari Monica Mongiello di Vizzolo Predabissi e Gabriele Prinelli di San Donato Milanese, durante il mese di aprile ha avuto, ad oggi, l'adesione di 138 biblioteche tra italiane e svizzere. Si tratta di una giornata di mobilitazione per far conoscere le biblioteche pubbliche e private. Infatti, secondo le statistiche, solo il 15% della popolazione entra in una biblioteca e pertanto chiediamo ai nostri utenti affezionati di accompagnare un loro amico, che non è solito frequentarla, in biblioteca per fargli conoscere i servizi che offriamo e regalargli la tessera. L'iniziativa, patrocinata dal Sistema Bibliotecario Milanoest e da Italia Nostra Onlus, è stata promossa esclusivamente utilizzando il web ed in particolare i social network. Il Gruppo Facebook ha raggiunto quota 2000 utenti, e nel web sono decine i siti che hanno rilanciato l'inizitiva. Il Blog dell'evento ha avuto oltre 6000 contatti (oltre 200 al giorno nell'ultima settimana). Le biblioteche aderenti appartengono a: 2 stati, 19 regioni, 42 province --- Per info: gprinelli@gmail.com
torna su




Un brindisi con Pavese nelle Cattedrali Sotterranee - Santo Stefano Belbo
"Un brindisi con Pavese nelle Cattedrali Sotterranee" -- Sabato 16 ottobre 2010, ore 17.00, presso la Fondazione Cesare Pavese (piazza Confraternita, 1 - Santo Stefano Belbo), prenderà il via un "viaggio" nei luoghi dello scrittore cuneese, che si terminerà con un brindisi presso le Cantine Contratto di Canelli. Una guida accompagnerà i partecipanti dapprima nei locali della Fondazione, polo d'attrazione per ricercatori e appassionati, in cui è allestito un museo con oggetti e volumi appartenuti a Pavese. A seguire, passaggio in paese per osservare la collina di Moncucco e l'Albergo dell'Angelo dove egli era solito trascorrere i suoi soggiorni estivi. Dopo la visita alla casa natale dello scrittore, trasferimento nella bottega-museo “La Casa di Nuto” accanto al laboratorio di falegnameria di Pinolo Scaglione, miglior amico e confidente di Pavese, che a lui si è ispirato per il personaggio di Nuto nel romanzo “La luna e i falò”. Il percorso del museo è inteso come una conversazione tra i due amici attraverso brani autobiografici e letterari. L'itinerario terminerà a Canelli, presso le Cantine Contratto, sorta di vere e proprie “cattedrali sotterranee”: capolavori di ingegneria e architettura che si snodano sotto la città per oltre 3 chilometri. In questo ambiente suggestivo, scavato nel tufo, riposano le bottiglie che hanno fatto la storia dello spumante italiano. E al termine della visita (per la quale si richiede un minimo di 15 persone) le Cantine Contratto saranno liete di offrire un aperitivo a tutti i partecipanti. Costo euro 15 a persona, previa prenotazione tramite la Fondazione stessa (tel. 339 5315104). Quest’ultima organizza ogni fine settimana (con cadenza oraria a partire dalle 10.00) visite guidate ai luoghi pavesiani. Per ulteriori informazioni: turismo@fondazionecesarepavese.it - www.fondazionecesarepavese.it.
torna su




ALBUS edizioni presenta: 'DALLA STRUTTURA ALLA POESIA E DALLA TERZA ALLA QUINTA DIMENSIONE”
Nelle migliori librerie esce per ALBUSedizioni un altro interessante saggio: “DALLA STRUTTURA ALLA POESIA E DALLA TERZA ALLA QUINTA DIMENSIONE” di Nicola Mazzeo. Si tratta di uno studio originale sui rapporti tra le scienze esatte e le loro limitate e talvolta controproducenti applicazioni pratiche. L’autore sostiene che le matematiche, le geometrie e le loro funzioni, comprese quelle di equilibrio, non possono, da sole, costruire opere di ingegneria, architettoniche e urbanistiche né eseguire opere di restauro urbano ed architettonico; “in sintesi, esse non possono costruire spazi vivibili e, men che mai, degni di essere vissuti”, se non tengono conto della quarta e quinta dimensione, ossia dell’aspetto poetico di esse. Un’opera molto originale dove scienza e poesia si incontrano e mostrano come anche una razionale formula matematica possa contenere luce e tempo. La forza delle idee in essa contenute aprirà sicuramente nuove strade. www.albusedizioni.it - E-mail: info@albusedizioni.it
torna su




Dalla terra alla forchetta - Baveno
Presso la Sala polivalente del comune di Baveno - Piazza Dante Alighieri, 14 - Un percorso in quattro serate per approfondire i temi del consumo consapevole e riflettere su come ritrovare il legame tra il territorio in cui viviamo e i prodotti per la nostra alimentazione. Nutrirsi è una necessità imprescindibile, che pone ognuno di noi di fronte a molteplici scelte di acquisto, incoraggiate da campagne pubblicitarie seducenti ma poco interessate a rendere il consumatore consapevole dell’intera storia del prodotto in vendita. Ripartendo dai metodi di coltivazione delle materie prime, da un trasporto limitato nello spazio, dall’attenzione per gli imballaggi e per la durevolezza dei prodotti si arriva a un nuovo approccio basato non sullo spreco ma sulla preservazione dell’ambiente e delle risorse naturali. Serata di presentazione: 18 ottobre, ore 21.00. In questa occasione i partecipanti potranno iscriversi gratuitamente al ciclo di quattro incontri. ----- 3 novembre, ore 21.00 Nanni Salio, Centro Studi Sereno Regis 'Criteri e condizioni per la sostenibilità 'forte': vivere conservando il sistema' ---- 10 novembre, ore 21.00 Giorgio Cingolani, Centro Studi Sereno Regis 'Il modello produttivo dominante: come e perchè è insostenibile' ---- 17 novembre, ore 21.00 Federico Boario, Conservatoria delle Cucine Mediterranee del Piemonte 'Nella borsa della spesa: in che modo i prodotti agroalimentari arrivano al consumo' ----- 24 novembre, ore 21.00 Giorgio Cingolani, Centro Studi Sereno Regis 'Le alternative sostenibili'. Progettorealizzato con il sostegno della Regione Piemonte. http://www.dallaterrallaforchetta.org/
torna su




FestivalStoria '“Eroi o canaglie? I protagonisti del passato visti dagli opposti fronti”
Dal 14 al 17 ottobre 2010 si svolgerà a Torino, Saluzzo, Savigliano e Monforte d'Alba la VI edizione di FestivalStoria, la manifestazione ideata e diretta da Angelo d’Orsi, dal titolo “Eroi o canaglie? I protagonisti del passato visti dagli opposti fronti”. Nella Storia le grandi figure di condottieri, sovrani, conquistatori, leader politici hanno suscitato, a seconda del punto di vista dei loro osservatori, coevi o successivi, giudizi contrapposti. I capi politici e militari, impegnati in grandi imprese, di conquiste territoriali o di edificazione di nuovi Stati o nuove organizzazioni sociali, riuscendo vincitori o vinti, hanno dato vita a interpretazioni che ne hanno demonizzato o esaltato le figure. Se esiste una verità della Storia, la valutazione dei fatti accertati, e delle opere realizzate dagli individui, contiene un ampio margine di soggettività, che, nei casi estremi, può giungere ad apparire sotto forma di giudizi uguali e contrari. L’idea di FestivalStoria, come sempre, non è quella di giustificare tutto e tutto pareggiare in un giudizio neutro, ma quello di comprendere, ossia contestualizzare. Un conto è la Storia, un conto è il suo uso politico, insomma, ed è su questo che la VI Edizione del Festival intende soffermarsi, andando però sempre alla ricerca della verità. Ci saranno lezioni, conversazioni sotto forma di interviste, incontri tra due studiosi, in qualche caso alla presenza di un conduttore. Sono inoltre previsti recital e letture con accompagnamento musicale; brani di film a commento e illustrazione dei temi trattati. FestivalStoria è realizzato con il patrocinio della Città di Torino, dell’Università degli Studi di Torino, della Provincia di Cuneo, del Comune di Monforte d'Alba; con l'adesione del Presidente della Repubblica e con il Patrocinio del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. L’ingresso a tutte le manifestazioni è libero fino ad esaurimento posti, salvo diversamente indicato. Info: www.festivalstoria.org/ – tel. +39 011 530066
torna su




Habitat creativo, coltivare città - Treppo Grande (Udine)
Terra Argilla Territorio. Quando l'arte si proietta oltre confine, lo spazio pubblico torna ad essere luogo d'ideazione. Si svolgerà il 16 ed il 17 ottobre a Treppo Grande (Udine) il simposio di scultura ed arti visive l’argilla e la sua creatività. La due giorni, organizzata dal Comune di Treppo Grande insieme a Fi.Mar, prevede un’esposizione di installazioni lungo un percorso naturalistico caratteristico del luogo ospitante e un programma partecipato di arte pubblica. Il simposio si colloca all'interno di un evento culturale che prevede, da un lato, attività di analisi, progettazione e realizzazione di opere sviluppate da artisti in un laboratorio aperto e, dall'altro, un dialogo con il pubblico grazie ad una conferenza e ad una fase espositiva. Le installazioni potranno utilizzare l’argilla come materiale caratterizzante il luogo andando forse oltre le idee di eco-art, land-art e art in nature. Uno stimolo interessante verrà poi dall'incontro pubblico, nella serata del 16 ottobre presso Villa Bellavitis (Treppo Grande), a cui parteciperanno, tra gli altri, Francesca Agostinelli (Critica), Claudio Cavalli (Educatore), Flavio Milandri (Sociologo), Silvia Mornati (Artista). fantariciclando@libero.it
torna su




INCONTRI LETTERARI - 23 OTTOBRE 2010 - FORMIA
UMANITA' E CULTURA IN AMERIGO IANNACONE Incontri letterari 2010 --- Continua la serie di incontri letterari dei “Sabati da Margherita”, a Formia, Via Rubino n.42. Il 23 ottobre, alle ore 18, Rita Iulianis e Giuseppe Napolitano presentano “Umanità e Cultura in Amerigo Iannacone” in occasione della nuova edizione del volume “A zonzo nel tempo che fu” (Ed. Eva, Venafro 2010, pp. 96, € 14,00). La prefazione al libro è dovuto alla penna di Adriano Petta, scrittore molisano balzato all’attenzione nazionale per il suo ultimo libro “Ipazia, scienziata alessandrina” e la postfazione è di Tommaso Scappaticci, dell’Università di Cassino. Sarà presente l’autore. Ecco cosa scriveva, tra l’altro, il critico Francesco De Napoli, in una recensione alla prima edizione del libro: «“Io, che a Ceppagna sono nato e vissuto per tutta la vita, o quasi, non posso che odiarla di tutto cuore”. Cosí scrive, con ironia sottile, Amerigo Iannacone, prendendo in contropiede il lettore e capovolgendo ogni scontato ed edulcorato canone di gratuita bonarietà. È questo un racconto-confessione che spazia dai vibranti ricordi d’infanzia ai ritratti di bizzarri compaesani, il tutto dipinto con levigata disinvoltura e – a tratti – con brusca franchezza, in un misto di crudezza e di commozione. L’autore fa leva con forza su quella essenziale componente di pietosa comprensione che nasce dall’amore sincero, un sentimento capace di sciogliere ogni radicata forma di risentimento. Lo scopo è quello di tratteggiare con misurata sobrietà le vicende di questo “mucchio di case che non fa sognare gli innamorati”, sdrammatizzando coll’acume necessario circostanze ed episodi che pure vanno raccontati. L’attaccamento di Iannacone alla sua terra va visto sotto una luce particolare, altrimenti diviene difficile capire i motivi di un periodare cosí tenero e pungente, appassionato e amaro. Il suo sguardo severo implica innanzitutto la conoscenza profonda di svariate aree geografiche, ossia il confronto con diverse realtà umane, ed inoltre un bagaglio culturale elevato e completo, un po’ sull’esempio del piú volte citato nel libro Giacomo Leopardi. Il Grande Recanatese poteva permettersi di guardare al “natio borgo selvaggio” con il compassionevole disincanto di chi, pur conoscendo e sapendo, sente di doversi identificare nel proprio mondo a dispetto dell’ostilità della “gente zotica e vil”. [...] La piccola Macondo molisana cantata da Iannacone con lampi di autentica poesia è un anello dell’infinita catena dell’esistere: la sua apparente solitudine e la sua fascinosa verginità rappresentano una miniera d’oro per chi voglia studiare e capire le ragioni di dinamiche antropologico-culturali che altrove l’ipocrisia della modernità ha falsato e snaturato. Anche se “i tempi cambiano” – anzi, proprio perché “ci avviamo verso una cultura omogeneizzata” – dobbiamo essere grati a personaggi come Amerigo Iannacone il quale, testardamente ancorato a una terra senza fiori e senza frutti – “ma solo di radici” – ci impone di riscoprire un’identità smarrita. Ascoltiamo ammirati questa voce miracolata che si leva fra “lunghi silenzi” con “atavica pazienza”, perché a tanti di noi non è consentito neanche questo. C’è chi ha perso per sempre, distrutto o reciso ogni cognizione della propria lontana provenienza». PER INFO: http://amerigoiannacone.wordpress.com/
torna su




MILANO ICTUS, spettacolo poetico-musicale - Milano
Il 29-30-31 ottobre 2010 al Teatro Filodrammatici di Milano va in scena “MILANO ICTUS”, spettacolo poetico-musicale, che racconta il crollo del Duomo di Milano. A narrare la storia due protagonisti: Ambrogio Colombo, Primario d’Ospedale, travolto dal crollo, e un cantastorie della vecchia Milano, testimone da Piazza dei Mercanti del tragico evento. Il crollo del Duomo, cuore e simbolo della città, è l’agente che scatena un recupero dello spirito originario di Milano, rintracciabile in tutta la sua storia dalla fondazione ai giorni nostri. Milano, come fosse un uomo colpito da ictus, riabilita il suo linguaggio e il suo sentimento popolare, nel tentativo di stabilire una rinnovata relazione tra lingua italiana e dialetto milanese, uomo e parola poetica, città e canto interculturale, comunità e suono universale. --- Ictus come colpo. Ictus come accento ritmico di un verso, di un passo che segna un cammino. Ictus come scoperta del Battistero di Sant’Ambrogio. Ictus come pesce, acrostico cristologico (Ichthùs-pesce) che significa “Gesù Cristo figlio di Dio Salvatore”. Ictus come accidente cerebrovascolare che nasce e muore nel cuore di Milano: il Duomo. Ictus come crollo del Duomo di Milano. --- MILANO ICTUS è non solo originale ma originario: unisce la cultura giudaico-cristiana occidentale col canto armonico, disciplina yogica orientale che permette di sintonizzarsi con l’energia del suono; unisce la musica cross-over, ancestrale e dirompente di Massimiliano Varotto e del suo ensemble di percussionisti Danno Compound (10 elementi), con la musica popolare, semplice, del cantastorie milanese Francesco Marelli. --- di e con Dome Bulfaro, con Francesco Marelli, Lorenzo Pierobon, Massimiliano Varotto & ensemble di percussioni Danno Compound - musiche originali Massimiliano Varotto, Francesco Marelli - canto armonico Lorenzo Pierobon. --- Info e prenotazioni: Teatro Filodrammatici (via Filodrammatici 1 - MM Duomo Linee 1 e 3) Tel. 02.36595671 - info@teatrofilodrammatici.com - www.teatrofilodrammatici.com – info generali e VIDEO PROMO dello spettacolo su www.poesiapresente.it - millegru@poesiapresente.it – info per la stampa, richiesta interviste: Cristina Spagna cristina.spagna@lettera22.net - tel. 335.6359337 --- Orario spettacoli: venerdì 29 e sabato 30 ottobre ore 20,45 - domenica 31 ottobre ore 16,00
torna su




NEW BASIC con Harold Dull - Collestrada (PG)
16 e 17 ottobre 2010 Harold Dull terrà il 'NUOVO WATSU BASE' a Collestrada (PG), un’occasione davvero speciale per incontrare il genio creativo di Harold e condividere con lui questa nuova forma di Watsu. Per voi che siete alla prima esperienza, imparerete i movimenti e le posizioni di base del Watsu e come, in modo simile al Tai Chi, rimanendo centrati e connessi con il respiro, si possa ridurre il proprio sforzo e far lavorare l'acqua. Nel continuo ritorno alla Danza del respiro dell'acqua si può trovare la quiete da cui origina la presenza. La connessione con lo spazio del cuore, insieme al flusso del respiro, vi darà modo di accedere alla dimensione del flusso libero, dove una sequenza di movimenti verrà a crearsi dallo spazio della gioia creativa. Per voi che invece avete già avuto modo di sperimentare la prima forma del Watsu Base, sarà l’occasione per poter lavorare in presenza di Harold e sperimentare un nuovo modo di condividere la sequenza già appresa. Orari: dalle ore 10.00 di sabato 16 alle ore 17.00 di domenica 17 ottobre 2010. Costo del corso Watsu Basic: 150,00€ (inclusa registrazione al registro mondiale WABA) Per informazioni più dettagliate e ricevere le schede di iscrizione contattare Keli: mail: keli@watsu.it cell: 349 4712593
torna su




presentazione 'Dismissione' di Fabio Orecchini - Roma
Giovedì 14 ottobre ore 21,00 presso l'Associazione Culturale 'Beba Do Samba' - Via de Messapi, 8 San Lorenzo Roma - CONTAMINATI: Presentazione del poema civile Dismissione (Ed. Polimata, 2010) di Fabio Orecchini. Intervengono: Ivan Schiavone poeta, curatore della collana Extratione per i tipi di Polimata. Claudio Orlandi voce del progetto Pane. Avv. Ezio Bonanni Coordinatore Affari Legali dell’Osservatorio Nazionale Amianto. A seguire: Performance “Damianto/Stanze” – il gruppo Pane presenterà in musica e voce alcuni brani tratti dal libro. Scheda libro: http://www.polimata.it/dettaglio_000.php .
torna su




La CIA contro il Che – un libro di Adys Cuppull e Froilán González
La CIA contro il Che – un libro di Adys Cuppull e Froilán González --- A ridosso dell’anniversario della morte di Ernesto Che Guevara, la Casa editrice “Edizioni Achab” segnala all’attenzione del pubblico il lavoro di Adys Cupull e Froilán González, scrittori e storici cubani. Frutto di una ricerca durata quasi dieci anni, il libro (pp. 184 - Euro 13,00 - 2007) tende a mostrare, attraverso testimonianze e documenti, il coinvolgimento della CIA nell’assassinio del Che e dei suoi uomini. Con estrema fedeltà ai fatti, gli autori ricostruiscono le ultime ore del Che, i dettagli su chi e come prese la decisione di eliminarlo, le contraddizioni all'interno delle alte sfere governative boliviane, sino alle vicende della pubblicazione all’Avana del diario del grande rivoluzionario argentino. Per ulteriori informazioni: www.edizioni-achab.it - www.achablog.blogspot.com
torna su




I giochi del teatro - Torino
Sabato 23 e Domenica 24 ottobre 2010 ore 14:00 – 19:00, a Torino, presso l’Atelier delle Arti Contemporanee e Terapeutiche Via Cuneo 43/G, stage di Dramatherapy 'I GIOCHI DEL TEATRO' - Giochi tratti dal Metodo del Teatro Sociale e Terapeutico di Peter Slade ed Augusto Boal. --- Perché il gioco? Il gioco creativo è un’esperienza che apre i canali della percezione sensoriale, del coinvolgimento corporeo-emotivo, della comunicazione intuitiva e paralinguistica per accompagnarci fuori dal quotidiano, all’interno del nostro potenziale espressivo. Lo stage è rivolto a tutti coloro che vogliono ritrovare il proprio flusso vitale, condividere un’esperienza gioiosa e, al tempo stesso profonda, che permetta un miglior proseguimento del proprio cammino interiore. E’inoltre inserito nel corso di Perfezionamento in Dramatherapy, rivolto a laureati e diplomati in discipline teatrali e artistiche, Accademie Teatrali, DAMS, Facoltà psicologiche, antropologiche, di scienze dell’educazione, professionisti ed operatori nei campi artistici, psicologici, sociali, pedagogici. --- Per informazioni e iscrizioni: Centro di Dramaterapia – Teatro Reginald --- Tel. 011.710139 cell. 333.7458504 reginaldaui@libero.it www.dramaterapia.it
torna su




RADIO FAHRENHEIT - Alberto Melloni, Salvatore Lupo, Valentina Furlanetto, Giulio Giorello, André Glucksmann, Meir Shalev, Alberto Asor Rosa, Caterina Bonvicini, Jean-Michel Guenassia, Andrea De Carlo, Anna Mahjar-Barducci, Claudio Recalcati...
Settimana dal 15 al 19 novembre --- È la filosofia morale a inaugurare la nuova settimana di Fahrenheit: ospite in apertura del programma, lunedì, è Eugenio Lecaldano, che ha da poco scritto, per l?appunto, Prima lezione di filosofia morale. Lo stesso giorno, nel consueto spazio di approfondimento (alle 17,00), racconteremo il convegno fiorentino organizzato dal Coordinamento delle riviste culturali, che avrà luogo martedì mattina col titolo ?Le riviste italiane di cultura e il loro ruolo nel XXI secolo?. Per il Libro del giorno, sempre lunedì, ospiteremo il critico Andrea Cortellessa, con cui parleremo di Si riparano bambole (Bompiani), una delle opere più rappresentative dello scrittore siciliano Antonio Pizzuto (scomparso il 23 novembre del 1976). Martedì incontreremo, in apertura, Michele Rak, critico letterario e storico della cultura, che a partire dal suo libro La letteratura di Mediopolis, cerca di captare i mutamenti nel sistema dei media. Nell?approfondimento delle 17,00 sarà nostro ospite il vignettista Francesco Tullio Altan, inventore di Cipputi e della Pimpa. Altan è in questi giorni a Roma per la mostra che gli dedica la galleria Tricromia. Per Libro del giorno, restando a martedì, sarà con noi il regista e attore Marco Baliani, che ha riadattato per il teatro il romanzo di Curzio Malaparte, La pelle. Mercoledì sarà dedicato a esponenti della cultura europea: in apertura, sarà con noi il giornalista e scrittore svedese Peter Froberg Idling, che nel suo libro Il sorriso di Pol Pot racconta la sua vita in Cambogia. Mentre per il Libro del giorno, parleremo con uno dei più controversi scrittori d?oggi, il francese Michel Houellebecq, reduce dalla recente vittoria del Prix Goncourt col suo La carta e il territorio (Bompiani). Giovedì, in apertura, parleremo con Giangiacomo Nardozzi del suo Il futuro dell?Italia, un viaggio tra le piccole aziende del Paese per analizzare le ragioni di una delle più gravi crisi economiche, che ha colpito molto duramente gli oltre 300 mila imprenditori di questo settore. In chiusura della settimana, venerdì, dedicheremo una puntata speciale alla Giornata per la prevenzione dell?abuso e della violenza sui bambini. Le parole del Vocabolario migrante sono affidate, questa volta, a Jasmine Taskin, giornalista turca, corrispondente da Roma del quotidiano Sabah. Buon ascolto su Radio3. La redazione di Fahrenheit - www.fahre.rai.it - fahre@rai.it
torna su




Premio 'Fari nella città' - Torino
Il Premio Arti Visive 2010, dal tema 'Fari nella città' On the road, è giunto alla seconda edizione, è un concorso internazionale d’arte contemporanea organizzato dall'associazione Arte Cultura Immagine A.C.I. Gallery, con il patrocinio dell'Automobile Club Torino. I numerosi artisti che aderiranno al concorso potranno cimentarsi in tutte le arti visive (pittura e fotografia) dando un affresco, illuminando con la loro arte e la loro sensibilità (come se fosse un faro) i luoghi suggestivi e magici della città. Un’idea fresca e vincente per valorizzare l’anima delle metropoli e renderle mistiche e pregiate come solo l’arte sa fare. L'esposizione delle opere selezionate si terrà dal 3 al 26 Novembre 2010, nel salone della Sede centrale dell’Automobile Club, in Via Giolitti 15, nel cuore della città di Torino. La premiazione, presentata dal poeta Ermanno Eandi, si terrà il 18 novembre sempre nello stesso luogo. Termine ultimo per le iscrizioni il 18 ottobre 2010. Ogni artista potrà partecipare a più sezioni contemporaneamente, con al massimo due opere per sezione, rispettando il tema e attenendosi alle misure descritte nel regolamento. Informazioni ed iscrizioni: A.C.I. Torino, www.acigallery.it . www.eandiermanno.it
torna su




WHEN THE SAINTS - 17 OTTOBRE, 5-27 NOVEMBRE E 18 DICEMBRE 2010 - CASTELNUOVO DON BOSCO (AT)
L’Associazione culturale 'When the saints' riprende l’attività con quattro eventi in programma: -Dom. 17 ottobre ore 17.00 Rob Sudduth Jazz quartet -Ven. 05 novembre ore 20.30 Salotto Musicale Fantasticando - Sab. 27 novembre ore 20.30 Serata con il Jazz manouche - Sab. 18 dicembre ore 20.30 Concerto per Pianoforte solo (Beethoven)---- Il primo evento di domenica 17 ottobre ore 17.00 presso la Sala Consiliare in Via Roma n. 12 Castelnuovo Don Bosco, è particolarmente interessante, di qualità “internazionale”. Il quartetto di Rob Sudduth è composto dallo stesso Robert Sudduth, saxofonista USA che ha suonato con Billy Joel e con Nora Jones, da Alberto Marsico un grande dell’organo Hammond, che ha presentato lo strumento anche a Superquark, il chitarrista Alessandro Chiappetta vincitore con il suo quartetto del contest MONCALIERI JAZZ 2009, come miglior gruppo e composizioni e il batterista Alessandro Minetto che vanta numerose collaborazioni di prestigio nazionali e internazionali (Gianni Basso, Francesco Cafiso, Gianni Coscia, Ares Tavolazzi, Fabrizio Bosso, Steve Grossmanm Lee Konitz)-- Si prosegue il 5 novembre con la formula del salotto musicale, nel quale durante un’audizione il pubblico viene introdotto nel mondo della musica classica (autori, vite, vicende, particolarità). Questa volta in “Fantasticando” si parla delle grandi opere musicali ispirate dalle opere di scrittori, quali il Sogno di una notte di mezza estate di Felix Mendelssohn (Shakespeare) ecc. Musica e letteratura si incontreranno rendendosi reciproco omaggio -- Sabato 27 novembre sarà la volta dui un genere che richiama sempre più appassionati: il Jazz manouche, sulle orme di Django Reinhardt, il chitarrista belga di etnia sinti -- In ultimo, il 18 di dicembre, un “Classico”, ossia un concerto per pianoforte solo dedicato ad una grande opera di Beehtoven (la Tempesta) eseguito dall’amico e grande pianista Enrico Lini --- Tutti gli eventi si svolgono in Castelnuovo Don Bosco, presso la Sala Consiliare del Comune o presso Terre dei Santi. Gli eventi sono gratuiti e l’Associazione sostiene la propria attività grazie ai tesseramenti dei soci, agli sponsors, ai contributi di Enti e Fondazioni, che qui pubblicamente ringrazia. Senza queste risorse WTS non potrebbe realizzare quanto si propone: portare sul territorio l’arte e la cultura nelle svariate forme : musica, arti visive, ma anche letteratura, teatro ecc., sempre con un attenzione ai giovani artisti e ai grandi personaggi che vivono il nostro territorio. PER INFO: When the saints (WTS) Associazione culturale Piazza Dante n. 34 - 14022 Castelnuovo don Bosco (AT) tel./fax: 011.9927006 - E-mail: asswts@gmail.com - Myspace: www.myspace.com/asswts
torna su




a Calliope - colei che ha bella voce - Vimercate (MI)
DOMENICA 24 OTTOBRE - ore 21.00 - teatrOreno - via Madonna 14 - Oreno - Vimercate MB: "a Calliope - colei che ha bella voce" --- ideazione Fabio Pessina - riduzione e conduzione Antonello Cassinotti - video fondali live Giacomo Verde - voci nude Antonello Cassinotti, Daniela Visani - voci vestite Alessandra Patrucco, Andrea Reali - curatore fonica Tommy Peres - a cura di delleAli teatro - fotografo di scena, organizzazione Valeria Codara - distribuzione, ufficio stampa Lorenza Brambilla - info@delleali.it
torna su




SUPERFICI D’ISTANTI - Galleria Rizomi - Torino
SUPERFICI D’ISTANTI Dal 29 ottobre al 31 dicembre 2010 Galleria Rizomi Corso Vittorio Emanuele II, n. 28 10123 Torino ----- Rizomi è la prima galleria in Italia che si occupa esclusivamente di art brut e outsider art. Lo scopo della galleria è duplice: portare l’arte outsider ai collezionisti italiani e stimolare un serio dibattito culturale affinché queste forme di espressione siano riconosciute come arte legittima e separate da ogni argomentazione psichiatrica, riabilitativa o terapeutica. Il nome che abbiamo scelto per la galleria è Rizomi. Il rizoma è una forma particolare di radice: cresce generalmente sottoterra e ha la capacità di sviluppare nuove radici dai suoi nodi. Può riprodurre se stessa in condizioni sfavorevoli. Nel lavoro dei filosofi francesi Deleuze e Guattari, il rizoma diventa una figura metaforica per descrivere una forma di conoscenza che permette punti di entrata e uscita multipli, radicalmente non gerarchica o binaria. Si associa bene dunque al lavoro di artisti che lavorano con qualsiasi cosa abbiano a portata di mano e che riproducono i propri pensieri senza alcun collegamento stabilito con ciò che è comune e organizzato e può in ultima analisi descrivere la relazione tra un osservatore e qualsiasi alterità senza sminuire nessuna delle due. Il rizoma è la forma della relazione tra il lavoro di art brut e il suo (fortunato ed eventuale) pubblico. Art brut, outsider art, self-taught art (arte autodidatta) folk art, sono tutte etichette che si riferiscono, in modi propri, ad espressioni artistiche che hanno un minimo comune denominatore: il nascere e lo svilupparsi al di fuori dei circuiti artistici ufficiali. L’attenzione per questo tipo di arte nasce a metà degli anni ‘20 del XX secolo quando artisti quali Picasso, Klee e Kandinsky mostrarono interesse per l’arte dei bambini e dei primitivi, psichiatri quali Prinzhorn e Morgenthaler studiarono l’espressività dei pazienti manicomiali e i surrealisti collegarono l’espressività alle forze dell’inconscio. Il famoso artista Jean Dubuffet, chiamò quest’arte “art brut” e si dedicò alla ricerca, alla scelta, alla collezione e alla teorizzazione delle sue espressioni. I suoi sforzi oggi possono essere ammirati a Losanna, città alla quale nel 1973 Dubuffet donò tutta la sua Collection de l’art brut. Insieme a questa ufficializzazione dell’arte non-ufficiale si possono ammirare oggi anche gli esiti raccolti nella collezione Prinzhorn ad Heidelberg e quelli inaugurati da Morgenthaler della Fondazione Wolfli a Berna. Artisti brut sono coloro che provenienti da varie storie di segregazione, vuoi perché esclusi dalla cultura ufficiale per ragioni sociali, ragioni mediche o anche semplicemente per le proprie personali credenze, creano sulla scorta di un bisogno che è prima di tutto individuale, quindi sostanzialmente estraneo al mercato e alla cultura ufficiale dell’arte -- www.rizomi.com - info@rizomi.com - +39 011 5788808
torna su

*Ricevi questa mail in quanto sei iscritto alla lista "FRECCIOLENEWS" *

Se vuoi cancellarti dalla lista invia una email a info@cascinamacondo.com


Copyright (C) 2018 *|www.cascinamacondo.com|* All rights reserved.